Iachini: “Società e presidente sempre vicini, altrimenti non sarei rimasto. Callejon fulmine a ciel sereno, Pezzella out”

Le parole di Beppe Iachini alla vigilia della partita di Parma che rappresenta sicuramente un crocevia per la stagione della Fiorentina

di Alessio Crociani, @AlessioCrociani
giuseppe-iachini

Alla vigilia di Parma-Fiorentina gara trasmessa domani sera in esclusiva da DAZN (clicca qui per vedere la partita). Giuseppe Iachini ha preso la parola per far conoscere il momento della squadra e anche le sue sensazioni dopo che per tutta la settimana si è detto e scritto che la sua panchina traballa fortemente.

Su come sta la squadra e come sta vivendo questa vigilia: “Sono dispiaciuto per Callejon, già da qualche settimana stavamo lavorando per portarlo alla migliore condizione possibile. Avevamo lavorato a diverse soluzioni tattiche, è stato un fulmine a ciel sereno perché perdiamo un giocatore di qualità che stava cercando con tutto se stesso di raggiungere i livelli migliori. Per il resto, le voci fanno parte del gioco. Dobbiamo restare concentrati sul lavoro al di là di Iachini. Non vogliamo ripetere la prestazione di Roma, dopo un’ottima partenza abbiamo cambiato atteggiamento senza seguire le nostre caratteristiche. Abbiamo parlato e ci abbiamo lavorato sopra. in questa prima parte di campionato abbiamo pagato dazio su qualche situazione particolare, dobbiamo ritrovare il nostro percorso”.

Su Pezzella: “Abbiamo pagato la sua assenza ma dobbiamo andare avanti, purtroppo non ci sarà anche domani perché ha ancora fastidio al piede”.

Se ha sentito Commisso: “La società e il presidente mi sono sempre stati vicino. Se ci fosse stato tutto questo clima negativo nella squadra e in società, non sarei rimasto. Qualcosa di buono è stato fatto, forse non è stato apprezzato abbastanza. Pazienza. Io penso a lavorare con i ragazzi per correggere qualche problemino avuto in questo inizio di stagione”.

Se i dirigenti della Fiorentina gli hanno chiesto di dimettersi: “No. Vogliamo uscire tutti da questa situazione. Meritavamo qualche punto in più, ma nell’arco di una stagione ci sta che ci sia qualcosa che non va. Qualche ragazzo è arrivato dopo e ci sono stati gli infortuni, abbiamo pagato dazio. Mi sarei già dimesso se avessi sentito un certo tipo di clima. Siamo una delle prime squadre che tira in porta, dobbiamo continuare a lavorare”.

Sul modulo, la difesa ed il centrocampo: “E’ già da diverse settimane che stiamo lavorando sulla difesa a quattro. La squadra deve saper fare una cosa quando è in fase di possesso e un’altra quando non ha la palla. Dobbiamo valutare anche in base alle certezze dei giocatori. Pulgar è stato due mesi e mezzo fuori, piano piano stiamo cercando di reinserirlo dandogli il minutaggio giusto”.

Sul Parma: “E’ una squadra che ha delle ottime individualità come Gervinho e Inglese, ma anche centrocampisti bravi ad entrare come Kucka e Kurtic. Dobbiamo ritrovare la serenità e l’entusiasmo che ci hanno accompagnati nel finale della scorsa stagione e nelle gare contro Torino e Inter. Negli ultimi 20 giorni abbiamo avuto qualche problemino in più dettato da varie situazioni, nel calcio ci sono questi momenti. Servono ancora più concentrazione e cura dei dettagli, sono convinto che questo gruppo possa ancora dare soddisfazioni”.

Su cosa ha percepito da società e squadra: “Ho parlato con Barone, Pradè, il presidente ed i ragazzi. Sarei inca**ato se la squadra non mi seguisse ma nei giocatori ho sempre visto un atteggiamento di grande impegno e partecipazione. Ora dobbiamo portare in campo il nostro lavoro e aggredire gli eventi della partita, senza subirli”.

Sull’attacco: “Nelle prime quattro partite è partito Kouamé dall’inizio, è quello che stava meglio. Poi ha accusato una leggera flessione, secondo me dettata dall’età. Sono ragazzi giovani che si stanno formando e a volte portare la maglia numero nove può essere pesante. Piano piano, lavorando anche sotto l’aspetto psicologico, stanno recuperando. Guardate Simeone: sentiva molto la responsabilità qua a Firenze, poi ha cambiato piazza e si è ritrovato. Dobbiamo cercare di diventare grandi in fretta, ma sono attaccanti con delle ottime potenzialità”.

Su Ribery: “Lui e la squadra sono partiti bene, poi a Milano ha preso un colpo alla caviglia infortunata la scorsa stagione. Quando non ti alleni e devi fare le terapie qualcosa perdi a livello di brillantezza. Ha dovuto saltare delle sedute di allenamento, ma ora sta meglio. E’ un giocatore di qualità ed esperienza, fai fatica a tenerlo fuori anche quando non è al 100%. Ci auguriamo che possa tornare presto alla sua condizione migliore”.

Su Pedro: “Dopo 10 giorni che sono arrivo è andato via. Veniva da un infortunio di un certo tipo al ginocchio, il suo recupero era lungo. Abbiamo preso Cutrone perché era più pronto fisicamente, ma non avevamo dubbi sul fatto che il ragazzo avesse delle qualità”.

Occasione DAZN

Le prossime tre settimane le partite della Fiorentina verranno trasmesse in esclusiva da DAZN che permette l’abbonamento mensile, con la possibilità di distacco immediato dopo un solo mese spendendo solo 9,99 euro. CLICCA QUI PER INIZIARE IL TUO MESE VIOLA SU DAZN

 

Iachini (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)
19 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Lallero - 4 settimane fa

    Altrimenti non sarei rimasto??? E ti saresti dimesso eh cario Beppe? Ci fosse qualcuno con le palle di farlo davvero… solo pochi signori fanno osì, molto pochi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. yukiomishima1959 - 4 settimane fa

    Beppe, ti voglio bene, ma dire che abbiamo qualche “problemino” mi sembra leggermente riduttivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ForzaViolaSempre - 4 settimane fa

    Iachini se tu volessi bene alla Fiorentina tu ti saresti già dimesso!!!!!!!!
    E se Rocco volesse bene alla Fiorentina ti avrebbe già esonerato!!!!
    #IachiniOut

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Lusoviola - 4 settimane fa

    Ho letto un pò la conferenza poi ho lasciato perdere,
    Io rispetto sempre la persona ma nel ruolo di allenatore lo critico e parecchio.
    Capisco la sua posizione che cerca di difendere come quando sei sotto assedio, fa parte del ruolo professionale, purtroppo fa acqua da ogni parte,
    E in ogni caso non mi sento di attribuirgli tutte le responsabilità.
    Spero si vinca col Parma e spero allo stesso tempo che si sostituisca subito dopo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Paldo70 - 4 settimane fa

    Giochiamo a tre e a quattro…., Il presidente mi è stato vicino. Qualcosa non quadra!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mediacom Corporation - 4 settimane fa

    La pazienza dei tifosi è al limite non c’è nessuno in città che difenda il mister. Qualche alibi glielo possiamo concedere, ci fosse stato pulgar ok avremmo potuto schierare fin da subito il talento del Verona. Ma perché non provare Duncan? Il capolavoro di Roma con 2 esterni a fare le punte non ha giustificazioni così come altre scelte sbagliate ma soprattutto una squadra senza mordente che era una caratteristica dello scorso anno. Non vorrei ci fossero problemi che vanno aldilà delle colpe di iachini, preparazione non al top e giocatori non adatti al suo gioco. Umanamente dispiace ma Parma è davvero ultima possibilità per vedere un sussulto approfittiamo della sosta per cambiarlo con Prandelli ma non aspettiamoci la Fiorentina di toni sennò bruciamo anche Cesare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Nicco - 4 settimane fa

    Penso che nella storia recente della Fiorentina forse un allenatore scarso quanto iachini è stato Delio Rossi siamo su quei livelli…. mamma mia come siamo caduti in basso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mediacom Corporation - 4 settimane fa

      Vogliamo ricordare che Delio Rossi arrivo’ a Firenze come se fosse Bearzot? I tifosi erano tutti felici, purtroppo era la squadra ad avere problemi. Il calcio non è matematica speriamo che mandando via beppe si risolva il problema.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-14325196 - 4 settimane fa

    Sempre le solite scuse. Si fa pena e dai la colpa a tutti meno che a te stesso. Almeno assumiti le tue responsabilità. Via!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. 29agosto1926 - 4 settimane fa

    Facciamo come per la vigilia delle elezioni. Silenzio elettorale. Tanto scriviamo, purtroppo, le solite cose.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Etrusco - 4 settimane fa

    Discorsi senza valore fatti da chi per soldi si è messo il coraggio in tasca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. quarta - 4 settimane fa

    basta chiacchiere! Ci vogliono i fatti. I fatti ci dicono che sei un allenatore incapace di far giocare una squadra a calcio, non si fa due passaggi in fila, non siamo propositivi, non c’é uno schema offensivo che sia uno, vattene per l’amor del cielo. Tra l’altro non capisco una cosa… come può non percepire un clima tenebroso attorno a lui? spara cazzate? Fossi in lui avrei riconosciuto i miei limiti e mi sarei dimesso a inizio ottobre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. renesviola - 4 settimane fa

    Che modo di agire è ? Su Pedro sapevi che eri forte e lo hai mandato via perchè veniva da un infortunio e non era ancora pronto … che incopetenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LoreBBB - 4 settimane fa

      ma va, avrà detto la prima cosa che gli è passata per la testa. pedro non fa parte della sua rosa, non lo ha allenato e non poteva dire che conosce una sola medicina, il lavoro, ecc. ciononostante ha infilato gli infortuni. grande beppe!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Lallero - 4 settimane fa

    Vai via, cacciatelo, una tristezza e una banalità unica. Temo sia anche poco intelligente il povero Beppe. Ma come si fa a dire ancora queste cose???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Violapersempre - 4 settimane fa

    Qualche problemino????????
    A me pare che ci sia stato più di qualche problemino, come mai tutte le sante volte si cerca di rigirare la frittata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. LoreBBB - 4 settimane fa

    ma c’è qualcuno in società che ancora riesce a credere a questo disco rotto? è clamoroso, la sagra del qualunquismo. ogni domanda la riporta al lavoro, una sola medicina, le nazionali e gli infortuni. e dulcis in fundo! abbiamo fatto cose buone… ma dove! che i ragazzi non fanno 3 passaggi di fila…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Nicco - 4 settimane fa

    Ancora scuse ancora alibi, il Sassuolo a Napoli mancava di belotti djuricic e capito eppure ha sopperito col gioco alle assenze questo continua a trovare scuse. BASTA nn lo sopporto più IACHINI OUT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nicco - 4 settimane fa

      Berardi e Caputo volevo scrivere

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy