Fiorentina, 220 motivi per vincere stasera

Fiorentina, 220 motivi per vincere stasera

O magari solo cinque, ma molto validi

di Federico Targetti, @fedetarge

In effetti, snocciolare 220 motivi – tanti quanti sono i giorni senza vittoria – per guadagnare i primi tre punti in campionato della gestione Montella sarebbe stato difficile, pur non mancando gli spunti. Proviamo ad analizzare la situazione, e a capire perché questa sera può e deve essere veramente l’occasione giusta per rompere questa fastidiosa impasse:

1 – MORALE

Se vincere aiuta a vincere, la Fiorentina è la dimostrazione lampante che è vero anche il contrario. La spirale negativa in cui si è cacciata la banda-Montella ha prodotto alcune rimonte sconcertanti, dalla Juventus ad aprile fino all’Atalanta tre giorni fa. Ottenere finalmente il bottino pieno può rappresentare il propellente necessario per invertire l’inerzia e veleggiare con più tranquillità verso gennaio, quando potremo cominciare a tirare le prime somme.

2 – CLASSIFICA

Come viene ripetuto ormai da più di un mese, il calendario non è stato clemente con la Viola. Le prime tre squadre dello scorso campionato affrontate nelle prime quattro giornate sono un alibi coriaceo, ma il dato di fatto è che la Fiorentina è ultima con due punti su dodici disponibili. Indipendentemente dal livello degli avversari, guardare questa classifica non fa bene, per cui è imperativo battere la Sampdoria al fine di relegarla lì dove ora è impantanata la Fiorentina.

3 – CREDIBILITA’

Ventottomila. Il numero di abbonamenti sottoscritti supera le ventottomila unità, che si traduce in ventottomila persone (almeno) che ogni due settimane circa vanno allo stadio e sostengono la squadra con passione; i tifosi meritano di poter gioire, magari non sempre, non si chiede questo. Non ancora. Ma almeno si chiede di non dover aspettare da dicembre a settembre…

4 – AVVERSARIO

Il momento giusto poteva essere anche la trasferta col Genoa, ma la squadra di Andreazzoli è apparsa già ben organizzata e soprattutto non ha dovuto operare colpi importanti nella parte finale del calciomercato. A poco meno di un mese di distanza, Montella ha a disposizione una rosa quasi al completo, e può sfidare la Sampdoria, che non se la passa benissimo: la prima vittoria blucerchiata è arrivata soltanto domenica contro un brutto Torino, dopo tanti gol incassati, un cambio di modulo obbligato dalle non-prestazioni degli attaccanti e qualche incomprensione di troppo. Insomma, questa è la prima volta che la Fiorentina, in questo campionato, affronta una squadra in difficoltà, con un Quagliarella non al top della condizione (LEGGI) e probabilmente in panchina. Va da sé che bisogna approfittarne.

5 – FINALMENTE INSIEME

Resistono piccole possibilità di vedere un 4-3-3. Che al centro dell’attacco ci sia Vlahovic o che ci sia Boateng, cambia molto a livello di tattica, ma poco a livello di concetto: il lavoro della società sarebbe totalmente visibile in campo. Se non dall’inizio, almeno a gara in corso. Chiesa trattenuto, Ribery e Boateng approdati a Firenze, Vlahovic promosso e investito di grande fiducia. In ogni caso, un tridente entusiasmante, reso necessario dalla voglia di tenere finalmente in mano le redini della partita, per condurla in un porto da troppo tempo disabitato: quello della vittoria.

MA MONTELLA NON MOLLA IL 3-5-2: LA PROBABILE FORMAZIONE DI STASERA
———————-
CLICCA PER LEGGERE:
CLASSIFICA AGGIORNATA DI “SERIE A”
– CLASSIFICA AGGIORNATA DI “SERIE B”
RISULTATI E CLASSIFICA “PRIMAVERA 1”
– RISULTATI E CLASSIFICA DI “SERIE A” FEMMINILE

 

Una settimana di passione per Montella: Sampdoria e Milan, c’è il passato sulla strada per il futuro

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. 29agosto1926 - 2 mesi fa

    In tempi non sospetti scrissi che se dopo 4 giornate fossimo in fondo alla classifica ci sarebbero stati i nuovi lenzuolai che avrebbero cominciato l’opera di smantellamento della società. Qualcuno (Etrusco) mi scrisse che non sarebbe successo, che ci voleva pazienza e che, essendo cambiato tutto, la gente avrebbe capito. Ma che gente? I tifosi fiorentini? I nuovi lenzuolai? A Firenze non esiste pazienza, non esiste equilibrio, non esiste ragione se non quella di coloro che “devono” vincere qualcosa. Sarà per questo che sono 50 anni che non vinciamo niente o quasi? Sarà per questo che tutti gli imprenditori non hanno mai pensato alla Fiorentina e solo un vecchio nostalgico dell’Italia, innamorato deluso Paese, ha OSATO TANTO? Fate scappare anche lui mi raccomando, fatelo desistere tanto siete capaci di tutto anche di riuscire in questa impresa. SONO STATI CHIARI, NON HANNO PROMESSO NIENTE A NESSUNO SE NON DI MIGLIORARE IL PIAZZAMENTO DELLO SCORSO CAMPIONATO. Non è sufficiente? È grottesco? Fa ridere? Può darsi a questo hanno promesso e allora se a qualcuno non va bene co sono degli ottimi cinema a Firenze ANDATECI.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CippoViola - 2 mesi fa

    Dai che si deve vincere! SFV!!! Forzaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ottone - 2 mesi fa

    Vaia, vaia quanto vi pare, ma se appena fate 1+1=2 arrivate a capire che se questo qui se non vince o le busca anche stasera, e con davanti la trasferta di Milano, con la prospettiva di posizionarsi ultimi puliti e magari staccati, Mister Depressione se ne dovrà andare per forza. A furor di popolo. E’ difficile come concetto? Poi che abbiamo incontrato da subito le più forti del campionato lo andiamo a raccontare a veglia nelle sere d’inverno del prossimo anno, in serie cadetta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Cosimo de' Medici - 2 mesi fa

    6- Mandare via Montella.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-2073653 - 2 mesi fa

      E magari assumere Mourinho, Capello, o sentire se Guardiola va via dal City e viene alla Fiorentina…sennò c’è libero pure Allegri!!! Vaia vaia….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ganesh - 2 mesi fa

      Un allenatore si manda via quando, oltre ai risultati, manca il gioco. Quando la squadra gli rema contro. Quando non ha la minima idea di come mettere i giocatori in campo. Per il momento, e sottolineo e spero per il momento, la cosa che ci manca sono due/quattro punti. Mi sembra di ricordare che quando uscì il calendario di Serie A (Napoli Juve e Atalanta nelle prime giornate), moltissimi tifosi, me compreso, e giornalisti dicevano: “con questa squadra, quasi completamente nuova, il nostro campionato comincerà alla quinta giornata”. Aspettiamo quindi, un po’ di pazienza. E te lo dice uno che a inizio campionato non avrebbe mai riconfermato Montella.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Cosimo de' Medici - 2 mesi fa

        Io ho pensato che, almeno 3 punti col Genoa, sarebbe stato doveroso farli: di conseguenza ci manca almeno 1 punto.
        Per quanto riguarda le altre cose: il gioco non c’è, la minima idea di come mettere i giocatori in campo idem – partito col 433 con Vlahovic titolare e passato al 352 con Lirola, Chiesa, Pulgar e Ribéry fuori posizione – e pure sui giocatori che remano dalla sua parte, ho i miei dubbi, altrimenti non ti fai rimontare a pollo così.
        Comunque il suo destino è segnato: prima di Novembre torna a godersi il mare di Posillipo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ursusminimus - 2 mesi fa

          “manca 1 punto” … esoneriamolo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Burlamacchi - 2 mesi fa

          Ma via per favore, non è che voglio tenere Montella a tutti i costi, ma qua fai un discorso assurdo per un punto che ci manca e dopo appena 4 giornate.

          Che poi neanche 4 giornate. Da quanto ha tutta la rosa a disposizione? Credo che non siano neanche due settimane.

          Io non capisco che film mentali ti sei fatto sulla stagione della Fiorentina, ma non sarà facile.
          Inoltre resta il discorso che fan tutti: te manderesti via Montella (peraltro dopo una vittoria, assurdo), quindi stravolgeresti tutta la squadra, per prendere chi?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. 29agosto1926 - 2 mesi fa

      Purtroppo la peggior tifoseria d’Italia trova sempre il modo di distinguersi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Burlamacchi - 2 mesi fa

      Guarda genio che se vuoi mandar via Montella, casomai servirebbe la sconfitta.

      Il concetto dell’articolo non era difficile da comprendere, ma hai voluto fare il fenomeno finendo per passare da citrullo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Aliseo - 2 mesi fa

      Ci stiamo rialzando dalle macerie, abbiamo una squadra nuova e giovane, è stato detto che quest’anno è un anno di transizione, se vogliamo buttare tutto all’aria mandando giù il morale della squadra, mettendo pressione ai ragazzi e all’allenatore continuate a buttare benzina sul fuoco. l’unica partita giocata male è stata quella contro il Genoa, ci rendiamo conto che su quattro partite abbiamo incontrato il Napoli, la Juve e l’Atalanta? Chi scommetteva sui due punti presi? Ora remiamo tutti dalla stessa parte se si ha a cuore la squadra, siamo appena alla quinta giornata. Ve lo dice uno che non è toscano ma di Formia (regione Lazio). E poi mandare via Montella per prendere chi? SFV

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Cosimo de' Medici - 2 mesi fa

        Spalletti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Aliseo - 2 mesi fa

          E cosa ha vinto finora Spalletti? Alla Roma ha litigato con Totti, all’Inter con Icardi, mi sa che non ci piglia con i capitani

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Cosimo de' Medici - 2 mesi fa

            Ora anche Spalletti è scarso.
            Teniamoci Montella allora, ha vinto una Supercoppa col Milan.
            PS: Spalletti, qualcosina, l’ha vinta, è un allenatore non deve vincere la CL tutti gli anni per essere bravo…Altrimenti che aveva vinto Zidane o Mourinho o Allegri?

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy