Montella: “Difficoltà emotive e manca serenità, ma ritiro inutile. Veretout? Era nervoso perché…

Montella: “Difficoltà emotive e manca serenità, ma ritiro inutile. Veretout? Era nervoso perché…

Le parole di Montella dopo Empoli-Fiorentina, dal nostro inviato al ‘Castellani’

di Iacopo Nathan

Vincenzo Montella, allenatore della Fiorentina, ha parlato in conferenza stampa dopo la sconfitta contro l’Empoli:

«Momento negativo? Stiamo vivendo un periodo particolare, oggi ho visto una Fiorentina che ci ha provato fino all’ultimo. Il portiere avversario ci ha messo del suo. Il clima generale non è dei più accomodanti per i ragazzi, che sono stati anche sfortunati.

Scuotere l’ambiente? Oggi abbiamo creato tanto, nonostante siamo in un momento di difficoltà. Ci manca la serenità e la tranquillità che aiuta a fare qualcosa in più.

Squadra in ritiro? Era utile qualche anno fa, quando servivano per stare insieme e concentrarsi, adesso non servono a niente.

Chiesa? Ha avuto la febbre due giorni, lui voleva giocare a tutti i costi. Non ho voluto rischiarlo dall’ inizio ma non stava bene.

Paura per la salvezza? No, non c’è paura. I giocatori sono dispiaciuti per i risultati.

Rosso a Veretout? Non ho visto cosa è successo, ha risposto all’arbitro in maniera nervosa. Si era arrabbiato per un fallo subito da Traorè.

Attacco? Muriel è stato tolto perchè volevo un calciatore più fisico, come Vlahovic. Simeone è stato poco fortunato, più volte è stato vicino a segnare.

Cosa manca alla Fiorentina? Tra vincere e perdere c’è molto, oggi la squadra ha fatto meglio di altre volte. Mi interessa lo spirito e la reazione, che sul piano emotivo c’è stata. Per me era importante questo principalmente. Adesso dobbiamo vincere e fare punti.

Lavorare per il prossimo anno? Ci confrontiamo costantemente con il direttore, ma il momento su cui ci concentriamo maggiormente è il presente.

Dove ha vinto l’Empoli? Oggi la Fiorentina ha giocato meglio e creato di più, ma la leggerezza dell’Empoli forse li ha portati a fare meglio».

Intervenuto anche ai microfoni di DAZN, Montella ha commentato così la quarta sconfitta su cinque partite dal suo ritorno alla Fiorentina, stavolta contro l’Empoli:

Finale acceso? Non ho visto l’espulsione di Veretout, penso che si sia arrabbiato per un fallo non fischiato netto. Sicuramente era molto nervoso, ma era un fallo clamoroso, era arrabbiato perché se ne stava andando sull’esterno. Anche io lo sono per il risultato perché non lo meritavamo, è una maledizione perché niente va per il verso giusto. Credo la squadra abbia creato tanto anche oggi, manca un pizzico di decisione e tranquillità, ed è questa mancanza che non ti fa fare gol ed essere incisivi. Ci prendiamo le critiche, anche forti perché oggi me le aspetto, ma meritavamo qualcosa in più. Viviamo dei guizzi di Chiesa? Non era al 100% e si è visto, ma stiamo combattendo e sono dispiaciuto perché i ragazzi sono in difficoltà emotiva. Ritiro? Non credo nei ritiri, qualche anno fa si facevano stando insieme, giocando a biliardo o a carte. Oggi invece si sta da soli in stanza e può essere controproducente: non credo sia la soluzione

vnconsiglia1-e1510555251366

PAGELLE VN: Simeone, Milenkovic, Veretout ancora flop. E Montella fa rimpiangere Pioli

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. MixViola - 2 mesi fa

    Oggi ci sono gli smartphone quindi i ritiri non servono più a niente?
    Per una buona arrampicata sui vetri bisogna avere delle buone ventose, ma alla fine ha detto chiaro e tondo che non ha alcun controllo sulla squadra, chiaramente ammutinata e inc….ata dopo le ‘dure’ reprimende societarie.
    Prosegue l’innovativo Progetto Demotivation 2.0, ma sta a vedere che è colpa dei clienti, pardon tifosi.
    Per andare dove dobbiamo andare per dove dobbiamo andare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. kk53 - 2 mesi fa

    Scusate,ma ci dobbiamo tenere questa ribongia di allenatore anche il prossimo anno!!??Nessuno si è accorto che la squadra non lo segue,anzi direi non lo vuole
    con la labilità psicologica della squadra non centra un c….si è rotto un filo che solo Pioli vivendolo aveva mantenuto e coltivato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dellone68 - 2 mesi fa

      Scusami tanto se mi permetto di confutare quello che dici, ma mi pare che tu stia un pò esagerando. La squadra è possibile che non segua Montella, ma questa squadra, dopo l’addio di Pioli, è di fatto già finita. Fra quelli che verranno venduti e quelli che sono di altre squadre che non verranno riscattati, ci sarà un vero e proprio repulisti. Questi giocatori sono il prodotto della gestione del signor GNIGNIGNI (e quindi dell’Innominabile di Casette d’Ete), Corvino e di Pioli (con molte scusanti). Con Montella non c’entrano nulla. E’ difficilissimo entrare a campionato quasi finito, in una società a pezzi ed un progetto tecnico altrettanto lacerato e fare anche un minimo di cose positive. Vai a rivedere che cosa è accaduto in passato, guarda i subentri avuti nella Fiorentina negli ultimi trent’anni e guarda che cosa hanno prodotto. Nessuno ha risolto nulla, in qualche caso ci siamo salvati all’ultima giornata. Cito solo Guerini, l’ultimo in ordine di tempo. E allora? Perché sparare di già ad alzo zero contro Montella? Il mister è l’unico, di un certo spessore tecnico, che ha già allenato in altre realtà importanti, che ha avuto il coraggio di venire qua. Pensi forse che a Firenze, in questa situazione, possano venire gli Spalletti, i Sarri, gli Ancelotti, tanto per citarne qualcuno? Qua non viene neanche Giampaolo che a mio avviso è meno bravo di Montella. Per non parlare di Di Francesco. Ma non ci viene neanche Semplici, De Zerbi e compagnia. Qua non ci avrebbe messo piede nessuno. Quindi Montella, almeno per ora, va solo ringraziato. Bisogna cercare di essere un pò più propositivi. Se poi con Montella ripeteremo il poco edificante campionato di quest’anno, io sarò il primo a contestarlo. Ma insomma, diamogli tempo e soprattutto, vediamo chi sarà il DS che farà la prossima campagna acquisti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. MixViola - 2 mesi fa

        Perché ringraziato se, dopo 3 esoneri 3, gli è apparsa la Madonna con questo regalo della proprietà più confusa, incompetente e ormai tragicomica della serie A?
        Si chiami anche Guardiola, la questione non cambierebbe di un millimetro. Il pesce puzza dalla testa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-2073653 - 2 mesi fa

    Mi piacerebbe essere una mosca durante i confronti col direttore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Dellone68 - 2 mesi fa

    Contestare Montella mi sembra totalmente fuori luogo. Montella andrà contestato se il prossimo anno non darà un gioco alla squadra e soprattutto se avrà avuto carta bianca per il mercato ed avrà avallato gli acquisti che verranno proposti e se, naturalmente, la squadra collezionerà l’ennesimo flop. In questo fine campionato non ha alcuna colpa. La difesa della squadra è d’obbligo, o, se volete, d’ufficio. Non può dire ai giocatori che sono SCARSI e non da serie A, nessun allenatore può farlo e sarebbe non solo denigrare i giocatori gratuitamente, ma anche renderli totalmente invendibili. Lasciamo perdere. Montella deve difendere, obtorto collo, la squadra e stop. Non ha altre scelte. Vedremo invece il prossimo anno.
    Personalmente, se dovesse rimanere il TROLLO, soggetto impresentabile ed ormai non più giustificabile nella piazza attuale se non per ragioni incomprensibili che solo i proprietari conoscono, potrei contestare Montella per una sola ragione: non aver dato retta a Prandelli che, il giorno prima che Montella tornasse aveva detto “Vincenzo attento, pensa bene a dove vuoi andare”. Ha accettato una situazione simile a quella del Milan quando arrivò, senza una proprietà certa e con Berlusconi che non si sapeva più se era il presidente o altra cosa. Ha fatto una scommessa azzardatissima. Se dovesse fallire rischia di bruciarsi definitivamente. Gli auguro tutto il bene possibile perchè bene per lui significa bene per noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ilRegistrato - 2 mesi fa

    Ecco meno male, visto che a me sembra improbabile che la Fiorentina possa fare uno o due punti contro Milan, Parma, e Genoa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. pino.guastell_9534945 - 2 mesi fa

    Ma come possiamo retrocedere? Abbiamo 40 punti e ritengo siano sufficienti per classificarci quarti. Quindi saremmo salvi. Con questa squadra le vittorie ce le possiamo scordare. Bisogna fare piazza pulita. Questi giocatori non meritano di giocare con la Viola. Non solo sono scarsi, ma stanno facendo i bambini viziati per fare sentire la loro solidarietà a Pioli e dare torto a Corvino che ha osato licenziarlo. Loro se ne fregano di Montella perchè sono consapevoli che il prossimo campionato non giocheranno con la Fiorentina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Powerfons - 2 mesi fa

      Basta che l’Empoli le vinca tutte e noi continuiamo così, facile!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Mau5 - 2 mesi fa

    Ma caro vincenzino noi si diceva “ ritiro” per qualcuno di qst Fiorentina nel senso di smettere di giocare….. va ia va ia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Alan1971 - 2 mesi fa

    Raramente si è visto un impatto così negativo di un allenatore subentrato, di norma chiamato a “dare la scossa”.

    Se non avesse la maggior parte della stampa a favore o se si chiamasse Reja, Donadoni o Zaccheroni, uno che perde 4 gare su 5, con 1 solo gol fatto su 4 in campionato e facendosi infinocchiare da Sassuolo e Empoli, verrebbe linciato su radio e giornali dalla mattina alla sera.
    Ma qui, come sempre, è colpa di chi non c’è, quindi di Pioli.

    Mai un’autocritica della società, di Corvino, di Cognigni…. la colpa è sempre di chi non c’è.
    O – peggio ancora – dei tifosi che “non sostengono la squadra”….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. gianni69 - 2 mesi fa

    ci serve una vittoria come il pane per non retrocedere.bada stavolta non si fanno le telefonate come nel passato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fosterdato - 2 mesi fa

      Per la salvezza basta un punto… e comunque mi sembra improbabile che l’Empoli possa vincere le prossime partite con Sampdoria,Torino e Inter

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gianni69 - 2 mesi fa

        si ma tutto ciò è veramente sconcertante,fare la corsa sull’empoli.ma questi quando si guardano allo specchio non si vergognano un pochino?

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy