Tutto nato per una scommessa: sulle orme di Di Lorenzo, da Forcoli… al ‘Franchi’?

La Fiorentina sta puntando il difensore dell’Empoli in prestito con obbligo di riscatto: gli Azzurri hanno rinnovato il suo contratto in estate, insieme a quello di Miha Zajc

di Giacomo Brunetti, @gia_brunetti

Sono tutti affezionati a Giovanni e, appena si nomina l’interesse della Fiorentina, si scatena un silenzio assenso. Come a dire: “Sì, eh, speriamo, meglio non gufarla. Che la ‘Viola’ stia seguendo Di Lorenzo, ormai non è più un mistero. Il terzino dell’Empoli è monitorato fin dallo scorso anno e il cambio di agente avvenuto a marzo potrebbe solamente sorridere a Pantaleo Corvino, forte del rapporto con Mario Giuffredi, che gli ha già portato Cristiano Biraghi e Vincent Laurini.

PER LEGGERE LA SCHEDA TECNICA DI GIOVANNI DI LORENZO: CLICCA QUI

Nativo di Ghivizzano, un borgo del Comune di Coreglia Altelminelli, ha mosso i primi passi nella Lucchese del DS Paolo Giovannini: “Era un Allievo di quindici anni – racconta ai nostri microfoni – e si allenava con la Prima Squadra. Lo facemmo esordire a Forcoli, in Serie D, neanche sedicenne, a promozione acquisita: giocava mediano. Nel preparare la squadra per la C2, chiesi due giovani all’allora Presidente della Reggina Lillo Foti, che mi rispose: ‘Va bene, ma ti metto alla prova: dammi il tuo miglior prospetto e vediamo cosa sai fare‘. Puntai su Giovanni, in prestito con diritto di riscatto”. La società calabrese non esitò a esercitare l’opzione e, nel 2011, a gettarlo tra i ‘grandi’: “Quando arrivò, era un ragazzo molto giovane”, narra Gianluca Atzori. “Inizialmente non giocava – prosegue il tecnico, che fece esordire Di Lorenzo in Serie B – poi si guadagnò il posto. Venne tra i ‘grandi’ per mancanza di alternative, si mise subito in mostra. E ci rimase.  Ai tempi era timido, parlava poco: normale quando ci si avvicina alla Prima Squadra. Parlava in campo, lì non aveva alcun problema“, ma Atzori ci tiene a lanciare il proprio pupillo: “È pronto per il grande salto, lo era già lo scorso anno. La Fiorentina gioca con un terzino destro adattato: non può farlo se vuole ambire all’Europa League”.

Appartiene alla stessa nidiata di Federico Mattiello (LA SCHEDA)– uno che Giovannini “ha fatto smettere di giocare a tennis per mandarlo alla Juventus” – e Alberto Grassi (LA SCHEDA). L’Empoli lo ha prelevato dal Matera nel 2017 per sostituire proprio Laurini, versando seicentomila euro nelle casse dei lucani, e lo ha schierato titolare fin da subito: quest’anno ha sempre giocato dal primo minuto, mettendo a referto anche un assist nell’avvio di stagione avaro di vittorie degli ‘Azzurri’. “Sono andato via di casa a quindici anni, ci ho messo un po’ per tornare”: è vero, non c’è più tempo da perdere.

Violanews consiglia

Fiorentina, piace Di Lorenzo: ecco la formula

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy