Pasqual: “Avrei voluto chiudere alla Fiorentina. Sousa non mi ha detto le cose in faccia”

Pasqual: “Avrei voluto chiudere alla Fiorentina. Sousa non mi ha detto le cose in faccia”

L’ultima conferenza di Pasqual: “Grazie Fiorentina e grazie tifosi. Spero sia solo un arrivederci. La fascia di capitano…”

di Simone Bargellini, @SimBarg

SALUTI E RINGRAZIAMENTI

 

L’ultimo saluto, dopo 11 anni. Manuel Pasqual lascia la Fiorentina, al termine del suo contratto in scadenza il 30 giugno. L’ormai ex capitano viola ha scelto di presentarsi in conferenza stampa, queste le sue parole (LEGGI TUTTO SCORRENDO LE SCHEDE):

“Prima di tutto voglio ringraziare la società che mi ha permesso di giocare tanti anni in una delle squadre più importanti d’Italia. Voglio ringraziare la città dove ho vissuto benissimo con la mia famiglia e dove sono nate i miei figli. Ringrazio i tifosi per quanto è successo l’8 maggio, mi aspettavo un saluto ma non tutto quel casino. E’ stato bellissimo. Ho l’unico rimpianto di non aver potuto chiudere la mia carriera nella Fiorentina, ci tenevo, ma si riparte e si va avanti. Dispiace anche il non essere riuscito a vincere nulla con questa maglia.

Posso andare via a testa alta e la cosa che mi dà più soddisfazione è l’essere entrato nel cuore della gente. Ringrazio tutti i compagni di squadra che si sono susseguiti dal 2005 ad oggi, ho ancora un buon rapporto con molti di loro. E colgo l’occasione per salutare e fare un grosso applauso a Luca (Toni, ndr), un grande bomber che lascia il calcio italiano.

Ricordi? Ne ho tantissimi belli, la conquista della nazionale, le partite in Champions League. Ma forse l’immagine simbolo è l’esultanza con i tifosi dopo il gol all’Udinese in Coppa Italia.

Il traguardo delle 350 presenze? E’ un qualcosa di bellissimo e auguro alla Fiorentina di ritrovare presto qualcuno che possa arrivare a queste cifre perchè vorrebbe dire un giocatore che rimane almeno 10 anni. Il fatto di essere accostato, anche solo a livello numerico, a Giancarlo è qualcosa che mi inorgoglisce. Non mi permetto di accostarmi ad Antognoni per quello che ha rappresentato per Firenze, non sono un campione ma mi fa felice essere entrato nel cuore della gente. Mi dispiace di non aver vinto niente e auguro di farlo a chi arriverà dal prossimo anno in viola.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. luca.brigante7_132 - 4 anni fa

    ONORE A TE PASQUAL. FORZA VIOLA SEMPRE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Barsine - 4 anni fa

    è sempre bello entrare nel sito e trovare un sacco di commenti positivi dai soliti noti e da nick sempre nuovi che elogiano l’operato della società in ogni occasione.

    Si vede proprio l’attaccamento e la passione per la maglia. Si percepisce perfettamente come di fronte al viola tutto sia meno importante. Anche il saper leggere. A quanto pare Pasqual, quello infamato per anni perché un giocatore mediocre, ha detto cose che i lettori di questo sito hanno sentito al di là di quanto riportato in questo sito stesso.

    Il famoso metamessaggio che a noi poveri ignoranti sfugge.

    Grazie di cuore per regalarci questa incredibile opportunità di critica distruttiva nei confronti della società. Ogni notizia finisce in top voi dite sempre la stessa cosa. Colpa della società che non è capace e strutturata.

    Nel caso non l’avessimo capito voi RIPETETELO … SIA MAI CHE NON LO CAPISSIMO !!!

    Come sta Luca di Ethiad?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. The globe theatre - 4 anni fa

    Sousa sta iniziando ad essermi antipatico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. alex1950 - 4 anni fa

    Questo succede quando la SOCIETA’ non ha la forza necessaria per mantenere gli equilibri giusti al proprio interno, con RUOLI ben definiti e, soprattutto, la risoluzione IMMEDIATA (e non rimandata alle poche ore del fine settimana) dei problemi che via via nascono, e, che, se non risolti SUBITO, si trasformano in metastasi devastanti per tutto l’ambiente e per i risultati che vengono dal campo.

    Vale per quest’anno come per gli anni passati.

    Nessuno gestisce queste cose fino a che si arriva ad avere tutti i nodi al pettine e si finisce per decidere nel modo sbagliato.

    Non so se quello che si dice di Sousa sia vero o no, ma sarebbe DOVEROSO che, nel merito, intervenisse la PROPRIETA’, non domani o la prossima settimana, ma …IERI MATTINA !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Fabio50 - 4 anni fa

    Sinceramente Pasqual non ha ricevuto quanto meritava, perché, pur non essendo un top come Antognoni o Batistuta, è una delle ultime bandiere.
    Meritava di più sia da società che dall’allenatore, qui però bisogna fare una considerazione che credo sia molto vera: se di un allenatore dicono che è buono, umano e tutti gli vogliono bene, sicuramenre non sarà mai un grande allenatore!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. GianBurrasca - 4 anni fa

    Fiorentina Style

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. max688 - 4 anni fa

    spero in un ritorno di lucidità e saggezza e in un cambio di allenatore….Soza ha dato tutto quello che poteva e onestamente speravo meglio…oltre a questo a forza di supercazzole, messaggi trasversali, scarico di responsabilità perde autorevolezza di giorno in giorno..
    il rischio di fare un mercato sulle sue indicazioni per poi doverlo esonerare ad inizio campionato è alto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. BlandoTifoso - 4 anni fa

    Capitano e bravo ragazzo.. i miei omaggi.. grazie di tutto! ma dimentica di fare il dirigente qui.. i due dv non amano avere intorno gente amata dalla tifoseria..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. ZenoViola - 4 anni fa

    Bell’aria che si respira in società! Ogni occasione è buona per scaricare il barile all’altro, si lamentano tutti di tutti anche di se stessi.
    Con questa situazione societaria e con l’immagine che stiamo offrendo al mondo del calcio da un po’ di tempo a questa parte, mi dite se c’è qualcuno che ne capisce qualcosa? Ma icche si sta combinando?
    Se non si ritrova tutti un po’ di serenità le cose non possono che peggiorare.
    Dopo l’ultimo anno di Montella non credevo che ne avremmo vissuto subito un altro così carico di polemiche.
    Concludo con un’osservazione aziendalista: una società seria deve trasmettere e diffondere fiducia, sia al suo interno che all’esterno.
    Finché ci saremo noi tifosi la Fiorentina non morirà mai, Siamo noi la vera anima della squadra.
    Vi pare una responsabilità da poco?
    Per me è un onore!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ELROND - 4 anni fa

    Cari amici in questi giorni quei pochi Uomini Veri rimasti in casa viola stanno abbandonando la Fiorentina e lo stanno facendo con parole al veleno per Sousa, Braccini e compagnia bella.

    Ieri il Vincenzo Guerrini, che mastica il calcio: “Il Souza non mi ha mai ascoltato! Sono felice di non avergli mai rivolto parola! Finalmente me ne vado da questa società!”
    Oggi Emanuele Pasqual: “Per 10 anni sono stato la mascotte di Firenze!! Se avessi saputo che i Braccini mi avrebbero cacciato con 3 righe via mail sarei andato alla Juvincente di corsa! E Souza capisce di calcio quanto un Leccavalle!”

    Insomma mi pare chiaro che il Souza sia ben voluto da tutti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Masai - 4 anni fa

      scusami eh… che siano braccini ok, ma guerini e pasqual non mi pare abbiano detto parole al veleno per la proprietà! Va bene scaricare sempre sui DV, ma almeno leggi bene… Sempre le solite frasi fatte, cotte e ribollite! Fai festa o perlomeno aggionati! fai un elronde2.0….

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy