Restyling del Franchi, e poi? L’articolo per la proprietà (a tempo) dello stadio

Tra i club ad usufruirne, oltre a Juventus, Udinese e Atalanta, potrebbe esserci presto anche la Fiorentina

di Alessio Crociani, @AlessioCrociani

Sorpresa: lo Juventus Stadium non è un impianto di proprietà. Proprio così, almeno da un punto di vista tecnico. Stesso discorso vale per la Dacia Arena ed il Gewiss Stadium, futura casa dell’Atalanta. Il perché si riassume in tre semplici parole: diritto di superficie. Si tratta dell’ art. 952 del Codice Civile, che recita: “Il proprietario può costituire il diritto di fare e mantenere al di sopra del suolo una costruzione a favore di altri, che ne acquista la proprietà. Del pari può alienare la proprietà della costruzione già esistente, separatamente dalla proprietà del suolo”.

Semplificando e declinando, senza perdersi nella traduzione dal burocratichese all’italiano, il diritto di superficie è l’istituto che garantisce la possibilità all’amministrazione comunale di cedere a tempo determinato la proprietà dello stadio. Ma senza che la società possa mettere a bilancio il valore immobiliare dello stadio. Tra i club ad usufruirne, oltre alle già citate Juventus, Udinese e Atalanta, potrebbe esserci presto anche la Fiorentina, nel caso in cui la soprintendenza dia il via libera alla ristrutturazione del Franchi (confermati i due mesi di attesa prima della risposta al progetto dell’architetto Casamonti).

Tale opzione – che ovviamente ha un costo (a Udine 4,55 milioni, ad esempio) – permetterebbe alla società viola di andare oltre i vantaggi derivati dalla semplice concessione che attualmente la lega al comune di Firenze nella gestione dello stadio. D’altronde, è difficile immaginare che un investimento del genere venga varato a fondo perduto. L’argomento è stato affrontato ieri nella riunione tra Commisso, il sindaco Dario Nardella ed il soprintendente ai beni culturali dott. Andrea Pessina. Le parti sono d’accordo: qualora si dovesse davvero puntare sul restyling del Franchi, la durata della cessione del diritto di superficie alla Fiorentina avrà durata di 99 anni.

FRANCHI: TRA DUE MESI IL DECRETO DI VINCOLO. ECCO I COSTI

Non è la “prima volta”: nel 1950 il sindaco di Firenze annunciò lo stadio con 120.000 posti!

 

Restyling Franchi, operazione partita: Commisso punta sui cantieri dal 2020

Il soprintendente Pessina sul Franchi: “Ora faremo la verifica di interesse culturale”

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ViolaLuke - 1 anno fa

    Col cavolo che il nipotino di Renzi avrebbe dato ai Della Valle il diritto di superficie per 99 anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 1 anno fa

      Invece Missal vini glielo avrebbe concesso. Parla di calcio da retta che anche li………

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pepito4ever - 1 anno fa

    in poche parole fare uno stadio di proprietà in Italia è impossibile, ma se dovesse andare bene e davvero Rocco ne diviene proprietario ad interim senza interferenze e gli fanno fare quello che vuole ci sta che sia una buona idea e soprattutto che accontenti tutti.Personalmente rimango dell’idea di farlo nuovo a Novoli dove non solo c’è la tramvia, i bus, l’autostrada e in 5 minuti arrivi alla Fi-Pi-Li ma c’è l’aeroporto e ci arrivi a piedi dalla mercafir, in termini di servizi non c’è paragone, ma basta che ci fanno fare qualcosa e non tarpino le ali a Rocco a questo punto. E Il franchi non sarebbe abbandonato anche a lasciarlo così ci potrebbero fare eventi culturali per pubblicizzare quel monumento storico di cui tutti si riempiono la bocca ma che in realtà non frega niente a nessuno perchè nessuno lo vede come un monumento dopo la distruzione di italia 90 e farci giocare le womnes e la fiorentina di serie C, e addio franchi, finalmente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. CippoViola - 1 anno fa

    A me dispiace abbandonare il Franchi però meglio nuovo e coperto.. se ripenso a tutte le azioni che non sono riuscito a vedere (ora in maratona un pò meglio.. ma un pò) o a all’acqua che c’ho preso in vita mia.. pochi anni fa giuro 42 di febbre coi tremori pensavo fosse una favola quando uno dice “c’ho 42 di febbre”.. e invece.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Matt - 1 anno fa

    va bene i ricordi, attaccamento, affetto al franchi, va bene tutto… ma ragazzi, chiamate anche le cose co i loro nome, il franchi è un rudere impresentabile dentro e fuori, scomodo, un pollaio scoperto, si vede male le partite da troppi punti, costoso da manatenere ed in un’area urbana assolutamente non attrezzata (in generale CdM avrebbe bisogno tutto di una rimessa a novo, ma è un discorso diverso quello)

    poi fate come vi pare, io a firenze non ci sto da tanti anni ormai ma qualche partita a vederla ci vengo. i franchi fa tristezza come pochi altri posti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. studioingme_14093562 - 1 anno fa

    Essendo un tecnico del settore, francamente non capisco la virata del Comune e soprattutto della Fiorentina in direzione del restyling del Franchi. I fatti sono questi: il costo del restyling si aggirerà sui 150 milioni di euro; l’ubicazione del Franchi è in una zona prettamente residenziale, densam,ente abitata e trafficata e che non si presta agli affollamenti ed al traffico che lo stadio necessariamente comporta, anche in relazione al disturbo causato a chi ci abita. In relazione al costo, un impianto nuovo costa circa 90-100 milioni di euro, per cui per il Franchi il costo sarebbe superiore del 50% (e non sono due spiccioli). In relazione all’ubicazione, normalmente uno stadio viene eseguito nelle zone periferiche di una città, non densamente abitate e trafficate, con spazi intorno per poter realizzare parcheggi e nelle vicinanze di grandi strade di comunicazione (autostrade e superstrade e, nel caso di Firenze, tramvia) per permettere un agevole afflusso e deflusso dei tifosi (un po’ quello che viene fatto per i centri commerciali e gli outlet). Ora il Franchi non ha niente di tutto questo e quindi non risulta adatto nè in termini di costo, nè in termini di posizione. Quindi resto del tutto perplesso su questa scelta per la quale non esiste alcuna ragione logica ed economica, a meno che sotto non ci siano risvolti diversi ed interessi che non conosciamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vecchio briga - 1 anno fa

      Secondo me quando Commisso avrà ben chiaro cosa significhi mettersi all’anima il restauro del Franchi, cioè quando gli sarà chiesto di rifare anche mezza Campo di Marte (e mi pare che qualcuno abbia già detto qualcosa in questo senso) cambierà subito idea. Spero che questo non porti a un ridimensionamento del progetto sportivo che alla fine è la cosa che più interessa ai tifosi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. tramvia=idiozia - 1 anno fa

      Per informazione, dove escono le cifre che citi dato che in rete se ne trova “di ogni”?
      Quanto alla contestazione sulla posizione…il Franchi è lì da quasi 90 anni, metti pure che il traffico ed il cu.. pesante della gente sia roba degli ultimi 30 anni…comunque finora ha retto…nonostante tutto, quanto sulla zona densamente abitata…Novoli non è da meno, e di certo chi ha comprato in zona CM sapeva che c’era lo stadio, viceversa non so quanto a Novoli siano contenti di mandargli il casino. Fa anche ridere quel “densamente abitata” se uno pensa al lato destro di Viale Righi (in direziona Salviati) che una volta c’ho visto pure Tarzan.
      Certo, con un migliore disegno dei posti, di ..posti per parcheggiare ce ne uscirebbero parecchi e farebbero comodo, al solo costo di qualche barattolo di vernice (e multe per chi parcheggia da cani), così come tanti altri posti potresti recuperarli a costo zero accordandoti con i parcheggi privati della zona (supermercati ma non solo), anche perché per quanto uno possa sfruttare uno stadio… il grosso delle macchine ci sarebbe solo occasionalmente. Organizzi meglio dei servizi navetta, e magari incentivi chi ci va in bici (o pure mezzi elettrici) che pure quel problema sarebbe parecchio contenuto. Certo, appena si è palesata la possibilità del Franchi rinnovato, in tanti hanno subito “apparecchiato” mega-progetti ed ennesimi cantieri che tanto a Firenze se ne sente la mancanza, quindi usare il buon senso non se ne parla nemmeno, ma resta il fatto che sarebbe sempre interessante sapere da dove vengono prese certe cifre

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Clyde the glide - 1 anno fa

    Bastaaaaa con il Franchi!!! In 11 anni di chiacchiere e promesse adesso ci rifilate il brodino del restyling… ma vergognatevi tra tutti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Lillo - 1 anno fa

    Articolo interessante, chissà che succede in caso di eventi organizzati da terzi (ad esempio, i concerti…)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 1 anno fa

      Se l’usufruttuario della concessione lo ritiene opportuno lo affitta!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. iacopo - 1 anno fa

      Penso che i terzi o pagano la Fiorentina per l’uso dell’impianto o i concerti/eventi li vanno a fare alle Cascine.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy