Chance per Cutrone? Impari da Super Pippo. Ma il contropiede non è l’arma vincente

Cutrone titolare contro il Benevento? Può darsi. Prenda spunto proprio dall’allenatore delle Streghe. Ma anche i compagni lo devono aiutare. Per esaltarlo non serve il contropiede, la Fiorentina deve portare più palloni possibili in area

di Stefano Niccoli, @stefanoniccoli3
Cutrone

Il calcio è semplice: se hai un grande bomber, è più facile vincere le partite. Proprio ciò che manca alla Fiorentina. E non da quest’anno. Cesare Prandelli dovrà lavorare anche su come far rendere al meglio gli attaccanti. Viene spontaneo, allora, chiedersi: chi sarà il titolare domenica contro il Benevento? A guidare il reparto avanzato potrebbe essere – il condizionale è d’obbligo – Cutrone, visto che per il nuovo tecnico Kouamé non è una prima punta e che Vlahovic tornerà a Firenze nei prossimi giorni.

Patrick non sarà mai come Ibrahimovic, Dzeko e Lukaku, centravanti capaci di fare reparto da soli nel Milan, nella Roma e nell’Inter. Non fosse altro per la diversa stazza fisica. Prandelli è stato chiaro nell’intervista rilasciata a Radio 1: “Spende molte energie in movimenti che potrebbe evitare, dovrebbe concentrarsi sulle mosse mirate”. Il Pungiglione è un calciatore generoso, altruista, ma non spetta a lui rincorrere gli avversari e abbassarsi sulla trequarti per creare il gioco. Impari dall’allenatore che domenica siederà a pochi metri dal mago di Orz: Filippo Inzaghi. L’ex Milan non era dotato di tiro, dribbling e progressione in velocità, ma guai a concedergli un metro in area. Super Pippo non partecipava alla costruzione della manovra, ma davanti al portiere era un killer.

Quindi: Cutrone come l’attuale tecnico del Benevento? Calma, Patrick ha ancora molta strada da fare e non è detto riesca a diventare come Inzaghi (magari). Per esaltare le sue caratteristiche, la Fiorentina non può basarsi solo sul contropiede. La squadra deve cercare di comandare il gioco, portando più palloni possibili in area. Certo, un conto è la teoria, un altro è la pratica, ma non si torna protagonisti speculando sugli avversari.

 

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Chatazzo - 2 settimane fa

    La punta di Prandelli è una punta che fa a sportellate tiene palla , fa salire i centrocampisti e prende fallo per far rifiatare la squadra nei momenti di difficoltà . Toni prima e Gila poi che anche se più leggerino la palla la sapeva proteggere vai..
    Cutrone ce lo vedo male a fare quel lavoro .. Vlahovic fisicamente potrebbe farlo ma deve migliorare…Milik c’è lo vedrei bene … e anche se ha un trascorso da gobbo Mandzukic sarebbe svincolato….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. L'Omino di Ferro - 2 settimane fa

      Ottima analisi, alla quale se permetti aggiungo anche i nomi di Adriano (al Parma) e Balotelli (in Nazionale) che hanno fatto bene con Prandelli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. gerrone - 2 settimane fa

    forse di qui a fine anno si riuscirà a vedere vlahovic in mezzo a due ali e un trequartista …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hatuey - 2 settimane fa

      Intanto se voleva fare una cosa buona evitava di andare a sedersi in panchina con la Nazionale e restava a Firenze con Prandelli. Per me va bene dare spazio a Cutrone.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Chatazzo - 2 settimane fa

        Son d’accordo.. allenatore nuovo 2 settimane per lavorare su schemi e movimenti , sei quello che adesso Si avvicina più al gioco della punta che Prandelli vorrebbe , sei anche in bolla dichiarata dalla asl …
        Se restava gli faceva altro che bene … @patriottico

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Etrusco - 2 settimane fa

    Non è Inzaghi ne avrà mai le sue mosse né il suo spirito da sparviero d’area. Però in confronto a Pippo, il nostro Patrick ha più tecnica e forza fisica che può usare in alcuni casi per liberare un’altra punta in area, per me potrebbe fare il lavoro che faceva Mandzukic ma la prima punta classica non può farla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. 29agosto1926 - 2 settimane fa

    Prandelli eè troppo intelligente per non far giocare Vlahovic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. mannishboy - 2 settimane fa

    Prandelli nella passata gestione ci ha abituati a schieramenti a 1 punta ma né lui né Vlahovic possono fare reparto da soli. A meno di non volerli bruciare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. jameslabriexxx - 2 settimane fa

    Di attaccanti che fanno reparto e che prendono la palla a centrocampo e arrivano in porta ne ho visti ben pochi…se non c’è gioco, se non si accompagna l azione verso la porta l attaccante fa ben poco…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy