Nazione: Prandelli più vicino, palla a Commisso. Aspettando uno tra Sarri e Spalletti

La soluzione può essere quella di un contratto fino a giugno. Poi sarà varato (con Sarri o Spalletti) l’inizio di un nuovo ciclo

di Redazione VN

Secondo La Nazione, dopo il deludente pareggio di ieri a reti bianche contro il Parma, il ritorno di Cesare Prandelli a Firenze è più vicino. Forse dietro l’angolo. La disponibilità del tecnico, anche ad un accordo lungo solo otto mesi, c’è ed è la variabile che può fare la differenza nelle mosse della società. Ora la palla passa a Commisso. Il presidente potrà parlare con il tecnico di Orzinuovi nelle prossime ore, con l’obiettivo di chiudere un’operazione che aiuti la Fiorentina a rialzare la testa. In quest’ottica, la pausa per le Nazionali cade al momento giusto. Poi ci sarà tempo per programmare nel modo giusto il futuro, sfruttando anche la doppia scadenza di contratto di Iachini e Montella (forse tripla, se davvero dovesse arrivare Prandelli per otto mesi) a giugno 2021.

E qui riflettori tornano ad accendersi soprattutto su due nomi: Maurizio Sarri e Luciano Spalletti. La prima soluzione è molto probabilmente quella a cui avrebbero voluto rivolgersi subito i dirigenti della Fiorentina. Per luglio, dopo la risoluzione con la Juventus, la strada della Fiorentina potrebbe piacergli, magari con ampi margini di gestione anche di situazioni di mercato per gli innesti che ritiene necessari per un salto in avanti sul piano della qualità. Discorso simile per Spalletti, anche se per l’ex Inter la concorrenza alla volontà della Fiorentina avrà un peso specifico difficile da controbattere. La lunga e brutta notte di Parma, insomma, potrebbe spingere e aiutare la Fiorentina a prendere decisioni importanti. Per il presente, ma anche e soprattutto per il futuro.

sarri-spalletti

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marco 2 - 3 settimane fa

    E ancora Spalletti e Sarri? A Firenze non ci vengono, inutile continuate il tormentone. Voglioono troppi soldi, e le finanze della Fiorentina, che sono cosa ben diversa da quelle personali di Commisso, non lo permettono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Lallero - 3 settimane fa

    Se questo fosse davvero il piano sarebbe finalmente un piano, e giusto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Hasta72 - 3 settimane fa

    Dopo una prestazione come quella di ieri sera che segue quella di Roma l’esonero doveva essere immediato!!! Una partita di uno squallore unico!!!! Ma ci sta che il buon Rocco si sia entusiasmato per il punticino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Barsineee - 3 settimane fa

    ma non prendiamo in giro la gente con nomi che vengono fintamente sussurrati dalla società per tenere calmi i tifosi. Il vero obiettivo quest’estate era Daniele De Rossi per un tozzo di pane e nessuna esperienza di allenatore di pallone. Sfumato “capitanfuturo” si sono trovati a dover confermare Iachini … tanto per loro uno vale un altro. I risultati che contano non sono quelli sul campo ma nelle procedure amministrative per l’edilizia. Vergogna. Iniziamo a dire il vero scopo di Rocco a Firenze

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni69 - 3 settimane fa

      come quello dei dv brothers.cosa facevamo ?trading player o meglio cosa abbiamo fatto negli ultimi anni giusto?anche qualche plusvalenza in effetti è stata fatta.a me però in banca ancora non mi è arrivato un centesimo.a te?si vero?ora rocco il bonifico non te lo

      ma perchè c’è sempre federico chiesa su questo sito?come tu giri ti spunta chiesa.anche basta per cortesia abbiamo altri problemi tanto per non farci mancare niente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy