Bocci: “Questa squadra non è un gruppo, inaccettabile l’atteggiamento di Amrabat”

Alessandro Bocci ha descritto così la desolante partita giocata ieri ad Udine dalla Fiorentina di Prandelli

di Redazione VN

Alessandro Bocci, firma fiorentina del Corriere della Sera, è intervenuto nel corso del “Pentasport”, sulle frequenze di Radio Bruno:

Quella di ieri? Una non partita. Sembrava ci fosse un tacito accordo tra le due squadre. Il problema a mio modo di vedere è la difesa che si addormenta e regala dei goal, più che l’attacco. Se in tre allenatori, completamente diversi fra di loro, nessuno è riuscito a fare granché vuol dire che è la squadra ad essere non all’altezza. Ha ragione Prandelli a fare discorsi duri, a tenere tutti sotto pressione. Se ne è reso conto lui e lo condivido: non sarò tranquillo finché l’aritmetica non ci metterà al riparo dalla Serie B. Il nodo atteggiamento? Uno dei grandi problemi della squadra è che non è un gruppo, al di là dei cali di tensione e del tasso tecnico. Amrabat ieri è entrato ha perso i primi tre palloni toccati, sembrava “lesa maestà” per essere stato lasciato in panchina. Risultati non soddisfacenti, Prandelli ha dei meriti nell’aver dato un’identità ala squadra, almeno in certe partite. Ci metto la valorizzazione di Quarta, un titolare indiscutibile, e Vlahovic. Penso sia il primo a non essere soddisfatto, ma forse neanche lui si aspettava una situazione così difficile. Si è trovato di fronte ad un non-gruppo, ogni squadra che non gira è figlia di un problema, questo per la Fiorentina mi sembra un’evidente carenza mentale.

Nestorovski-Udinese
Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images
5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. theo.9_713 - 1 mese fa

    Purtroppo è una stagione nata morta nel momento esatto in cui rocco ha confermato iachini, spero che questo errore non ci costi la serie b, prandelli purtroppo non ha portato granché mi dispiace ma è così. Mi metto nei panni anche di prade e barone che ora vengono infangati ma che in estate avevano scelto juric uno che fa i miracoli con lazovic veloso ceccherini lovato faraoni di marco tameze ma di che cosa parliamo, se metti questo branco di pecore che sembra che abbiamo noi adesso in mano a juric gli fa uscire gli occhi fuori dalle orbite da quanto li fa lavorare in allenamento. Adesso il nostro problema è che non possiamo nemmeno programmare una ceppa perché fino a quando non sei sicuro di restare in serie a non puoi di certo fare una chiamata a sarri ad esempio. E temo che ci sarà da soffrire ancora tanto per la salvezza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Iperviola - 1 mese fa

      Tutto esatto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dottgerardobregli_13904243 - 1 mese fa

    Penso che ci siano , attualmente, 5 o 6 squadre che hanno un organico più scadente di quello nostro ma che celano questa carenza con l’agonismo in campo e con l’attenzione per 95 minuti. Noi non abbiamo né l’una né l’altra dote e di questo non se ne accorge nessuno. La società é latitante e non è riuscita ad imporre , nel corso dei mesi, una regola univoca e a parlare con una voce a tutti questi scapestrati; hanno paura di prenderli a calci nel culo come si faceva un tempo ! Mancano i genitori a questo gruppo e se non si interviene sarà sempre peggio. Una provocazione: Non si può sostituire Prandelli con uno “strizzacervelli” ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. 29agosto1926 - 1 mese fa

    Certo che questa società è veramente particolare.
    I brocchi che vanno via da noi diventano fenomeni
    I fenomeni che vengono da noi diventano brocchi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tagliagobbi - 1 mese fa

      Siamo l’Atalanta al contrario…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy