Amrabat insegue il se stesso di Verona: “l’uomo del presidente” è in ritardo

Sofyan Amrabat sta salendo di rendimento, dopo un inizio lontano dagli standard gialloblù che avevano stregato Commisso

di Redazione VN

Sofyan Amrabat è l’acquisto più costoso dell’intera storia viola. Non solo della gestione Commisso che di lui si invaghì vedendolo dominare il centrocampo della Fiorentina, con la maglia del Verona. L’uomo del presidente – come lo definisce il Corriere Fiorentino stamattina. Uno status che potrebbe legittimamente gravare sul giocatore. Non per lui che in una recente intervista rilasciata in Olanda ha detto di reputare i 20 milioni spesi per averlo un complimento. Certo Amrabat non sta ripetendo la stagione eccellente di un anno fa, col Verona di Juric. Allenatore per il quale spende parole al miele: « A Verona ho avuto un allenatore che mi ha fatto giocare nella mia posizione preferita. Settimana dopo settimana ho acquisito fiducia e questo migliora qualsiasi calciatore». Che il marocchino avrebbe potuto ritrovare a Firenze il proprio maestro è storia nota. Fra le gestioni di Iachini e Prandelli, Sofyan ha cambiato più volte ruolo. Compiti diversi che ne hanno reso problematico l’inserimento. Insieme all’andamento ballerino della squadra. Da parte sua – sottolinea il Cor. Fio – manca l’impatto monstre sulla partita dei tempi dell’Hellas.

Out con la Samp, Prandelli ridisegna il centrocampo

Amrabat non ci sarà la prossima con la Sampdoria, per via della squalifica rimediata venerdì. Sarà la seconda volta (il precedente alla 1°  col Torino ndr) che la Fiorentina dovrà rinunciare al marocchino. La prima in assoluto per Cesare Prandelli che dovrà necessariamente studiare una soluzione. Senza di lui la Fiorentina perde l’ottavo giocatore per distanza coperta sul campo: in media 11,2 km a partita. Semmai quello in cui difetta è l’apporto nelle fasi di costruzione e finalizzazione: zero tra gol ed assist. Un mediano vecchio stile, ruolo affidato a chi ha muscoli e corsa. Proprio come Amrabat che, dopo oltre sei mesi dall’arrivo a Firenze, è ancora alla ricerca della sua immagine migliore.

TURIN, ITALY – JANUARY 29: Sofyan Amrabat of Fiorentina tackles Simone Zaza of Torino during the Serie A match between Torino FC and ACF Fiorentina at Stadio Olimpico di Torino on January 29, 2021 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ilRegistrato - 4 settimane fa

    Io non so cosa ci veda la gente in Amrabat. È un mediano e basta, un uomo di quantità come se ne trovano tanti. Non è certo su calciatori come Amrabat che ci si deve basare per costruire una squadra per dare l’assalto all’Europa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dallapadella - 4 settimane fa

      Ci vede o almeno sogna il miglior centrocampista della scorsa stagione. E’ stato un mago Juric? Non vale 20 milioni? Forse la verità sta nel mezzo nel senso che è più di un mediano come tanti. A me hanno scandalizzato di più i 16 mln spesi per un Duncan poi tenuto in panchina.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. antonio capo d'orlando - 4 settimane fa

    Però io dico una cosa, ma questo giornalista che si sente rispondere che a lui piace giocare nel suo ruolo, perchè non prova a chiedere dove gli piace giocare?? Vorremmo capirlo un pò tutti perchè ha giocato in due ruoli diversi, se non tre, ma il risultato non va oltre certi standard che ancora non sono i suoi. Un pò di intelligenza nelle domande….. FV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Max13 - 4 settimane fa

    A me sembra uno dei migliori per continuità, uno dei pochi acquisti azzeccati

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy