Dal campo al mercato: gli indizi su Ranieri, Ceccherini e co. Sorpresa Montiel

Dal campo al mercato: gli indizi su Ranieri, Ceccherini e co. Sorpresa Montiel

Ranieri, Castrovilli e Sottil promossi stabilmente da Montella, ora spera anche Montiel. Simeone e Ceccherini sul mercato

di Simone Bargellini, @SimBarg

Prima le scelte e poi le parole. Sono tante le indicazioni arrivate ieri sera da Vincenzo Montella, da declinare in chiave mercato. Se ad esempio l’impiego ridotto di Chiesa e Pezzella aveva una spiegazione ben precisa (LEGGI QUI), è inevitabile dare un peso diverso alla voce Simeone. Il Cholito ancora una volta ha trovato pochissimo spazio ed è stato schierato in un ruolo non suo, cioè esterno sinistro del tridente. Il gol segnato sposta poco e nulla nelle strategie della Fiorentina: l’argentino è sul mercato. Fa riflettere anche l’esclusione di Ceccherini, rimasto in panchina per 90′ al pari di Brancolini e Gori: non è affatto da escludere un suo addio entro fine mercato. Montella lo considera al momento la quarta scelta, scavalcato ormai da Ranieri, già preannunciato titolare nella gara di Coppa Italia che segnerà l’inizio ufficiale della stagione viola. Giovani in rampa di lancio, come Castrovilli (di cui vi parlammo in tempi non sospetti) e come soprattutto Sottil, destinato a rimanere a Firenze con la voglia di ritagliarsi un ruolo importante. La sorpresa potrebbe essere Montiel, che sembrava sicuro partente (in prestito) ma che a cui ieri Montella ha dato una chance importante, ripagata dallo spagnolo con alcune giocate di fino e un assist al bacio per Benassi. Sono al momento un po’ più indietro, invece, Terzic e Zurkowski.

 

L’esercito dei 113 esuberi della Serie A. E la Fiorentina ne ha più di tutti

23 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sempreforzaviola - 1 settimana fa

    Scusate, non centra niente, ma anche se sono ingenuo mi piace sognare:

    Dragowsky 1997
    Lirola 1997
    Ranieri 1999
    Milenkovic 1997
    Terzic 1999
    Pulgar 1994
    Zurkovsky 1997
    Castrovilli 1997
    Chiesa 1998
    Vlahovic 2000
    Sottil 1999

    E comunque si dovrebbe trovare il posto a Montiel 2000, e sicuramente mi dimentico di qualche altro giovane interessante.

    A me non dispiace per niente in prospettiva

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. 29agosto1926 - 2 settimane fa

    Simeone può no essere quel campione che tanti vorrebbero avere ma, opinione personale, non lo venderei definitivo. Ilicic mi fa venire in mente certi giudizi dati che si assomigliano troppo con il Cholito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sempreforzaviola - 1 settimana fa

      la penso come te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Etrusco - 2 settimane fa

    Il cholito in due stagioni ha tanto dormito. Molto macchinoso e con poche doti tecniche (almeno per quanto dimostrato in due stagioni), è inadatto a fare la punta centrale, più bravo come seconda punta? Facciamolo scoprire alla prossima sua società d’appartenenza.
    Pioli purtroppo non ha saputo comprendere le qualità (e difetti soprattutto) di diversi calciatori a sua disposizione ed ora è tardi per trasformare l’argentino in altro, è quindi arrivata l’ora dei saluti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ammazzalavecchiacolgas - 2 settimane fa

      C’è poco da trasformare, se vuoi giocare con un falso nueve Simeone non va bene, stessa cosa se vuoi un centravanti boa o uno che si trovi bene in area di rigore sui cross. Cholito dovrebbe tornare in Spagna nelle praterie della Liga, dove esploderebbe. Lanciato in profondità verso la porta sa essere devastante, per me rimane uno dei migliori con queste caratteristiche.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Felipe - 2 settimane fa

      Non mi sembra proprio…..22 reti nonsi fanno per caso…..ci vuole qualcuno che la palla la spinga dentro….e quel qualcuno è stato Simeone. Secondo punto, se molli Simeone per prendere dei bolliti scarsoni come Segnamai Llorente oppure cavallo pazzo Balotelli……ti dico lascia perdere e tienti Simeone.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Ammazzalavecchiacolgas - 2 settimane fa

        Non fa impazzire neanche me, ma il gioco di sponda visto ieri con Boateng è proprio la specialità di Llorente, che quindi sarebbe assai funzionale. Spalle alla porta, crea spazi e innesca i compagni lanciandoli a rete. L’esplosione di Tevez è stata in gran parte dovuta al suo lavoro e gente come Chiesa, Sottil e Benassi, in attesa di un altro forte esterno, segnerebbe a valanga.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. andrea333 - 2 settimane fa

    Montiel ha piedi buoni, visione di gioco fantasia e diventerà un gradissimo giocatore. Montella ha detto che si deve rinforzare fisicamente e lui di calcio ci capisce più di me. Quando sarà pronto anche fisicamente saranno dolori per gli avversari. Sottil è già pronto e lo ha dimostrato fategli fare un po di esperienza e vedrete. Ieri sia Sottil che MOntiel hanno dimostrato che sono giocatori veri e hanno colpi non comuni nel loro repertorio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vecchio briga - 2 settimane fa

      Potremmo scoprire di avere un tridente stellare costruito in casa sottil vlahovic chiesa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. vecchio briga - 2 settimane fa

    Ieri sera ho visto la partita, non so se il Galatasaray ha schierato i titolari, ma Sottil, Ranieri e Montiel mi sono sembrati tanta roba. Anche Vlahovic, una furia. Bisogna puntare su questi ragazzi. Forza Violaaa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. bati - 2 settimane fa

    Idem per Ceccherini, antitesi del difensore montelliano. Chi gioca con Montella deve dare del “tu” al pallone, deve saperlo giocare con sicurezza e propositività, che sia un attaccante o un difensore. Sono sicuro che Simeone, Ceccherini e Benassi, per non parlare degli altri esuberi, se dovessero restare sarebbero dei sacrificati in panchina o un tribuna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. bati - 2 settimane fa

    Ma davvero qualcuno, dopo aver visto Simeone per due lunghissimi anni ed averne capito pregi e soprattutto difetti, si meraviglia del fatto che sia sul mercato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sempreforzaviola - 2 settimane fa

      Simenone è vittima di un equivoco tattico, non è, non è mai stato e non ha le caratteristiche della prima punta, tanto è vero che la sua migliore stagione rimane quella del 2015/2016 nel Genoa a fianco di Pavoletti, non è adatto a giocare nel 4-3-3 da unica punta, rende bene se affiancato da un’altra punta di peso e gioca da seconda punta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tommy - 2 settimane fa

        Simeone non è e non è mai stato un giocatore di calcio, direi che è equivoco calcistico , punto!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. sempreforzaviola - 2 settimane fa

          non essere cosi sicuro di tutto, sii meno categorico, ricordo gente che infamava Alonso chiamandolo con i peggio nomi e giudicandolo giocatore scarissimo fino a quando lo hanno venduto, dopo era diventato un fenomeno

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Tommy - 2 settimane fa

            Non sono categorico,un po’ ci capisco di calcio e il mio giudizio è basato sui fatti, ti ha comunque risposto ivo, qui sotto.
            Per farti comunque un esempio, per me alonso era devastante atleticamente e tecnicamente, andava solo disciplinato!

            Mi piace Non mi piace
          2. 29agosto1926 - 2 settimane fa

            A proposito di Alonso. Ripigliamo anche lui, gioca sempre Emerson. Spalmatura del contratto e vai.

            Mi piace Non mi piace
        2. Ale612 - 2 settimane fa

          Visto che di calcio un po’ ci capisci è un vero anche che simeone non è un problema una prima punta si tro a bene con un

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Ivo - 2 settimane fa

        Ci siamo accorti tutti però che non è neanche veloce, non salta l’uomo, difetta spesso nel controllo, non sa tirare e non ha qualità per mandare in porta i compagni. Io mi domando come un giocatore con queste caratteristiche possa stare in attacco. O lo si mette mediano di rottura, se adatto al ruolo, oppure meglio venderlo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Ammazzalavecchiacolgas - 2 settimane fa

          Chi mette Higuain a giocare con le spalle alla porta ne capisce il giusto di calcio, siamo d’accordo su questo? Simeone vuole giocare sul filo del fuorigioco e chiama il lancio in profondità, questa è la sua tipologia di centravanti. Riguardare la gara in cui il Napoli perse lo scudetto: Sarri, che aveva visto giocare Simeone da Luca Toni per tutto il campionato, è venuto a Firenze con un baricentro altissimo e l’ha pagata cara, perché in realtà il Cholito è fortissimo proprio sulle ripartenze. Non so se Montella vorrà tenerlo, ma le sue caratteristiche ne fanno un centravanti contropiedista e non una seconda punta (non salta l’uomo, non dialoga bene in manovra).

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. sempreforzaviola - 1 settimana fa

            Sono perfettamente daccordo, ogni giocatore dovrebbe giocare con il modulo che lo fa rendere al meglio per poterlo giudicare onestamente, con questo non dico che Simeone sia un fenomeno ma comunque ha segnato 32 gol in serie a, dire che non è un giocatore di calcio o che al massimo può fare il mediano mi sembra ingeneroso e anche ingiusto

            Mi piace Non mi piace
  8. simuan - 2 settimane fa

    …Terzic un po’ piu’ indietro un tubo!…e’ arrivato e tempo un paio di settimane ha fatto fuori Hancko diventando la prima riserva del titolare…per ora…perche’ per me quel masticabrodo di Biraghi rischia il sorpasso…stiamo a vedere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sempreforzaviola - 2 settimane fa

      sono daccordo,l’accelerazione che ha portato al quarto gol è sintomo quantomeno di personalità, è da verificare l’adattamento al campionato italiano, ma dire a dire che è indietro aspetterei

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy