I dolori(ni) del giovane Dusan

I dolori(ni) del giovane Dusan

Dusan Vlahovic fa i conti con le prime critiche, ma a 19 anni ha diritto di sbagliare. E Montella vuole insistere

di Simone Bargellini, @SimBarg

Esaltato, invocato, criticato. A 20 anni da compiere Dusan Vlahovic fa i conti con le prime grandi pressioni e con i primi mugugni di chi ha già sentenziato: “Non ha il fiuto del gol” o se non altro “Non è ancora pronto”. E’ il calcio al tempo dei social, ma se sei un millennial, come il serbo, non puoi certo sorprenderti. Il problema è che la smania di spaccare il mondo (cit. Montella) rischia di giocare brutti scherzi al numero 28 della Fiorentina. Fin qui 2 gol in campionato e 2 in Coppa Italia, frutto di due doppiette, poi altre 10 presenze senza reti, ma fatte di molti spezzoni. Se l’attacco viola sta facendo flop non si può certo imputare a Vlahovic, semmai a Boateng e a Pedro (o meglio a chi l’ha preso/non lo fa giocare). Perchè di giocatori classe 2000 che stanno facendo meglio del serbo ce ne sono pochi in circolazione, in Serie A tanto per intendersi solo Kulusevski ha segnato di più, 3 gol (giocando molto di più). Del resto è risaputo che i centravanti hanno bisogno di tempo per trovare continuità sotto porta, così è stato anche per i grandi bomber di oggi, da Immobile a Lautaro passando per Zapata. E allora coraggio Dusan, un ragazzo su cui Montella ha deciso di puntare forte e che anche a Torino guiderà l’attacco della Fiorentina. Una responsabilità ma anche un privilegio. IPSE DIXIT BOATENG: “VLAHOVIC SEMBRA IBRA”

 

Ibrahimovic, una tempesta social: Rocco spegne gli entusiasmi

Bomber, ma quando segni? Tutto l’attacco viola realizza meno di Muriel

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tagliagobbi - 2 mesi fa

    Per me questo ragazzo è fortissimo. Ha solo bisogno di sbloccarsi. Questione di poco tempo e questo, se supportato dalla squadra, diventerà una macchina da gol.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CippoViola - 2 mesi fa

    “Perchè di giocatori classe 2000 che stanno facendo meglio del serbo ce ne sono pochi in circolazione, in Serie A tanto per intendersi solo Kulusevski ha segnato di più, 3 gol (giocando molto di più). ”

    Infatti Vlahovic oggi 05/12/2019 è attualmente il nostro capocannoniere con in assoluto 12 presenze e 4 reti (semmai è questo il nostro problema in assoluto OK).

    Mentre Kulusevski (che è un centrocampista) ha 16 presenze e 3 reti, quindi di che si parla?

    Il vero problema è che il Parma ha due attaccanti uno è Cornelius a 9 gol (tutti in serie A) e Gervinho a 5 gol. Il Torino ha Belotti a 11, Cagliari con Pedro (quell’altro) a 10, ecc..

    Penso che se troviamo una soluzione per il centrocampo l’attacco si sistema da se… FORZA DUSAN!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BlandoTifoso - 2 mesi fa

    Ci vuole molta calma in queste cose l’attaccante è un mestieraccio… anche giocatori che hanno fatto faville come Toni ad esempio fino ai 26 anni segnavano con il contagocce.. Comunque il colpo di testa sotto porta è stato il vento a tradirlo altrimenti sono convinto che la inzuccava dentro!

    E’ anche da considerare che questo ragazzo non fa l’esperienza alle spalle di un attaccante navigato ma ha tutta la responsabilità su di se, e questo non lo aiuta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Antonio da Papiano - 2 mesi fa

    Vlahovic è uno dei tanti giovani su cui Corvino ha scommesso. Mi ricorda (ovviamente spero di sbagliarmi) altri attaccanti acquistati in passato e presentati come grandi giovani promesse (alcuni esempi: Matos, Rebic, Seferovic, Mlakar, Bojnov) tutti finiti nel dimenticatoio. Contro il Cittadella ha mostrato seri limiti: nel gioco aereo è scarso pur essendo dotato di una buona statura, non ha lo spunto in velocità (e non potrebbe averlo con quelle gambe cosi lunghe) e quando tira in porta fatica a inquadrarla. A prescindere da quanti gol ha realizzato nel complesso sembra un giocatore mediocre. Poi ovviamente tutti noi tifosi speriamo di scoprire il nuovo Ibra anche se temo di ritrovare il solito “pacco” firmato da Pantaleo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. leandro.gol_8960844 - 2 mesi fa

      Proprio finiti tutti nel dimenticatoio mi sembra alquanto esagerato.
      Rebic ha fatto molto bene in Germania, parliamo di Bundesliga, attirando le attenzioni del Milan. Per quanto riguarda Seferovic, attaccante titolare del Benfica campione di Portogallo, gioca regolarmente in CL ed è nazionale Svizzero. Avrai modo di vederlo agli europei, stesso gruppo dell’Italia. Matos, Mlakar e Bojnov hanno trovato comunque spazio in campionati importanti, guadagnandosi anche loro la loro onesta pagnotta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Leo Capa - 2 mesi fa

    Redazione, ok su tutto. Ma vi prego: basta chiamare millennial chi è nato dal 2000 in su, è un errore macroscopico. È proprio errato come riferimento. I millennials sono quella generazione nata fra l’80 e il ’95. Quelli a cui vorreste fare riferimento è la Generazione Z (i nati dal’96).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. rudy - 2 mesi fa

    Ogni partita che gioca, nella peggiore delle ipotesi, sono 90′ di esperienza in più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. mops - 2 mesi fa

    Ho fiducia in questo ragazzo. Quindi. Forza Dusan. Il futuro viola è tuo! sfv’57

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy