Commisso a Empoli per la Primavera. A fine gara il siparietto sullo stadio con Corsi

La risposta del Presidente viola riguardo ad un suo possibile interesse per il Castellani, stadio in vendita

di Redazione VN
Commisso

Una giornata da tifoso scrive il Corriere Fiorentino. Ieri Rocco Commisso ha voluto assistere da vicino al doppio impegno della sua Fiorentina (Femminile e Primavera). Nella trasferta dei ragazzi di Alberto Aquilani ad Empoli, Rocco Commisso ha avuto la possibilità di seguire la sfida di fianco al proprietario del club toscano, Fabrizio Corsi. L’occasione è stata utile anche per confrontarsi sulle problematiche del calcio italiano. Nessun riferimento, si legge, però alla questione stadio, un argomento in comune, visto che sia la Fiorentina che gli azzurri sono alla ricerca di una soluzione riguardo alle infrastrutture. Settimane fa, visto come i lavori stanno procedendo spediti in casa azzurra , era uscita la provocazione riguardo al possibile interesse proprio di Rocco Commisso per il Castellani. Solo una suggestione però scrive il giornale, tanto che lo stesso patron viola a fine partita, risponde all’idea scherzandoci su: «Compro tutto io! Chiedete a lui», indicando Corsi, che a sua volta non si lascia sfuggire l’occasione di rispondere con una battuta: «Perfetto, se la Fiorentina compra lo stadio, io sono contento, risparmio». Poi però aggiunge tornando serio: «Certo, un bando dovrebbe riservare qualcosa per la squadra locale, in altri posti c’è l’obbligo di far giocare la squadra della città anche se lo compra un altro».

Commisso e lo sport americano, c’è un nuovo modello da seguire: Tampa Bay vince il Super Bowl in uno stadio pubblico

Reset estivo, adesso è vietato sbagliare. In gioco l futuro della Fiorentina

Commisso

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ForzaViolaSempre - 3 settimane fa

    si farà come Lazio e Roma, Samp e Genoa, Milan e Inter, Chievo e Verona, che problema c’è

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Zweck Fehlt - 3 settimane fa

    Firenze immobile da un secolo. Che de ne dica l’ultima spinta innovativa in architettura fu il razionalismo. Stesso razionalismo che in ogni parte della città viene distrutto in nome della modernità (leggere archivio di stato), tranne per lo stadio. Unica realtà imprenditoriale esterna al pubblico, capace di costruire, è la Unicoop. Arriveranno le elezioni e qualcuno ne trarrà le conclusioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. DeepPurple - 3 settimane fa

    Mah a questo punto oltre l’hardware dello stadio compriamo anche il know how calcio ed i contatti, anzi proprio tutta la dirigenza. Scherzo, ma …

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy