VN – Spalletti in panchina, il sogno mai diventato realtà: ma c’è un motivo

VN – Spalletti in panchina, il sogno mai diventato realtà: ma c’è un motivo

Il tecnico di Certaldo non è mai arrivato sulla panchina viola per un motivo preciso

di Federico Gennarelli, @F_Genna88

La travagliata stagione 2019/’20 si avvia alla sua conclusione con la Fiorentina ormai salva da qualche giornata. Resta solo l’ininfluente impegno di domani (utile per sperimentare verso la prossima stagione) contro una Spal che da tempo ha già tirato i remi in barca e sta già pensando alla prossima Serie B. Al futuro, almeno quello immediato, la società viola ci ha però già pensato e dopo qualche sondaggio con Juric (che ha poi rinnovato con il Verona), Di Francesco e Giampaolo, oltre alla suggestione De Rossi mai decollata del tutto, ha scelto: Beppe Iachini sarà il tecnico anche per il prossimo anno.

E Spalletti? Chiesto a gran voce da molti tifosi, il tecnico di Certaldo è sempre rimasto in silenzio e in attesa, con in tasca ancora un anno di contratto con l’Inter e la voglia di muoversi solo per un progetto importante. Non che la Fiorentina non lo rappresenti, ci mancherebbe, ma convincerlo a privarsi di qualcosa come 5 milioni di euro all’anno non è certo impresa da tutti. E così il sogno è apparso subito destinato a svanire senza nemmeno decollare, senza nemmeno avere la possibilità di palesarsi: qualche abboccamento, alcuni discorsi di sorta, ma mai un interesse davvero concreto. Secondo quanto raccolto dalla nostra redazione, Spalletti non è nemmeno mai stato vicino alla panchina viola, anche perché mai gli è stato realmente proposto un progetto in viola.

La scelta, alla fine, è stata quella della continuità. Dettata dalla certezza di un tecnico che – chiamato in corsa – ha saputo portare alla salvezza con meno patemi dello scorso anno, ma anche dal poco tempo che separa la fine di questa stagione dalla successiva e che permette così a Pradè e Barone di ripartire da un’ossatura già certa con un allenatore ben consapevole del materiale che già ha a disposizione. Inutile dire che Luciano Spalletti non resterà ancora a lungo senza allenare, come spesso ha ammesso anche lui, ma chissà se un giorno le strade sua e di Firenze si incontreranno.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Valter - 2 mesi fa

    Non ancora il momento per un allenatore top per varie ragioni.
    Un allenatore top NON viene ad allenare una squadra fuori dalle coppe, non è una questione di ingaggio.
    Un allenatore top, come un calciatore top, si muovono solo se la squadra che lo vuole è una squadra top, e noi ancora non lo siamo.
    Tutti i ragionamenti a SENSO UNICO, che fanno sempre i fenomeni, come “si piglia questo” sono ragionamenti SBAGLIATI non esistono proprio, sono invenzioni di sprovveduti o in mala fede per aizzare altri sprovveduti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Trillo - 2 mesi fa

    Inutile rimescolare Spalletti adesso, per cui stravedo, e l’unica speranza che mi rimane che siano già d’accordo per il prox visto che per quest’anno sarebbe stato un costo troppo elevato da sostenere per entrambi.
    Redazione, scusate ma urge articolo sui rimborsi degli abbonamenti, perché una società come la Fiorentina dovrebbe essere, o mi piacerebbe che sia, un esempio invece a oggi solo il Milan a parole ha detto che rimborsa. La scelta dei voucher a tempo è una scelta tutta italiana? Possibile che una società come la nostra non sia in grado di monetizzare ciò che ha già ricevuto e non è stato usufruito? Voucher a tempo entro il 18 agosto??
    Gnamo via, siate seri, rimborsare è un investimento per il futuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aliseo - 2 mesi fa

      Se volevano prendere Spalletti lo potevano prendere ora, non credo ci potesse essere un problema economico, bastava accordarsi con l’Inter e dividere la spesa, forse Lui non è per il momento interessato alla nostra squadra che da qualche anno non naviga in buone acque ed il progetto di rilancio non è ancora decollato anche se rispetto allo scorso anno ci sono stati progressi, quest’anno, a differenza dello scorso, ci siamo salvati dalla serie B con leggero anticipo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. 29agosto1926 - 2 mesi fa

    Fate meno pubblicità e più articoli seri!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nicco - 2 mesi fa

    Questa era una grande opportunità, forse l’ultima perché la prima grande panchina che salta sarà la sua e sul baratro ne vedo parecchi da sarri a pioli , andava preso adesso a costo di fare un sacrificio economico, ma probabilmente Commisso nn vuol fare della Fiorentina una big italiana , almeno finché nn avrà certezze sullo stadio, infamatemi pure ma questa è la realtà che vi piaccia o no, l’ha ripetuto anche l’altra sera quando è intervenuto all evento di campi , molti se nn tutti hanno finta di nn sentire o capire ma è stato detto a chiare lettere, senza stadio nn si investe.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. simuan - 2 mesi fa

      …io quel concetto l’ho gia’ sentito…pero’ all’epoca c’era polemica se non sbaglio…questa volta solo silenzio…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Barsineee - 2 mesi fa

        Che strano vero? Anche io l’ho sentito anni fa ma alla fine eravamo solo dei leccaqualcosa non ricordo bene … Sai gli anni e i ricordi diventano confusi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. batigol222 - 2 mesi fa

        Se non vedete la differenza tra gli ultimi 4 anni di della Valle e adesso è un problema tutto vostro. Pure con l’autofinanziamento (c’è modo e modo di farlo). L’ultima fiorentina dei della Valle vi sembrava decorosa?
        Se si, andateveli a riprendere

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Valter - 2 mesi fa

        A quell’epoca erano 15 anni che i della alle erano a Firenze.
        E stavano dismettendo la Fiorentina.
        Rocco è arrivato ieri, non so se capisci la differenza, o forse non la vuoi capire..
        In 1 anno ha speso 300 ml e ne avrebbe spesi molti di più senza il fpf e se gli avessero fatto fare lo stadio fast fast come chiedeva.
        Poi adesso è arrivato questo covid che ha complicato ulteriormente.
        Non so se ce la fai a mettere insieme tutte queste cosette..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. batigol222 - 2 mesi fa

      Non è che non vuole farne una big, è che non si può fare. Il Milan (il milan) sono anni che investono centinaia di milioni convinti ogni anno che bastino per andare in Champions, e regolarmente non ci vanno. Mi sapete dire come mai?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. folder - 2 mesi fa

        Forse perchè sbagliano gli investimenti?

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy