Guagni: “Calcio femminile? No ad un protocollo diverso, piuttosto non ripartiamo”

Guagni: “Calcio femminile? No ad un protocollo diverso, piuttosto non ripartiamo”

Le parole della calciatrice gigliata in merito alla situazione del calcio femminile

di Redazione VN

Il capitano della Fiorentina Women’s Alia Guagni ha parlato ai microfoni del TGR Rai Toscana, queste alcune delle sue dichiarazioni rese note nel primo pomeriggio:

Al calcio femminile serve l’aiuto del Governo e della FIGC. Siamo dilettanti o professioniste? Procollo più blando per lo sport femminile? La salute è uguale per tutti. Se non ci sono soldi per noi, non è momento di ricominciare.

Ha poi fatto seguito l’intervista completa: “Se il governo non ci dà un amano, se la federazione non ci supporta, dubito che riusciremo a ripartire”, ha detto. “Si sono fermati i dilettanti e noi siamo ancora considerate dilettanti, speriamo possa essere il momento per passare al professionismo. L’idea di due protocolli diversi? Pensare ad una cosa del genere quando si tratta di salute mi sembra assurdo, se il calcio femminile non è in grado di adottare lo stesso del maschile per questioni economiche o gli viene data una mano oppure significa che non è il momento di ripartire”.

Pezzella/2: “Spero in un bel finale. Progetto in crescita, grandi risultati con Commisso”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy