Bucchioni scrive: “Juventus e Fiorentina, sfida nella storia tra stili diversi. Quanti sgarbi”

L’editoriale: “La Juventus rappresenta il potere calcistico ed economico. La Fiorentina è diversa. E’ di Firenze, città della cultura, del Rinascimento, del bello”

di Redazione VN
Bucchioni

Sulle pagine de Il Tirreno troviamo l’editoriale di Enzo Bucchioni dedicato quest’oggi a Juventus-Fiorentina. A seguire vi proponiamo un estratto:

Juventus e Fiorentina non si amano, mettiamola così. Ma perché? (…) Mi piace pensare che fra queste squadre sia un po’ come quei poli diversi che si attraggono o si respingono, ma siamo alla fisica applicata, anche se le diversità fra le due società sono enormi. La Juventus rappresenta il potere calcistico ed economico, con tutto ciò che ne consegue. Nel bene e nel male, ovvio. E se il potere è demoniaco, per proprietà transitiva, anche la Juve, in qualche modo, calcisticamente può esserla. Non è un caso che la parola d’ordine della casa sia “l’unica cosa che conta è vincere”, alla faccia di De Coubertin.

La Fiorentina è diversa. E’ di Firenze, città della cultura, del Rinascimento, del bello. Vincere è un’eccezione, mette in campo altri valori come il senso d’appartenenza, il cuore, la bellezza del gesto. Qui però rasentiamo la filosofia. E se invece la rivalità fosse solo una questione di partite perse e vinte, di affronti? Qui forse ci siamo e infatti il primo sgarbo che i fiorentini ricordano è datato 1928. La Juve era già forte, la Fiorentina appena nata, i bianconeri infierirono: undici a zero. Devono averlo raccontato anche a Rocco Commisso. Indovinate un po’ contro quale società ha fatto la sua prima e unica polemica sugli arbitraggi? Facile

Segue la narrazione degli altre gare che hanno segnato la storia della rivalità tra Juventus e Fiorentina: si va dalla festa scudetto bianconero rovinata nel 1975 al torto più clamoroso, quello che costò il tricolore ai viola nel 1982. Seguirono le polemiche per la finale di Uefa nel ’90 e l’arbitraggio di Aladren. Nello stesso anno, poi, arrivò la cessione di Baggio mai digerita dal tifo gigliato. Infine il ricordo più dolce, il 4-2 del 2013 firmato Pepito Rossi e Joaquin.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sinistro viola - 4 settimane fa

    mi sa tanto della favola “La volpe e l’uva”..sui torti non ne farei un discorso legato agli scontri diretti..non ricordo di particolari recriminazioni sulle numerose sconfitte..specialmente a Torino..forse la finale ad Avellino..preferiremmo, noi tifosi viola..una Mole in meno..e qualche scudetto in più..il 4-2 appartiene alla storia..io c’ero..il resto vien da sé..FVS

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bonechima_12157899 - 4 settimane fa

    Seguo da tempo questo sito di tifosi mi fa compagnia e sono attento a tutte le vicissitudini della mia squadra delcuore.
    Negli anni ho sempre cercato di sopportare e condividere più o meno i vari commenti di tanti boccaloni pluriaccreditati che sfogano anche in questo luogo le loro frustrazioni
    Sinceramente, dopo aver valutato attentamente mi permetto oggi di dissentire apertamente e con forza
    Ai vari interventi di personaggi così in vista, il mio pensiero va soprattutto al sig. Bucchioni e al sig. Calamai (non voglio infierire sul Dott. Sconcerti soprattutto per raggiunti limiti di età, non è carino) che per tutto il periodo che vi seguo ci deliziano tutti i giorni con il loro sapere che scende dall’ alto, Arrogante, che dice tutto e il suo contrario.
    Io dico siamo tifosi, tanti, ognuno ha la sua personale opinione e convinzione ma faccio richiesta alla redazione (dove anche li a volte ci si arrampica sui muri

    alla ricerca della notizia a tutti i costi) forse prima di pubblicare quotidianamente il pensiero spesso vuoto fuorviante e, ho paura ci voglia destabilizzare e prendere in giro, di questi fenomeni altisonanti del giornalismo, di pubblicare magari fotografie e video inerenti alle prestazioni della nostra amata Viola.
    Un ultimo pensiero va ai nostri giovani millenials che dovranno avventurarsi nel mondo del lavoro, anche giornalistico,e che si confronteranno con tali eminenze vuote prive di contenuti che sistematicamente sbarreranno loro la strada e dai quali non avranno imparato niente.
    Scusate lo sfogo niente di viscerale nei confronti dei personaggi citati scrivo questo in piena pace e dopo averli seguiti e tentato di capirli per anni
    Mi dispiace, oggi è l ultimo giorno che seguo questo sito, avrei auspicato da parte della redazione più comprensione alle varie richieste di tanti tifosi di lasciar perdere le opinioni di questi professionisti in conflitto con sé stessi e accomodanti verso i propri interessi
    Scusate per lo sfogo spero sia stato civile e non offensivo
    Buona giornata e solo Forza Viola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mauro da Firenze - 4 settimane fa

    enzo bucchioni? non sapevo che facesse anche l’esperto di calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ben hur - 4 settimane fa

    Beh,mi sfugge questa rivalità.la differenza tra una Ferrari ed una Panda….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy