Chiesa: addio amaro, ma il passato rimane. Dagli inizi a mister 60 milioni

La parabola di Federico Chiesa raccontata da La Gazzetta dello Sport

di Redazione VN
Juventus

Sulle pagine de La Gazzetta dello Sport viene dipinta la giovane carriera di Federico Chiesa. Tutti i passi percorsi dal figlio d’arte che lo hanno portato a diventare spalla di Ronaldo a fronte di un esborso (potenziale) di 60 milioni di euro. Tutto è partito dalle giovanili della Settignanese, sotto lo sguardo attento del padre Enrico. Poi gli anni Viola. Le mattine all’International School of Florence, i consigli di mister Guidi (tra allievi e Primavera) ed il rapporto speciale con Paulo Sousa. Proprio il portoghese lo ha lanciato nel calcio che conta in un match di inizio campionato contro la Juventus. Secondo quanto riportato dal quotidiano, si dice che nei vari spogliatoi gigliati non abbia legato particolarmente con alcun compagno. Forse per un carattere pacato, riservato, allergico ai riflettori. Fede stasera affronterà il suo passato ed un pezzo importante della sua vita calcistica. Il suo addio amaro non è stato ancora perdonato da molti tifosi, che proprio tra qualche ora lo ritroveranno da avversario. Sperando, per una volta, di non essere puniti dall’ex di turno. Questa volta farebbe male.

Curiosità, video, statistiche e molto altro su Gazzetta.it  

Di Gennaro: “Responsabilità di tutti, ma il mercato vero a Firenze non è stato fatto”

Chiesa
GERMOGLI PH: 2 OTTOBRE 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI SERIE A FIORENTINA VS SAMPDORIA NELLA FOTO CHIESA
3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tato - 1 mese fa

    Il livello del calcio Italiano , si è abbassato notevolmente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marcoviola - 1 mese fa

    Era un altro calcio dove il Verona di turno poteva vincere lo scudetto.. dal 2000 mo n poi conta le squadre che L hanno vinto e tu rispondi da solo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Zinigata - 1 mese fa

    Ma sti granca’.

    La mia amarezza è per quello che è diventato il calcio. Le mie prime volte allo stadio da bambino vedevo giocare Batistuta e Rui Costa, son cresciuto con i miti di Antognoni e Baggio. Anni in cui la Fiorentina poteva finire in serie B come vincere lo scudetto.

    Non ero ancora nato per vederlo e chi ha dai 40 in sù mi potrà smentire, ma visto da fuori sembrava un calcio molto più bello…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy