Due mesi di Chiesa alla Mertens. Un esperimento… funzionato a metà

Due mesi di Chiesa alla Mertens. Un esperimento… funzionato a metà

Tanti tiri verso la porta, pochi gol. Le prestazioni contro Atalanta, Sampdoria e Milan pesano in positivo, ma il gioco vale la candela?

di Alessio Crociani, @AlessioCrociani

Inizio settembre, la Fiorentina reduce dal k.o. contro il Genoa cerca soluzioni tattiche alternative al 4-3-3. Montella approfitta della sosta per per varare il 3-5-2. La formula tutto sommato funziona, la squadra è più compatta. Ma Federico Chiesa? Domanda che suona quasi comica, come se avere un calciatore con le sue qualità fosse un problema. Ovviamente non lo è, ma interrogarsi sulla sua posizione in campo è più che legittimo. Due mesi dopo, possiamo dire che l’esperimento del “falso nove” alla Mertens abbia funzionato solo a metà. La media voto calcolata sulle pagelle di Violanews.com è di poco sopra la sufficienza: benissimo contro Atalanta, Sampdoria e Milan, tra il male ed il molto male nelle gare con Brescia, Parma e Cagliari (quest’ultime giocate in parte anche da esterno a tutta fascia).

Fatta eccezione per il crollo generale di domenica scorsa, emerge una tendenza ad incidere maggiormente contro le squadre che lasciano più spazi agli avversari. Fin qua niente di nuovo, considerando le caratteristiche del giocatore. Travolgente nell’uno contro uno, quasi imprendibile in campo aperto. Il problema è che se vieni schierato come attaccante centrale devi farti valere anche spalle alla porta. E in questo aspetto Chiesa deve ancora crescere molto.

Un’altra indicazione significativa ci viene fornita dalle statistiche. I tiri totali tentati da Chiesa in questa prima porzione di campionato sono 51 (secondo solo a Cristiano Ronaldo, 56), di cui il 39,22% nello specchio. I gol segnati? Pochi, soltanto 2. Vi/ci chiediamo, dunque: la Fiorentina di oggi può permettersi di perdere la sua spinta propulsiva sulla fascia per guadagnare un una punta sì brava, ma con questi numeri? L’EX VIOLA LUIS OLIVEIRA LA PENSA COSÌ

Nervoso e poco preciso: Chiesa, rendimento in calo. E presto si riparlerà del rinnovo

Borghi: “Chiesa arrovellato su se stesso, ma il destino di questa squadra passa da lui”

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. vecchio briga - 1 mese fa

    Il 352 è il modulo migliore per la Fiorentina, ma non va bene per Chiesa. O si torna al 433 (e qui bisognerebbe vedere se Ribery può fare l’esterno a 36 anni..), oppure con le due punte è più logica la coppia Ribery-Vlahovic..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. damci - 1 mese fa

    chiesa deve giocare esterno,con pochi arretramenti per non sfiancarlo,e dovrebbe essere invitato a giocare meno da solo e a fare cross tesi e forti per il centravanti. Certo dietro alui ci vorrebbe un terzino bravo non Lirola e neppure Dalbert ed un centrocampista che raddoppi anche sulle fasce,non Badely

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy