Montella, la prima grande sfida e la convivenza con Corvino. Sempre che a pagare non sia solo Pioli…

Montella, la prima grande sfida e la convivenza con Corvino. Sempre che a pagare non sia solo Pioli…

Riusciranno a coesistere due personalità forti come quelle dell’Aeroplanino e del d.g. viola? Sempre che tutti vengano confermati nei propri ruoli…

di Alessio Crociani, @AlessioCrociani
Vincenzo Montella

Ciò che è stato è stato, scurdammoce ‘o passato. Ok. Ma alla fine di questa folle tre giorni culminata con il ritorno di Vincenzo Montella in panchina la domanda sorge spontanea: dopo la pace tra la proprietà e l’Aeroplanino, come sarà la convivenza tra lo stesso neo tecnico della Fiorentina e Pantaleo Corvino? C’è da considerare la natura di due personaggi dal carattere forte e schietto. E il peso di una scelta voluta più da Diego Della Valle che dalla dirigenza viola (anche se dal club fanno sapere informalmente che la decisione è stata presa all’unisono).

Dettagli non da poco alla vigilia dell’ennesima rivoluzione estiva dalla portata strutturale. Mettiamoci anche una piazza non esattamente soddisfatta, una squadra disorientata e mescolare ben bene. Ne esce fuori una miscela tutta da saggiare, sopratutto a lungo termine. Anche perché nell’immediato richiamare l’allenatore che aveva fatto meglio in viola nel recente periodo risolverà poco o niente. La squadra è questa dal 1° febbraio e tale rimarrà fino al termine del campionato.

La prima vera grande sfida di Montella sarà toccare le corde dell’orgoglio di un gruppo scosso dall’addio Pioli, fare il possibile a Bergamo e concludere dignitosamente la stagione. E poi? Questo mese e mezzo servirà anche da banco di prova per trovare gli equilibri necessari con la dirigenza. Certo, sempre che tutti vengano confermati nei propri ruoli. Perché se resa dei conti deve essere, sarebbe quanto meno curioso se a pagare, alla fine, fosse il solo Pioli… VALCAREGGI: “CORVINO LASCIA SE…”

Violanews consiglia

Brovarone: “Ora mi aspetto novità in società. Attenzione a Cognigni”

Siamo alle solite: volano gli stracci tra la Fiorentina e l’ex di turno. Era necessario?

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gjsbe - 2 mesi fa

    Qui da saggiare non c’è più niente… Basta fiducia, anche se il prossimo anno dovessero cominciare a mettersi le mani in tasca poi si saprebbe già che tempo un par d’anni venderebbero quelli buoni alla ricerca della plusvalenza… Niente vedremo quindi, devono vendere… E portare corvino nel mondo della moda…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bati - 2 mesi fa

    Corvino purtroppo sembra proprio inamovibile. A questo punto tutto dipenderà dalla forza di Montella e dal sostegno che avrà dai DV.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. TonyManero - 2 mesi fa

    Mi domando cosa vi interessa che se a pagare é solo Pioli o anche Corvino o Cognigni o Antognoni o Gesù Cristo?
    Tra l’altro Pioli si è dimesso dopo un mese di risultati a dir poco imbarazzanti. Poteva restare e dimostrare che si sbagliavano.
    Comunque sono problemi della società, anche perché dove stanno le colpe e come vanno le cose lo sanno solo i diretti interessati, sia che si parli di mercato che di gestione tecnica.
    Seguite le partite, datevi pace e pensate a sostenere la squadra. Il compito del tifoso è questo, punto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-2073653 - 2 mesi fa

    Via Corvino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. mauro - 2 mesi fa

    Siamo alle solite, cercasi il colpevole, io credo che il pece puzza incominciando dalla testa, poi marcisce tutto, questa squadra era ed è mediocre, poi è vero che ci sono possibilità di utilizzarla al meglio e certamente insistere su alcuni giocatori è stato un grosso errore, ci voleva il coraggio di dire che questo, quello e quell’altro non sono all’altezza meglio lanciare qualche giovane, questo è stato l’errore di Pioli, il resto sono responsabilità della dirigenza , in primis di Corvino che ne ha smarronate diverse, per cui deve dimettersi senza se e senza ma, lo stesso deve fare Cognigni che di calcio ha dimostrato di capirci il giusto. Poi i PADRONI sono i DV noi siamo solo CLIENTI e come tali compreremo altro prodotto, ma nessuno ci potrà far TACERE E AMARE LA VIOLA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy