Viola News
I migliori video scelti dal nostro canale

EDITORIALE

Barone e il braccio di ferro con Vlahovic: 4 interrogativi da porsi

Barone e il braccio di ferro con Vlahovic: 4 interrogativi da porsi

La Fiorentina conferma di essere disposta a cedere il capocannoniere del campionato a gennaio. Con tutti i rischi del caso

Simone Bargellini

Tre mesi dopo siamo (quasi) al punto di partenza. La Fiorentina mette in piazza il suo fastidio nei confronti di Dusan Vlahovic che, invece, glissa nelle dichiarazioni e poi in campo continua a segnare (per fortuna). Le parole di ieri di Joe Barone sgombrano però il campo su un punto: il club viola è disposto a cedere il suo bomber fin da subito, in questa finestra di mercato. Comunque la si pensi, sarebbe clamoroso e forse senza precedenti privarsi del capocannoniere del campionato e di uno dei giocatori più ambiti d'Europa a stagione in corso, senza che sia il diretto interessato a chiederlo. Una situazione che lascia aperti alcuni interrogativi a noi osservatori.

Il primo - Barone chiede a Dusan di dire se vuole restare o se vuole andare via, ma le cose non erano già state chiarite e comunicate dalla stessa Fiorentina lo scorso 5 ottobre?

Il secondo - Cedere adesso Vlahovic, per la perdita tecnica e l'impatto psicologico sulla squadra, non rischierebbe di compromettere la corsa della Fiorentina all'Europa?

Il terzo - Se Vlahovic, come pare, rifiuta l'Arsenal e non vuole andarsene a gennaio, a cosa serve continuare a punzecchiare, col rischio di destabilizzare il tuo giocatore più importante (anche se fino ad oggi ha dimostrato spalle larghissime)?

Il quarto - Siamo sicuri che una eventuale cessione a giugno - quando potranno entrare in scena altri club (magari il Tottenham se vende Kane o il Psg che perderà Mbappè) - sarebbe meno remunerativa per la Fiorentina? E se nel frattempo Vlahovic contribuisse a riportare la Fiorentina in Europa, non ne sarebbe valso la pena?

 Dusan Vlahovic (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)
tutte le notizie di