L’equivoco Callejon: da erede di Chiesa a non può fare il quinto

Per quale modulo era stato preso lo spagnolo? Un arrivo ritardato e il Covid hanno compromesso i suoi primi mesi in viola

di Pier F. Montalbano, @____MONTY____

Non può fare il quinto“, parola di Cesare Prandelli. E nemmeno la seconda punta a giudicare dalle poche volte in cui si è cimentato in quel (nuovo) ruolo quando in panchina c’era Beppe Iachini. E con il ritorno (transitorio, chissà) al 3-5-2 Josè Maria Callejon rischia di diventare l’equivoco del mercato e della rosa viola, visto e considerato che in questo momento sembra non avere una precisa collocazione in campo. “Io sono Callejon” rispose fiero e sicuro appena sbarcato a Firenze quando gli fu chiesto se l’eredità di Chiesa poteva pesargli; ma per ora il giocatore ammirato a Napoli fra tagli alle spalle della difesa, assist a ripetizione e sprazzi di classe non si è visto neanche lontanamente.

Il perché

Dopo l’addio dal Napoli lo spagnolo ha vissuto settimane da svincolato, allenandosi da solo ma senza una preparazione vera e propria con compagni di squadra e punti di riferimento. Comprensibile dunque, che all’inizio avrebbe faticato e il suo inserimento è stato infatti graduale: pochi minuti con lo Spezia, titolare (ma arrugginito) contro Udinese e Roma venendo sostituito attorno all’ora di gioco, in mezzo il rodaggio contro il Padova dove segna e gioca tutto il match. Alla vigilia della gara di Parma poi, la positività al Covid che pesa come un macigno. Niente allenamenti, isolamento, un inesorabile calo di forma dettato dalla lontananza dal campo. Reset, serve ripartire da zero. E lo fa anche Prandelli non appena lo ha a disposizione: sì, perché dopo Milan e Genoa il n° 77 perde posizioni nelle gerarchie viola. A Bergamo gli viene preferito Lirola – salvo poi entrare a gara ormai compromessa -, con il Sassuolo siede novanta minuti in panchina e anche oggi non partirà titolare.

Colpa del cambio di gioco, del ritorno a quel 3-5-2 per cui era stato preso: sostituire Federico Chiesa. Ecco l’equivoco. Forse alcune valutazioni in estate sono state fatte in maniera sommaria, dettate anche dalla necessità di prendere un nome di spicco in quella zona del campo. Che fino a ora non ha purtroppo reso per quello che è sempre stato il suo reale valore da tanti anni di Serie A. E quando vede il Verona si scatena

Caicedo via? Lotito può darlo alla Fiorentina a prezzo di saldo. Ma dipende da Muriqi

Callejon
Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images
6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gasgas - 1 mese fa

    Penso che solo uno se lo immagini quinto…e si vedono i risultati con le sue intuizioni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Etrusco - 1 mese fa

    Callejon non ha più lo smalto per fare il tutto fascia ma neppure l’esterno di centrocampo se ciò comporta arrivare fino a dentro l’area avversaria, per lui solo possibilità di fare tipo l’attaccante laterale oppure l’ospizio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Aristocrazia Viola - 1 mese fa

    Nemmeno Sottil potrebbe farlo, l’acquisto di Callejon nasce dalla fretta di rimpiazziare Chiesa ultimo giorno di mercato, ma c’è un equivoco tattico da risolvere. Per adesso il giocatore non è purtroppo in condizione fisica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. antonio capo d'orlando - 1 mese fa

      Callejon può giocare in un 3421, dietro la punta, ma la sua collocazione è come sostituto di Ribery. Credo che Prandelli lo utilizzerà cosi, quando si sarà ripreso dal Covid. Attenzione a sottovalutare questa malattia, chiunque l’ha preso in modo discreto, ha dei seri problemi di affaticamento, problemi confermati da amici che sono stati soltanto positivi. Ecco spiegato il segreto Pulgar che non riesce a correre come faceva lo scorso anno. Ho detto correre, non giocare1. FV

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Lore1697 - 1 mese fa

    Callejon non è altro che l’ennesima genialata della nostra fenomenale dirigenza (appoggiata da quell’altro fenomeno di Iachini, perché pare l’abbia voluto fortemente anche lui).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Barsineee - 1 mese fa

    un altro capolavoro di Pradè, un po’ come Duncan, Agudelo, Badelj, Boateng, Pedro, Igor … insomma un investimento per il futuro

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy