Il Bologna fa più dei viola, Dragowski mura il derby. Ma Prandelli poteva osare di più

La Fiorentina vera dura più o meno una decina di minuti, poi, di colpo, si abbassa e si fa “addormentare” dal possesso di palla

di Redazione VN
Prandelli

Un punto a testa per non scivolare in zona pericolo. C’è poco altro di positivo – scrive La Gazzetta dello Sport – nel grigio pareggio per 0 a 0 tra Fiorentina e Bologna. La squadra di Prandelli dopo la notte magica allo Juventus Stadium è tornata di colpo nella sua versione peggiore. C’è un dato statistico che fotografa in maniera impietosa la prova dei viola: in tutta la partita non c’è stato un solo tiro nello specchio della porta difesa da Da Costa. Il palo scheggiato nei minuti iniziali da Ribery è arrivato grazie a una deviazione di un giocatore del Bologna. Fiorentina insomma inconsistente nella fase offensiva anche a causa della scelta del tecnico di partire con cinque difensori puri e di lasciare Vlahovic isolato davanti con il solo Ribery a girargli intorno. Perché Prandelli non ha scelto una strada più coraggiosa? Anche in corso d’opera ha sorpreso la decisione di inserire Kouame al posto di Vlahovic. Le due punte potevano essere un tentativo corretto per provare a sbloccare il risultato.

A parte la ritrovata attenzione difensiva il Bologna ha costruito sicuramente qualcosa in più. Non a caso, il migliore in campo tra i viola è stato il portiere Dragowski. La Fiorentina vera dura più o meno una decina di minuti. I primi. Funziona bene Borja Valero in cabina di regia e hanno subito buoni spunti Castrovilli e Ribery. Un’incursione di Franck manda in confusione a difesa del Bologna. Il tocco del francese viene deviato sul palo da un difensore rossoblù. E anche Vlahovic fa un buon movimento in area senza trovare però la porta. Poi, di colpo, la squadra di Prandelli si abbassa, si fa «addormentare» dal possesso palla, quasi sempre in orizzontale dei rossoblù. Dragowski alla fine è il migliore tra i viola in campo. La Fiorentina continua a non vincere al Franchi. Rocco Commisso, per problemi burocratici, non è riuscito ad arrivare a Firenze per seguire il derby dell’Appennino. Può consolarsi con il fatto di non aver perso un grande spettacolo.

Dragowski
GERMOGLI PH: 3 GENNAIO 2021 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI SERIE A FIORENTINA VS BOLOGNA NELLA FOTO DRAGOWSKI
4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. claudio.godiol_884 - 3 settimane fa

    La vera Fiorentina è questa e Prandelli lo sa benissimo. Giocare a viso aperto in questo momento è un suicidio. Certo anche con questo modulo ci vuole più compattezza e idee più chiare, ma dobbiamo prima di tutto non prendere gol e poi sperare in episodi favorevoli. Non è bello dirlo ma essere consapevoli dei propri limiti è già un vantaggio per non retrocedere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Lore1697 - 3 settimane fa

    Purtroppo il risultato era prevedibile. Il 5-3-2 può andare bene contro la juve, ma contro il Bologna devi osare di più e sarebbe bastato poco. Magari Lirola titolare al posto di Caceres per spingere un po’ di più e Barreca sulla sinistra con il povero Venuti (che non ha fatto certo la sua miglior partita schierato sulla fascia opposta, ma nemmeno la sua peggiore) eventualmente in panchina o al posto di Caceres in alternativa a Lirola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. peponio - 3 settimane fa

    Ho ascoltato anche in tv che Cesare poteva osare di più, ma se alleggerendo la difesa si beccava un gol all’ultimo di che cosa saremmo a parlare. Dice bene Graziani che si deve anche rischiare, ma in questo momento non mi pare il caso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. antonio capo d'orlando - 3 settimane fa

    Pero’ nessuno dice che il Bologna ha fatto uscire i suoi migliori, Orsolini, Barrow e C. che non avevano beccato palla e che oggi non sono andati in buca, come con tutte le altre squadre. Purtroppo la paura di perdere è superiore alla gioia di vincere. In questo momento dobbiamo accontentarci. Era una partita da 1-0 o 0-1 ed entrambe le squadre si temevano perché una sconfitta avrebbe avuto il valore di -6. Per quest’anno (come negli ultimi), dobbiamo soffrire. Poi Orsato, ve lo raccomando. Appena
    lo vedo in campo ad arbitrarci, mi faccio il segno della croce. Dai, non buttiamoci a terra che in fondo la vita è bella ed i nostri calciatori si riempiono le tasche sulle nostre spalle e sul nostro debole stomaco. Forza Viola, sempre e comunque!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy