Dal mercato alla sconfitta dell’Olimpico, tutti gli errori della Fiorentina e di Iachini

Ripercorriamo tutto ciò che la Fiorentina ha sbagliato in questo avvio di stagione: dalle scelte sul mercato a quelle sul campo di gioco

di Redazione VN
Iachini-Ribery

Sulle pagine del Corriere dello Sport, troviamo un approfondimento su tutti gli errori della Fiorentina fatti in questa stagione, dalla costruzione della squadra alle scellerate scelte di Iachini nella gara contro la Roma. Partendo dalla sessione estiva, si pone la lente di ingrandimento sulle carenze del mercato, che avrebbe dovuto portare un regista per il centrocampo, per dare supporto alle tante mezze ali di valore, e un centravanti per rimpolpare il reparto offensivo, cosa che non può assolutamente fare Callejon.

Sulle pagine del quotidiano, poi, ci si interroga sulla valutazione data alla rosa della Fiorentina, che si è rinforzata, ma sembra ancora lontana dalle zone europee, soprattutto dopo la cessione di Chiesa. Squadra che, oltre alle rivedibili scelte di Iachini, ha il suo leader tecnico in un ragazzo di 37 anni come Ribery, al quale non ci si può affidare ogni domenica. Per chiudere, anche l’assenza di tifosi sta pesando sulla Fiorentina, abituata a farsi trascinare dal calore della gente.

Beppe-iachini

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gasgas - 3 settimane fa

    A Firenze servono facce nuove. Basta ritorni e minestre riscaldate. Gente competente che sa districarsi con l’autofinanziamento e un tecnico che sa far giocare la squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Assoluto - 3 settimane fa

    Iachini e Pradè sono incompatibili e la campagna acuisti lo dimostra chiaramente. Siccome prima di loro esiste la società via entrambi con tutto lo stuolo dei relativi enturage compreso il settore giovanile. Un DS magari giovane (Coverciano ne sforma in continuazione)e un allenatore compatibile lasciando perdere quelli da 5/6 milioni l’anno i quali senza società vanno poco lontano (vedi rifiuti vari). Partiamo dal basso e risaliremo altrimenti sarà come mettere una toppa su una camera d’aria usurata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. pino.guastell_9534945 - 3 settimane fa

    Lecito esonerare Iachini che dimostra partita dopo partita di non essere un allenatore di una squadra di serie A. Ma è altrettanto lecito licenziare il signor Prade’ per avere portato a Firenze dei giocatori scarsi o comunque non all’altezza per giocare in una squadra che milita nel campionato di serie. Sul nuovo allenatore sono contrario al ritorno di Montella perché ha fallito quando lo hanno richiamato due stagioni fa. Non dobbiamo dimenticare il filotto di sconfitte che stavano per farci precipitare in serie B. Prandelli come traghettatore sarebbe ideale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. nacchero - 3 settimane fa

    Iachini ha fatto lo stesso identico errore di Montella lo scorso anno, giocatori fuori ruolo, moduli senza punte, cambi di formazione in corsa al limite dell’assurdo, io non capisco come un allenatore non si renda conto che con queste scelte si ammazza calcisticamente da solo, posso capire ci provi 1, 2 ,3 volte ma se non ti va bene è inutile che ti incaponisci su questa cosa piuttosto che provare a cambiare e giocare puntando su i giocatori più forti mettendolo appunto nel suo ruolo e facendoli rendere al meglio costruendogli intorno il gioco, a me pare paradossale che nessuno riesca a farglielo capire eppure Beppe non mi pare un bischero.
    Ma capisco ancora di meno il voler riportare montella uno appunto che un anno fa è stato cacciato perchè aveva fatto esattamente le stesse cose di beppe, per la serie continuiamo a farci del male da soli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. redellamaratona - 3 settimane fa

    Caro Saverio credo che sia necessario chiarire un concetto.La società ha colpe precise,più che per la scelta della rosa,per la scarsa organizzazione,per la difficoltà nella gestione del settore tecnico,e specialmente per il rapporto con i giocatori.Questi professionisti,negli ultimi tre anni,sono stati coccolati,protetti,si sentono già arrivati e vogliono solo andare in compagini più prestigiose.Il loro impegno è solo di facciata,cioè,il minimo indispensabile.Una società che tollera il silenzio assordante(scusa l’ossimoro) di Chiesa e addirittura lo nomina capitano alla vigilia della partenza,una società che accetta che i suoi migliori giocatori non accettino nemmeno di parlare di prolungamento di contratto,una società che conferma un allenatore perché è una brava persona,una società che conferma il d.s perché si è comportato bene durante Il lockdown è solo destinata al fallimento.Nel calcio ci vuole pugno duro,d.s che vivono il campo di allenamento, continuamente vicino all’allenatore e ai giocatori,stimoli,ambizioni e chi sbaglia in tribuna.Iachini ha grandi colpe ma,secondo me,il maggior colpevole è Prade che oltre agli errori della campagna acquisti,abbastanza giustificabile non si sa imporre e non ha potere nei confronti del tecnico e dei giocatori.Commisso deve capire che il calcio non si gestisce come un’azienuda normale e che il buonismo e l’ambiente familiare con giocatori superpagati e viziati non porta a nulla,anzi è deleterio.Credo che sarebbe giusto scrivere e parlare di tutto ciò e tu hai le competenze per farlo.Cari saluti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy