La lettera di E. Nervi: “Franchi ben conservato, ci è pervenuto senza mutilazioni. Restaurare è prassi”

Le parole di Elisabetta Margiotta Nervi, segretaria generale della Pier Luigi Nervi Association

di Redazione VN
Franchi

Dopo le parole di ieri del Soprintendente Pessina che hanno fatto tanto discutere e l’immediata risposta del direttore del Corriere Fiorentino il quotidiano riporta una lettera di Elisabetta Margiotta Nervi, che rettifica come il Soprintendente si sia reso ‘colpevole’ di “avere pronunciato tre parole: «estremamente ben conservato» a proposito dello Stadio Artemio Franchi“. Parole non condivise dalla segretaria generale della Pier Luigi Nervi Association, che allo stesso tempo aggiunge: “Lo Stadio Artemio Franchi è estremamente ben conservato come opera di architettura, in quanto è pervenuto a noi senza essere stato mutilato nel tempo da manomissioni inappropriate. Gli interventi, certamente molto infelici, effettuati per i Mondiali del ’90, in parte ne hanno offuscato la percezione estetica, ma non ne hanno intaccato in maniera significativa la sostanza architettonica“.

La Margiotta Nervi allo stesso tempo non nega che i segni del tempo sul Franchi siano innegabili, ma ciò non pregiudica la conservazione dell’impianto: “Consolidare e restaurare sono prassi correnti e necessarie per qualsiasi edificio, in cemento o muratura, che abbia raggiunto l’età del Franchi. Ma che l’impianto sia fatiscente e che a medio termine non potrà ospitare più manifestazioni né partite è tutto da dimostrare“. In sostanza bisognerà che Fiorentina e Comune rendano pubblica la relazione del Dipartimento di Ingegneria Strutturale dell’Università di Firenze riguardo all’inagibilità della struttura. “Ma se fosse stato inagibile, lo stadio non si sarebbe potuto utilizzare”.

La proposta: “Nuovo stadio al Ridolfi. E al Franchi concerti e altri eventi”

Franchi-Firenze

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tagliagobbi - 1 mese fa

    Sono solo sproloqui capziosi e fuori dalla realtà. Senza alcun senso e totale negazione dello stato reale delle cose…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ForzaViolaSempre - 1 mese fa

    per lo schifo di italia 90 tutti zitti ora ci vogliono mandare in serie b per paura che la fiorentina se ne vada dal cesso franchi, ancora non avete visto nulla, siamo stati zitti finora ma la fiorentina al franchi non ci giocherà più potete farne icchè vu volete

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bpaolo6_13576411 - 1 mese fa

    Lo stadio di firenze fa schifo
    si vede male
    non ha il tetto
    cade a pezzi
    Ma cosa vuole questa gente inutile?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gasgas - 1 mese fa

    Gente inutile, deleteria per il paese. Gente che apre bocca ad ogni occasione ma che sul Franchi non ha nessuna responsabilità, né di sicurezza, né economica. Facile…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Mediacom Corporation - 1 mese fa

    Meglio di amici miei, nuovo atto quotidiano della saga “amici del franchi”

    Questa volta perfino l’associazione che porta il nome di Nervi corregge Pessina sulle condizioni del Franchi, a questo punto si può ben dire che qualcuno è più realista del re.

    Ecco la definizione ed il contesto storico in cui nacque la frase.

    essere più realista del re

    “Sostenere o difendere un’idea, una tesi, un diritto o simili con maggior accanimento di chi vi è direttamente interessato. Anche essere intransigenti, intolleranti circa un dato argomento.
    Pare che la frase sia stata coniata da Adolphe Thiers, uomo politico e storico francese, Presidente del Consiglio nel 1836 e nel 1840, per definire i legittimisti della Restaurazione.”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Nicco - 1 mese fa

    Finché nn ci scappa il morto nessuno muoverà un dito, poi giunti a quel momento voglio vedere se questi signori continuano a tirare fuori ancora la testa, facciamogli firmare un bel documento dove si prendono la responsabilità dell incolumità degli spettatori tutte le volte che la Fiorentina gioca in casa, vedete come spariscono subito a cominciare da Pessina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Xela - 1 mese fa

    in pratica quello che ho spiegato io ieri tra i commenti della notizia… mi spiace constatare una certa volontà polemica da parte dei giornalisti che hanno riportato la notizia. o forse sono ambiti troppo tecnici affinché tutti capiscano. però tutti vogliono metterci bocca. vabè, meglio che virologi…

    sinceramente trovo anche poco affidabile questo discorso dell’instabilità sismica dell’impianto. Lo è diventato tutt’ad un tratto con l’arrivo di Commisso? O meglio, lo è diventato da quando nardella non ha più il piano mercafir e deve trovare in tutti i modi un modo per risistemare il franchi?
    Io ovviamente non conosco la relazione tecnica ma dire sempre che “è stata fatta dall’università” mi pare un bel modo paraculo. E’ stata fatta da ingegneri che lavorano per il comune e che hanno il controllo di tutti gli impianti sportivi comunali e che gestiscono la loro manutenzione. Non proprio una relazione super partes diciamo. Poi bisogna capire cosa vuol dire. Crolla col terremoto? crolla se segna un gol in rovesciata biraghi?
    Anche ponte vecchio crolla, secondo i sistemi di calcolo moderni, con un terremoto. anche ponte vecchio non ha i requisiti di standard attuali per un ponte… quindi?

    sinceramente questo dibattito è quanto di più insensato e vergognoso che l’italia possa produrre a cui però siamo molto abituati… Polemica da talk di barbara d’urso e nessun vero programma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jackfi1 - 1 mese fa

      Guarda, generalmente i tuoi deliri cerco di evitarli e in certi aspetti come la conservazione artistica li rispetto anche, ma oggi credo tu abbia raggiunto l’apice dell’ignoranza e dell’ottusità perfettamente italiana. Ciò che ti questo paese odio e mi fa più ribrezzo è racchiuso all’interno del tuo discorso.
      1. Dire che è poco affidabile il discorso della stabilità sismica cosa vuol dire? Pensi sia una cosa pilotata? Il classico atteggiamento italiano del finchè non viene giù non preoccupiamoci.
      2. Gli ingegneri lavorano per l’UNIVERSITà DI FIRENZE e non per il Comune. Sono stati assunti dal Comune come succede in ogni lavoro e hanno fatto la loro perizia. Credo sia difficile che li assuma Peppino il pizzicagnolo per fare la perizia su un’opera che non è sua.
      3. Fammi capire, stai insinuando che gli ingegneri sotto la richiesta del Comune abbiano falsificato una perizia per andare a favore delle esigenze di Nardella? Ma ti rendi minimamente conto del vaneggiamento che hai scritto? Partiamo dal fatto che se avessero falsificato la perizia sarebbero passivi di inchiesta penale e quindi non vedo dove sia il vantaggio. Poi, giusto per tua informazione, l’ingegnere che ha condotto le perizie si trova a capo del LARES Toscana da parecchi anni e gestisce gli interventi di protezione civile relativamente all’ambito strutturale, quindi prima di sparare velate accuse informati su chi sono questi “ingegneri”.
      4. Cosa vuol dire a rischio sismico? Vuol dire che con un terremoto viene giù. Non si sta parlando di criteri di costruzione. Si sta parlando di criteri di sicurezza. Il Franchi ha lesioni interne che lo rendono altamente instabile. Non vuol dire che se un edificio è più antico è automaticamente più stabile.
      5. Non crolla solo con il terremoto (sarebbe il caso limite). Crolla se ci entrano il numero di persone per cui è stato progettato. Non so se riesci a capirlo. Vuol dire che se il Franchi era stato progettato per 43000 spettatori, ora, staticamente parlando, non è più in grado di sopportarle e quindi le probabilità di collasso di alcune parti della struttura aumentano se si raggiunge una data soglia di capienza. A tuo parere un edificio che devo ridurre il numero di persone all’interno è un edifiio sano???
      6. L’unica cosa ti assurdo qui è la risposta che hai dato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. jackfi1 - 1 mese fa

    Ci stiamo arrampicando sugli specchi. Non ha senso è estremamente ben conservato dal punto di vista architettonico. Se non lo puoi toccare è chiaro che mantiene gli elementi architettonici. Che ragionamento è?Il problema è che se la struttura che deve mantenere la pensilina che di architettonico non ha nulla sta per venire giù anche l’opera architettonica viene giù. Non rimane su per miracolo. La belezza di tutta questa lettera è quando si arriva a mettere in dubbio dei documenti firmati da dei professionisti dell’Università di Firenze dove si attesta l’esatto contrario di quello che dice la signora. La cosa stupenda è che questa vicenda sta raggiungendo vette di miopia assurda. A tutta la famiglia Nervi pare abbastanza evidente non freghi nulla dello stadio, a loro basta non dover pagare

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy