Prandelli: “Sarà la Fiorentina a chiedermi di restare. Cutrone e Ribery, ecco le mie idee”

Le parole del tecnico viola in diretta radio

di Redazione VN
Prandelli

Cesare Prandelli, allenatore della Fiorentina, ha parlato ai microfoni di Radio Anch’io Sport, in onda su Radio 1:

Nazionale? Noi italiani cerchiamo di trovare sempre negatività anche quando le cose vanno bene. C’erano 20 assenti, ma quelli che sono rimasti hanno capito la filosofia e la cultura di gioco. Complimenti al tecnico, ma questo è un lavoro che parte davvero da lontano, dal 2010-12.

Se la mia Fiorentina ha qualcosa del CT Mancini? Molti parlano di sistemi di gioco, ma il concetto va interpretato. Bastoni e Acerbi giocano a 3 nei loro club, ma ieri sera non hanno avuto problemi in una linea a 4. Il gol di Berardi è da vedere e rivedere. E’ chiaro poi che se hai un Roberto Baggio non gli puoi chiedere di giocare di prima, ma adattarsi a questi schemi è più facile. Cosa c’è di diverso? La base: c’è molta scelta, varietà di uomini e di schemi. Il nostro calcio viene seguito con molta attenzione, nel suo passaggio da difensivo ad offensivo. I nostri allenatori stanno facendo un grande lavoro.

La mia carriera sarebbe stata diversa senza la Nazionale? Coi se e i ma non si ottiene nulla. La Nazionale concede di conoscere persone di spessore e di diventare abbastanza popolari, l’Italia del pallone è di tutti, specie in momenti bui come questo. Dobbiamo salvaguardare la nostra rappresentativa, magari concedendole due mesi in blocco… Alcuni presidenti si lamenterebbero meno. Il nostro calcio deve puntare sempre sui giovani.

La Fiorentina può puntare alla Champions? Come ho detto ai dirigenti, ci sono ottime potenzialità, ma non possiamo porci un obiettivo se non quello di crescere come squadra e come mentalità. Anche nel mio primo ciclo a Firenze abbiamo festeggiato la salvezza al primo anno, per poi alzare l’asticella. Il gruppo deve essere cementato al meglio.

Cutrone? Ho tre giocatori con ottime qualità, ma non devono pensare di essere già arrivati. Per un miglioramento individuale, devono lavorare molto sui tempi di gioco in base alla disposizione dei compagni. Patrick spende molte energie in movimenti che potrebbe evitare, un attaccante come lui dovrebbe concentrarsi sulle mosse mirate.

Ribery? Al di là dei sistemi di gioco, che come ho detto sono ormai superati, quando hai un valore aggiunto come lui, non puoi dargli sulle spalle tutta la squadra. Lui è abituato, ma sarebbe interessante vederlo in zone del campo finalizzate alla realizzazione più che alla costruzione offensiva del gioco.

Io in società con Sarri allenatore? Fantacalcio. Io alla Fiorentina chiedo solo di poter dimostrare di essere ancora un allenatore di livello, a Barone ho detto scherzando che tra qualche mese saranno loro a chiedermi di rimanere. Ho trovato una dirigenza che sta cercando di creare una famiglia. E’ chiaro che ci possono essere delle divergenze, ma si risolvono in famiglia appunto. Ai ragazzi ho detto che hanno un tifoso come allenatore, conosco benissimo la piazza, che chiede molto ma ti dà tutto. Tornare dopo 5 anni straordinari è difficile, ma sono convinto di poter fare bene”.

BORJA: “SI VEDE CHE IL MISTER VUOLE CHIUDERE UN CERCHIO A FIRENZE”

Foto ACF Fiorentina
24 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Eziogòl - 3 settimane fa

    E molto è andato in malòra da quando non cè più il maestro Manzi in tv, da quando è mancato Paolo Valenti, da quando al transistor,la domenica non si ascoltano le partite tutte in contemporanea.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alesquart_3563070 - 3 settimane fa

      Mah, io non so quanti anni tu abbia, ma sinceramente i tuoi ultimi commenti ho faticato a capirli, al di là degli errori grammaticali…a Marco2 posso solo dire che come portatore della Verità assoluta, ma tristemente destinato a non essere creduto, propongo solo di cambiare il suo nickname in Cassandra.
      Io capisco essere in disaccordo, ma disprezzare e schernire così il prossimo mi sembra caratteristiche delle persone piccole.
      Una cosa comunque è da sottolineare, Prandelli si gioca moltissimo inutile negarlo, io sono convinto che se la Società gli fa capire che la scelta, seppur a tempo determinato, è convinta, dimostrando di stare dalla sua parte soprattutto nei fatti, supportando eventuali sue future richieste, ce la può tranquillamente fare.
      Quindi vediamo di stare tutti dalla stessa parte.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Eziogòl - 3 settimane fa

    L’Italia paese sta perdendo importanza. Sovrastata da nuovi,pessimi,aggressivi attori: tirchia, paesi arabi del Golfo, cina. Eppure era bello quando,calcisticamente parlando, l’Italia faceva piangere gli avversari e quell’Italia – BADATE BENE – era magistralmente guidata dal n°10 della Fiorentina. DE SISTI, ANTOGNONI, BAGGIO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Eziogòl - 3 settimane fa

    Lasciare intatto lo STUPENDO stadio di Firenze. Questo è e dovrà essere l’imperativo mondiale. E’pronto il mondo della cultura in difesa di questo capolavoro. Vada a speculare altrove, l’affarista di turno. E poi: ma chi dice che un disfacimento/rifacimento di uno stadio comporti risultati migliori? ma chi velo dice, teste dùrre? Il problema è che al giorno d’oggi manca una trasmissione come “non è mai troppo tardi” del maestro Manzi. Ah, che brutta Italia dopo il 1968! Non è un caso, infatti, che negli anni dal ’40 al 1969 la Fiorentina abbia vinto qualcosa, abbastanza, e, successivamente, in questo mondo conformista postindustriale, niente. Anzi, è proprio sparita. Molte cose sono mutate. In peggio. Molte persone care non ci sono più. Il calcio non è più lo stesso. La Curva Fiesole non è più la stessa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marco 2 - 3 settimane fa

    Mi fate ridere voi dei pollici giù. Quello che non vi piace è sentirvi rinfacciare una brutta verità, ma più mettete pollici giù, più mi divertirò a dirvela. Spiacere è il mio piacere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 3 settimane fa

      Maestro di vita!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marco 2 - 3 settimane fa

        Vicino a te anche un cestino dell’immondizia lo è

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. 29agosto1926 - 3 settimane fa

          Sono d’accordo anche perché ti ritrovi a tuo agio in quell’elemento, diventandone, automaticamente, un esperto.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. 29agosto1926 - 3 settimane fa

    Ssrebbel a conclusione, per altro, logica di una bellissima storia. Non so se ce la farai ma te lo auguro tantissimo perché hai dimostrato nel tempo che le persone valgono molto più di qualsiasi altra cosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. I' Mastica - 3 settimane fa

    Pericoloso allargarsi… pure sulla Nazionale… (che questo ciclo parta dalla sua… mi pare una bestemmia).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. DeepPurple - 3 settimane fa

    “Ho detto scherzando” mi sembrerebbero tre paroline importanti, ma ormai chi legge più oltre i titoli ? Speriamo solo nel calcio almeno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. claudio.godiol_884 - 3 settimane fa

    Faccio il tifo per Cesare….ma non consideriamolo il mago di “Orz” come una volta. E’ una avventura nuova in un ambiente totalmente nuovo, gli auguro il meglio e di poter convincere la dirigenza ad una sua riconferma. In questo momento è stato importante aver trovato questo allenatore per equilibrare questa squadra ma trovare l’alchimia della passata esperienza sarà difficile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Marco 2 - 3 settimane fa

    A 63 anni sei un ex allenatore, e anche quando ero sulla cresta dell’onda, giocavi un buon calcio, ma anni luce da un Klopp o Guardiola. Non ti montare la testa, facci rimanere in serie A senza rtoppe ansie, e te ne saremo grati, poi togli il disturbo o avremo un altro Iachini (e a Beppe io voglio bene, mentre te non mi sei mai stato troppo simpatico)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bob - 3 settimane fa

      La tua umanità spruzza da tutti i pori soprattutto detto da un grande manager quale immagino che tu sia per scrivere quello che dici. Chapeau

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Sblinda - 3 settimane fa

      Salve, sono il procuratore di Enzo che spesso scrive sul sito. Avrei piacere di scritturare anche lei per le prossime olimpiadi di pollici versi. Vedo che i suoi contenuti sono vuoti e l’esposizione aggressiva, ha le carte in regola per concorrere al podio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Sblinda - 3 settimane fa

        Era Ezio, non Enzo.
        Comunque cambia poco.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Tagliagobbi - 3 settimane fa

      Meno male che gli vuoi bene a Beppe… mah… certa gente spara sentenze senza nemmeno aver aspettato una partita…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Parpol - 3 settimane fa

      lascia scrivere Marco1 è meglio…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. 29agosto1926 - 3 settimane fa

      Una sola parola GURU!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. mannuccigabriele7_14377276 - 3 settimane fa

      Fai festa dai retta a me.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. L'Omino di Ferro - 3 settimane fa

    Ma che sta a dì ??!! “Anche nel mio primo ciclo a Firenze abbiamo festeggiato la salvezza al primo anno, per poi alzare l’asticella” … Festeggiato la salvezza ? Il primo anno facemmo 74 punti sul campo e ci tolsero la Champions per quella farsa (nei nostri confronti) di Calciopoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. TonyManero - 3 settimane fa

    Grande Cesare, mi auguro con tutto il cuore che la prossima stagione tu sia ancora sulla panchina viola. Sarebbe una bellissima storia da raccontare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tenax6_9171080 - 3 settimane fa

      I tre voti negativi sono di quei tre gobbi che hanno scritto dopo di te…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TonyManero - 3 settimane fa

        Di sicuro. Siamo circondati

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy