Per favore no!

Per favore no!

Arrivano delle pericolose voci di un ritorno di Kalinic a Firenze. Ecco come la penso.

di Saverio Pestuggia, @s_pestuggia

Leggo e sento che ci sarebbe la possibilità di riportare a Firenze Nikola Kalinic. Il primo pensiero è andato al brano ‘La mia banda suona il Rock’ di Ivano Fossati nella quale ad un certo punto ascoltiamo “No no oh, per favore no“. La conoscete? Ve la ricordate? Non importa, ma questo è quello che mi suggerisce questa voce di mercato che viene da Roma con i giallorossi vogliosi di sbarazzarsi di un calciatore che dopo una buona parentesi fiorentina ha sempre fallito. Sei gol nel Milan e tanti fischi a suo carico, poi tanto panchina all’Atletico Madrid e adesso altrettanta a Roma.

E come dimenticare il modo in cui volle lasciare a Firenze a tutti i costi con certificati medici a comprovare un insidioso disturbo fisico. Insomma un calciatore che personalmente non vorrei proprio rivedere al Franchi perché, a differenza di un Badelj di cui si dice che “faccia spogliatoio“, quest’altro croato  pensa al proprio tornaconto non essendo più un virgulto e avendo alle spalle due stagioni e mezzo fallimentari e un contratto non certo con compenso tipico delle svendite post natalizia.

Caro Daniele Pradè, penso e spero che le voci siano completamente prive di fondamento. La Fiorentina ha sicuramente bisogno di un centravanti da affiancare a Vlahovic visto che ormai pare chiaro che Montella abbia definitivamente abbandonato Pedro in mezzo all’Atlantico e che Boateng non è mai stato un centrattacco. Quindi rinforzarsi sì è doveroso, ma certamente non con Kalinic.

26 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. LupoAlberto - 3 mesi fa

    Io ve l’ho già detto: Alessio Cerci sarebbe un gradito ritorno sulla fascia… altro che Ribery!
    No, davvero, se stessero anche solo trattando Kalinic andrebbero immediatamente sollevati dall’incarico! Meglio Antonio come DS, magari affiancato da qualcuno introdotto nell’ambiente, sul tipo Macià (preso mentre volgeva alla fine la prima esperienza di Corvino e trattenuto quando venne Pradè la prima volta).
    SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. giac - 3 mesi fa

    non ci credo!! per me è solo gossip!! non è persona seria lo abbiamo già capito se pradè vuole riportarlo a Firenze perchè non sa dove sbattere la testa può tranquillamente andarsene, basta ritorni !!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. jameslabriexxx - 3 mesi fa

    Ma oh che un ci son altri giocatori da prendere nuovi? Bisogna per forza ripiglia’ le minestre riscaldate? Allora ripigliamo Batistuta, o che dire di Graziani,Baiano…via su, siamo seri…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-14533672 - 3 mesi fa

    No grazie….abbiamo gia’ dato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. fabio49 - 3 mesi fa

    Penso che sia assolutamente e solamente una trovata giornalistica. E anche l’alzata di scudi del sig. Pestuggia mira esclusivamente ad incrementare i like e i contatti. Parole parole parole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 3 mesi fa

      Guardi Fabio che per fortuna non abbiamo certo bisogno di mezzucci per incrementare like e contatti. Ho espresso il mio parere in merito alla voce che sta girando e credo di averne tutto il diritto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. fragnsi_2332458 - 3 mesi fa

    No, no e ancora assolutamente NO a Kalinic e no anche a Pradè, malefico colui che lo ha suggerito a Commisso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-2073653 - 3 mesi fa

      Senti se torna Pantaleone, almeno 1gennaio1950 per la gioia farà contenta anche la sua signora….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. bati - 3 mesi fa

    E meno male che questa tifoseria era stata avvertita che necessariamente sarebbe stato un anno di estrema transizione. Una tifoseria alla quale era stato fatto notare ( anche se qualsiasi intellettualmente normodotato avrebbe dovuto arrivarci da solo) che una società passata di mano a giugno e con un parco giocatori disastroso da cambiare quasi integralmente a tempo di mercato praticamente scaduto, avrebbe avuto bisogno di massima indulgenza e comprensione. Che gli errori sarebbero stati inevitabili e che la vera squadra sarebbe nata dodici mesi dopo. Non c’è niente da fare, e poi qualcuno continua a meravigliarsi sbalordendo di fronte alle interviste di firmatari sul MES ai gazebo leghisti. Questa è la situazione ai giorni nostri, qualsiasi sia l’oggetto di discussione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Barsineee - 3 mesi fa

      Caro Bari, quello che lei dice è parzialmente scorretto. l’Inter ha avuto un anno per fare mercato. La Juve idem anche se è stata ostaggio dei giocatori che oggi sono fondamentali. Il Milan pure. Il Cagliari invece ha venduto Barella a giugno e ha costruito in due mesi una squadra fantastica, tutto con intelligenza e competenza. Il Parma pure ha costruito una squadra senza grandi pianificazioni (dovevano salvarsi prima) e nonostante il budget hanno oggi una buona squadra. Quelle che voi spesso chiamate macerie della precedente proprietà si chiamano Dragowski, Pezzella, Milenkovic, Castrovilli, Sottil, Benassi, Vlahovic. A cui in due mesi hanno aggiunto Caceres e Ribery di valore. Dire che si giudica a 14 mesi l’operato sportivo è veramente folle. Se fosse così si dovrebbe andare indietro di 14 mesi dalla vendita e trovare la viola impegnata nella rimonta post lutto di Astori. Sinceramente continuare a dire che fino ad oggi è andato tutto bene è veramente inascoltabile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. giobbarone - 3 mesi fa

        Senza contare che nei pochi mesi (?) a disposizione è stata fatta una campagna acquisti a dir poco scellerata.

        Non sono state accolte le richieste dell’allenatore, da sempre fedelissimo al 3-5-2, prendendo un terzino di spinta (?) a 12 milioni che ancora deve fare un cross.

        Sono stati presi due mediani identici e nessun palleggiatore e meno male che è esploso Castrovilli.

        15 milioni investiti per un attaccante, giovane, che avrebbe necessitato di tempo per ambientarsi, che veniva da un brutto infortunio ma che non ha mai avuto l’appoggio dell’allenatore al punto che non lo ha fatto giocare nemmeno in coppa Italia contro il Cittadella.

        Se poi vogliamo dare la colpa a qualcuno, diamola ai diretti responsabili, l’allenatore e la squadra sono quelli che sono, il primo mi sta anche particolarmente poco simpatico, ma il vero problema è che questa squadra è stata costruita senza alcuna logica.

        E adesso ne paga le conseguenze.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Johnny - 3 mesi fa

    Condivido in pieno. Kalinic uomo ha smesso di essere da Fiorentina 3 anni fa, Kalinic giocatore nella considerazione più benevola da 2 e mezzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. CippoViola - 3 mesi fa

    Non direi no al giocatore che è stato ma proprio all’uomo che ha dimostrò di essere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ViolaLuke - 3 mesi fa

    Pradè ha ancora due anni di contratto. Roba da rabbrividire.
    A gennaio, per farsi perdonare dello sciagurato mercato estivo, chissà quali guai combinerà.
    Gli altri direttori lo prenderanno per il collo e ci faranno pagare a peso d’oro giocatori “normali” come Politano o Berardi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Etrusco - 3 mesi fa

    Tra Kalinic e Zaza mi pare il mercato di riparazione di carnevale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. riccard_793998 - 3 mesi fa

      Día retta…..zazza per noi sarebbe oro…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Prince - 3 mesi fa

    Non capisco perché Montella debba avere ancora tutta questa considerazione nella valutazione dei giocatori, a mio giudizio in più di una occasione anzi quasi sempre ha dimostrato da allenatore di non aver nulla a che fare con il calcio, per cui potenzialmente non sa conoscere i giocatori per quanto serva, e su Pedro di sicuro si sbaglia, lo vorrei far allenare a qualche altro di spessore e sentire che ne pensa. Anche perché non è che le altre scelte le ha azzeccate tutte, e il primo ha rendersi conto della sua incapacità è stato proprio Ribery mandandolo a quel paese da quel momento tutti non vedono l’ora che si levi di torno. Ripeto siccome non mi fido del giudizio di Montella, darei credito a chi c’è. Anche perché per giudicare bisogna conoscere e con Montella ancora di Pedro si conosce solo il nome.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. iG - 3 mesi fa

    se si prova anche ad avvicinarsi all’aeroporto, lo vado ad accogliere con il materiale marrone che tanto manifestava nei suoi certificati medici

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Random - 3 mesi fa

    metto le mani avanti, io non ce lo voglio per l’uomo, non per il giocatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Julinho - 3 mesi fa

    L’amico Kalinic a Firenze c’è già stato, non si è comportato in modo lineare e chiaro, anzi a mio giudizio è stato estremamente scorretto e affatto rispettoso della sua Società, la Fiorentina appunto. Dove poi è andato è stato un autentico disastro.
    Perché dovremmo riportarlo a Firenze? Vogliamo continuare nel vecchio trend di portare a Firenze giocatori inadatti o assoluti bidoni impresentabili? O vogliamo tornare a portare a Firenze gente come Frank che finalmente ci riportino in alto e ci facciano sognare?
    Sono perfettamente d’accordo con il Dr. Pestuggia e sono certo che Rocco e Barone non commetteranno mai un errore così marchiano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Gasgas - 3 mesi fa

    Mi auguro sia una bufala

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. bati - 3 mesi fa

    Poniamo che la Fiorentina abbia deciso di prendere Kalinic e che, come potrebbe essere possibile, la trattativa sia, insieme a quella per Florenzi, praticamente conclusa. Cosa dovrebbe fare ora la Fiorentina a fronte di un articolo di un direttore giornalistico di testata sportiva con un certo seguito tra la tifoseria viola, il quale parla di pericolose voci di un ritorno di Kalinic, che spera nella loro infondatezza e che implora in ogni caso di non farlo. Dovrebbe raccogliere il monito e smentire ogni ipotesi? Dovrebbe assecondare l’implorazione ed eventualmente far saltare l’accordo in barba alla politica di rafforzamento pianificata da tutte le figure societarie preposte? Dovrebbe proseguire dritta per la propria strada con lo spauracchio di un direttore di testata pronto a scrivere: io l’avevo detto di non farlo? Un bel dilemma in un momento in cui si avrebbe tanto bisogno di tranquillità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Powerfons - 3 mesi fa

    Mi sembra pazzesco anche solo che se ne stia parlando

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Daniele C. - 3 mesi fa

    Concordo pienamente con Saverio Pestuggia. Per favore no, questo sarebbe un affronto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pietromaffucci06_13009327 - 3 mesi fa

      Totalmente in disaccordo Con il direttore “Professore”!….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Luca-Pisa - 3 mesi fa

    Assolutamente NO. Questo in maglia Viola non c’è lo voglio più vedere!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy