Bucchioni: “Rischio limitato con Prandelli. Piatek? Accordo non trovato su un punto”

Dalle critiche a Commisso a Pedro, da Milenkovic alla gara conto il Benevento e non solo: il parere di Enzo Bucchioni

di Redazione VN
Prandelli

Il giornalista Enzo Bucchioni è stato il protagonista del filo diretto con gli ascoltatori di “A pranzo con il Pentasport” in onda su Radio Bruno.

Piatek

In estate è stato cercato. Alla Fiorentina piace l’idea di rilanciarlo. Il club viola chiedeva il riscatto a fine stagione, ma su questo punto non è stato trovato l’accordo con l’Hertha Berlino. L’esperienza in Germania è stata negativa. Il nome non eccita, ma calcisticamente la trattativa ha senso. Il gioco di Prandelli valorizzerà il centravanti di turno.

Critiche a Commisso

Sono convinto che la società abbia voglia di fare. Penso che le critiche siano dirette alla comunicazione. Pensavamo che potesse far diventare subito grande la Fiorentina. E’ evidente che siano stati sbagliati due errori su due e che Commisso avrebbe dovuto ascoltare i suoi manager, ma è lui il proprietario. L’operazione Prandelli mi piace perché sta in piedi, il rischio è limitato. Cesare torna a casa, è nel suo ambiente.

Pedro

Il margine di rischio è molto elevato. I suoi numeri sono positivi, ma il calcio brasiliano è diverso da quello italiano, basti pensare a Gabigol. Punterei su un giocatore più sicuro.

La partita contro il Benevento

Bisogna dare tempo a Prandelli. Vorrei vincere, anche giocando male. Un successo darebbe tanta forza al lavoro di Prandelli. E poi sono curioso di vedere le facce dei giocatori. Mi sembravano tristi con Iachini.

Milenkovic

La situazione contrattuale è difficile da gestire. Non so se si convincerà a restare a Firenze. Il problema non è trattenerlo, ma investire in maniera giusta i soldi derivanti dalla sua eventuale cessione.

Belotti

Non è possibile. Cairo ha un solo giocatore che rappresenta il Torino ed è proprio Belotti. Si trova in una situazione simile a quella dei Della Valle negli ultimi anni alla Fiorentina.

Dal modulo a Kouamé: Prandelli pensa a quattro modifiche per il Benevento

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gino - 2 settimane fa

    Non lo sopporto ma la penso come lui su un punto: Pedro è da calcio brasiliano, da difese scarse. Io l’ho visto nei vari gol che ha fatto ultimamente, in Italia gli fanno un mazzo tanto. Di quei gol ne potrebbe segnare nemmeno il 10%. Montella sarà stato scarso ma da ex attaccante secondo me lo vedeva e se lo lasciava sempre in panca un motivo ci sarà stato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BVLGARO - 2 settimane fa

    che dire il Piatek che ha fatto 22 gol in una stagione tanta roba. ma il livello dellA Serie A era più basso. Pedro? a me piace da morire, secondo me provare di nuovo non è sbagliato. vediamo. in ogni caso l’ investimento tornerà nelle casse viola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. renesviola - 2 settimane fa

    Enzo su Pedro ti sbagli di grosso : è fortissimo !

    Firma la petizione per Pedro!

    https://www.change.org/pedroviola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gerrone - 2 settimane fa

      pedro forrissimo ma almeno li hai guardati i goal che fa ?? ciofeche rasoterra che nemmeno in serie b …,,ma fammi il piacere…,,ora i tifosi dopo i flashmob pure le petizioni …,m a fare il tifo e basta invece di pensarci parte della società

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mediacom Corporation - 2 settimane fa

    Ascolto sempre con piacere Enzo, ha detto tutte cose condivisibili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy