8 maggio 1949, al “Filadelfia” non si gioca Torino-Fiorentina

Ricorre quest’oggi un importante anniversario della storia della Fiorentina

di Roberto Vinciguerra, @RobWinwar

TorinoA quattro giornate dal termine i granata guidavano saldamente la classifica con quattro punti di vantaggio sull’Internazionale (prima delle inseguitrici), ma quella domenica 8 maggio 1949 al “Filadelfia” non si tenne alcuna gara. Era in programma Torino-Fiorentina e, molto probabilmente i ragazzi di Erbstein avrebbero inanellato altri due punti che li avrebbero ulteriormente avvicinati al loro quinto scudetto consecutivo. La partita con i gigliati, però, non si disputò perché l’intera squadra, anzi, l’intero squadrone del Grande Torino non esisteva più. La squadra al completo, compresi tecnici e giornalisti, era perita quattro giorni prima a Superga in occasione del ritorno da un’amichevole in Portogallo.
Il venerdì precedente, giorno in cui si tennero gli affollatissimi funerali cittadini, Internazionale e Milan, oltre ad altre squadre, avevano proposto di assegnare il titolo nazionale d’ufficio al Torino nonostante mancassero quattro gare al termine. Il Consiglio Federale della F.I.G.C., sebbene tutta l’Italia riconobbe moralmente il tricolore alla squadra torinese, decise, invece, di onorare nel miglior modo la memoria dei caduti facendo scendere in campo le squadre degli allievi in occasione degli incontri rimanenti contro Fiorentina, Palermo, Sampdoria e Genoa.
La gara contro la Fiorentina, in attesa di trovare una data disponibile, non si tenne e venne rimandata a data da destinarsi, mentre, quel pomeriggio, venne fatto rispettare un minuto di raccoglimento sugli altri nove campi della Serie A.
Il giorno precedente Indro Montanelli aveva scritto sul Corriere della Sera: «Gli eroi sono sempre immortali agli occhi di chi in essi crede. E così i ragazzi crederanno che il Torino non è morto: è soltanto “in trasferta”».
VNCONSIGLIA1

Strano, ma vero: 30 anni fa la Curva Fiesole esultò per un gol subito dalla Fiorentina!

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy