Galli sentenzia: “Bocciatura per Prandelli. Il calcio è un’altra cosa”

Il grande ex viola senza mezzi termini: “La partita di ieri è una bocciatura inesorabile, giocava per lo 0-0”

di Redazione VN

“La partita di ieri ha bocciato inesorabilmente Prandelli”. Non usa mezzi termini l’ex portiere e dirigente viola Giovanni Galli, commentando la sconfitta della Fiorentina a Udine. “Sullo 0-0 il tecnico era pronto a mettere Borja Valero, quindi il segnale era che gli stava benissimo quel risultato. Poi a tre minuti dalla fine ha messo Montiel come se fosse il gobbo di Notre Dame che potesse far gol nella stessa porta di tre mesi prima. Il calcio è un’altra cosa” ha detto Galli a Lady Radio. E SI APRE IL TOTO ALLENATORE

GERMOGLI PH: 5 FEBBRAIO 2021
43 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Eziogòl - 1 mese fa

    facile e per gente grassa,sudaticcia e coll’òcchi storti, bersagliare Prandelli. Ma perchè non spiegate come mai a Firenze i giocatori boni e medio bravi non ci vogliono venire? Quelli bravi non vedono l’ora di andarsene? Perchè? Parlate di questo, non di Prandelli, di Montella, di Jachini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pino.guastell_9534945 - 1 mese fa

      Eziogol ma ancora hai il coraggio di difendere Prandelli. Il commento di Galli è da con dividere senza se e senza ma. Con Prandelli abbiamo preso 6 polpette con il Napoli e un folotto di sconfitte, ultima delle quali a Udine dove si è vista l’infelice scelta del tuo mister di lasciare in panchina Amarabat perchè non ha gradito la lieve multa inflitta dalla società al marocchino.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. SOLOROGER - 1 mese fa

    Prandelli è l’ultimo dei problemi! Il bersaglio più facile da colpire! Ho sentito 300 trasmissioni dove si parla degli errori di Prandelli ma neppure una trasmissione dove si approfondisce il motivo per cui si sono ceduti i migliori giocatori?? Avevamo 4/5 Rolex in cassaforte e li abbiamo ceduti per acquistare dei Bulova e Margi ! Non c’è ne capo ne coda e si parla dell’allenatore??? Ma del mercato di Gennaio non si parla…… diamo la colpa a Cesare e difendiamo un calabro americano che ci porterà in serie B

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Dellone68 - 1 mese fa

    Tutti gli allenatori che tenevano a questa piazza hanno avuto difficoltà, soprattutto nei ritorni. Il primo che ricordo bene e che soffrì fino all’inverosimile fu Agroppi. Quelli che sono tornati dopo non hanno fatto tanto meglio. Montella prima, Prandelli adesso. Ma anche Beppe. Su Montella c’era l’ostracismo della stampa e di una parte dei tifosi, su Beppe ostracismo della stampa, a detta loro non da Fiorentina, il “gioca gioca gioca” è una cosa che si è sentita solo qua e grida ancora vendetta, Prandelli era invece voluto dalla carta stampata, a dimostrazione che qua bisogna prima mettersi d’accordo con loro, poi si prende l’allenatore. Adesso vogliono Sarri. Fino a che non arriverà Sarri, a meno che lui non dica pubblicamente “non vado alla Fiorentina”, tutti gli allenatori che arriveranno qua saranno destinati a fallire perchè verranno messi sulla graticola dal primo minuto. Praticamente impossibile lavorare in queste condizioni con questo ambiente e con questa stampa. Detto questo, Prandelli mi sta deludendo un pò. Questa rosa non vale il quindicesimo posto, ma dovrebbe trovarsi molto più in alto. Abbiamo già perso 12 partite, un’enormità, non abbiamo gioco, camminiamo in campo. Ci sono giocatori che stanno in panca e nessuno sa spiegarsi perchè. Mi pare incredibile che uno come Callejon non trovi posto neanche mezz’ora in questa squadra. Lo stesso Caceres non gioca, gli si preferisce Venuti. Boh, io non capirò molto di calcio, ma i giocatori più rappresentativi e di maggiore esperienza dovrebbero giocare sempre. Invece si sta dietro ad alchimie assurde, il 442, il 352 ed amenità varie. I giocatori, quelli più titolati, devono giocare, sempre. Sta al mister trovare la quadra. E su questo, il buon Prandelli mi sta deludendo parecchio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Calandrino - 1 mese fa

    Quando si è tifosi è facile, troppo facile criticare. ma se lo siete mai chiesti se Prandelli Una squadra ce l’ha? Quando poco più di dieci anni fa una squadra l’aveva e ci portava in Europa a dar lezioni a tanti “sapientoni” del calcio allora andava tutto bene non è vero? Prima di criticare le persone ci penserei due volte e anche tre. Prandelli è sicuramente il meno responsabile. Finché il signor IO, IO, IO …. non si da parte e lascia lavorare chi di calcio se ne intende si va poco lontani.
    Viola per sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. SoloViola - 1 mese fa

    Il problema di questa Fiorentina è Prandelli… ha la media punti più bassa di tutti, con 1,05 a partita… più bassa sia di Iachini che è 1,48, e sia di Montella con 1,25… e con più o meno gli stessi giocatori… anzi lui ha Quarta e Vlahovic in condizione migliore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. 66ULTRAS - 1 mese fa

    La Madre di tutti i nostri problemi …….. avere come DS Prade’ !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Raf - 1 mese fa

    Galli ha ragione.Senza i 3 punti da congiunzione astrale con la Juve saremmo a 22,forse meno.Prandelli ha in mano questa squadra dall ottava giornata….è come se l avesse guidata dalla prima…è un fallimento totale,zero apporto aggiunto,anzi solo danni.Se il Cagliari vincerà col Bologna,sará a 4 punti,visto che con la Roma si perderà facile…accetto sconnesse.E qui non c entra il mercato…questa squadra in mano ad un Buso si salverebbe senza patemi.Ma purtroppo ci siamo messi in casa un depresso fallito che non ci sta….non accetta…e tentando di fare il fenomeno ci sta trascinando in B.Tanti non se ne rendono conto.Bisogna liberarcene al più presto.Poi sarà il turno di Pradè

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. ViolaBelugi - 1 mese fa

    Mi dispiace tantissimo vedere una persona seria e appassionata come Prandelli in questa situazione. Purtroppo gli unici risultati (non disprezzabili, comunque) sono stati quelli di resuscitare Vlahovic che Iachini aveva ridotto a uno straccio e di farci vedere tramite Igor e Quarta che anche la gallina cieca Pradè a forza di beccare trova qualche chicco. Per il resto siamo ancora l’unica squadra da 25 anni a questa parte che, ignara dei 3 punti assegnati alla vittoria, scende in campo per lo 0 a 0. Timida, impaurita e depressa. Speriamo di acchiappare un sedicesimo posto, non è impossibile. E poi fratello foco facci un bel falò.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. purplerain - 1 mese fa

    A Prandelli imputo solo di aver fatto giocare Ribery titolare.
    Con il senno di poi era meglio Amrabat a centrocampo ed Esseryc avanzato in tandem con Dusan.
    Per il resto rendetevi conto del materiale umano a nostra disposizione specialmente in panca, non c’era nessuno qualitativamente in grado di dare la svolta, inutile fare parallelismi con altre squadre, guardiamo al nostro, Kouamè sarà pure scarso ma ieri sarebbe servito, come sarebbe servita la qualità di Bonaventura, purtroppo erano fuori e la panca è troppo corta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dallapadella - 1 mese fa

      Leggiti il materiale umano dell’Udinese di ieri, panchina compresa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. andrea333 - 1 mese fa

        vero , e mi manda in bestia.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Paolo - 1 mese fa

    Purtroppo, anche Prandelli alla fine è finito nel tritacarne.

    Personalmente ho una grande stima per la persona di Cesare, però devo dire che qualche volta, per le scelte che ha fatto, un po’ha deluso anche me.

    Certe volte ci sono degli allenatori anche navigati che, nel tempo, perdono un po’ il senso del calcio che cambia inesorabilmente anno dopo anno e non vorrei che fra questi ci fosse cascato anche Prandelli: invece, si vedono degli allenatori giovani che, anche se non hanno una grande esperienza (Juric, De Zerbi, Italiano, Pippo Inzaghi ed altri), si adattano bene al calcio moderno pur non potendo contare su rose di giocatori di primo livello.

    Purtroppo, l’ultimo calciomercato invernale per la Fiorentina è stato un autentico disastro: all’immobilismo di Pradè si è aggiunta anche la filosofia di Prandelli, il quale si è privato di alcuni giocatori perché secondo lui erano scontenti e non ne ha pretesi altri in cambio solo per il fatto che pensava che chi potesse arrivare sarebbe stato scontento in altre piazze e così lui non voleva altri scontenti nella rosa.

    Francamente, questa filosofia io non l’ho condivisa molto, anche perché Pradè alla fine ha preso soltanto un paio di giocatori (Malcuit e Kokorin) che ancora sono degli oggetti misteriosi (soprattutto Kokorin) mentre la Fiorentina navigava in acque tutt’altro che tranquille: secondo me ci sarebbe voluto ben altro!

    A questo punto, spero soltanto che ci sia un faccia a faccia sincero e risolutivo fra la squadra e la Società, altrimenti la vedo molto dura riuscire a fare quei 15-17 punti che servono per la salvezza: forse, anche qualche ritiro della squadra potrebbe essere utile, ma nella rosa ci sono dei giocatori (Milenkovoic e Pezzella in particolare) che sognano di andar via da Firenze al più presto e anche questa situazione non giova certo alla tranquillità della squadra.

    In conclusione, mi sento molto deluso, amareggiato e frustrato dalle prestazioni e dai risultati di una squadra che negli ultimi 3 anni ha saputo soltanto navigare nelle ultime posizioni della classifica, non riuscendo quasi mai a dare una soddisfazione ai propri tifosi: alla fine, bisogna anche domandarsi a che cosa servirebbe la vittoria fuori casa per 3 a 0 contro la Juventus, se poi alla fine di questo campionato non si dovesse riuscire a salvarsi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Zosima - 1 mese fa

    Galli ha ragione, c’è poco da fare. Prandelli se non lo fermiamo in tempo ci fa fare la stessa fine che ci fece fare Aldo Agroppi!
    Lo volete capire o no!?
    Secondo voi un allenatore che manda allo sbaraglio Montiel a due minuti dalla fine dopo che per mesi non lo ha considerato minimamente, solo per scaramanzia, che credibilità può avere all’interno dello spogliatoio?
    È proprio vero che essere amici dei giornalisti è fondamentale a Firenze, perché se una roba simile l’avesse fatta Beppe, lo avrebbero sbudellato.
    Rocco dammi retta, riprendi Iachini al più presto, sei l’unico che ci avevi giusto con la sua riconferma perché con questa squadra di scappati di casa, raccattati chissà dove da Pradè, l’unico in grado di fare qualche punto rubacchiato era ed è soltanto lui!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dallapadella - 1 mese fa

      Non per scusare Prandelli ma Iachini ha avuto a disposizione 2 mercati, ci ha fatto comprare giocatori poi relegati in panca (da Duncan a Callejon) e pure lui poteva far giocare il “mitico” Montiel.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Barsineee - 1 mese fa

    Mercoledì Fiorentina Roma – Parma Inter – Cagliari Bologna – Benevento Verona – Juventus Spezia – Lazio Torino. Ragionevolmente potremmo vedere il Benevento e il Cagliari prendere dei punti contro tutti gli altri che potenzialmente perdono tutte. Benevento 26 Fiorentina e Spezia 25 Cagliari 21 Torino 20 (anche se 21 potrebbe starci) Parma 15 Crotone 12.

    Prox Wend. Spezia Benevento – Crotone Torino – Fiorentina Parma – Sampdoria Cagliari. In questo turno in realtà si gioca tutta la nostra permanenza in serie A. Se non prendiamo una feroce imbarcata con la Roma potremmo anche provare a vincere con il Parma e portarci a 28 castigando definitivamente il Parma ma potrebbe anche essere che noi facciamo la solita prestazione incolore e il Parma ci castighi in contropiede dopo aver fatto una difesa arcigna, lo Spezia vinca, il Torino vinca e il Cagliari pareggi. Spezia 28 Benevento 26 Fiorentina 25 Torino 23 Cagliari 22 Parma 18 Crotone 12.

    La domenica dopo andiamo a Benevento. E qui proprio siamo messi male. Loro giocano chiusi, un catenaccio pazzesco e fanno contropiedi fulminanti. La possibilità di vincere a Benevento è pari a zero.

    Continuate a sognare Sarri a fine anno. Qua la strada verso l’inferno è veramente lastricata di lacrime e sangue. Ah … con questo monte ingaggi e contratti pluriennali a vecchi se dovessimo mai retrocedere la Fiorentina è tecnicamente FALLITA. Che regalo, che regalo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. andrea333 - 1 mese fa

      hai ragione e non hai considerato il fatto che in trasferta non facciamo punti. In casa abbiamo un calendario terribile dopo Roma e Parma riceveremo Milan Atalanta juventus lazio napoli. quindi in casa faremo pochi punti e fuori casa siamo un disastro. Urge un cambiamento

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. BVLGARO - 1 mese fa

      guarda che il Parma gioca a viso aperto e ha tre schegge impazzite: Gervinho, Mihaila e Karamoh che sono piú veloci di Milenkovic, Pezzella e Pulgar. Poi il Parma con l’Inter perde e torna Liverani e sarà un disastro giocarci col cambio di allenatore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. dqBng+nè+d - 1 mese fa

    “Ore decisive per Longo”. Eccolo qui, come dopo ogni sconfitta che si rispetti ci mancava solo il parere del pisano illuminato protagonista di una delle più avvincenti trattative della storia gigliata.
    A proposito dell’attuale situazione, io non penso che il vero responsabile sia né il buon Prandelli così come il vulcanico Rocco. Al contrario, penso che stiamo pagando l’incapacità di fare mercato del nostro DS, incapace di spendere bene i soldi investiti, un po’ come accadde in quella calda stagione quando il DS di allora con i soldi dei fratellini in C2 riuscì a forgiare una corazzata capace di inanellare tre sconfitte in 5 partite contro Rimini, Grosseto e Montevarchi.
    Questa è storia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Barsineee - 1 mese fa

      bello il nick … si vede proprio che è stato pensato, studiato, c’è una attenta analisi sulle consonanti, sulle maiuscole … bravo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. andrea333 - 1 mese fa

    Prandelli si dovrebbe dimettere i numeri parlano chiaro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. ottone - 1 mese fa

    PERCHE’ INVECE DEL TOTO-ALLENATORE NON SI APRE IL TOTO-PRESIDENTE? Da ora in avanti lo dirò finché non se ne sarà andato anche lui: questo qui di calcio capisce meno dei DV. Il che è tutto dire…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Barsineee - 1 mese fa

    quando non si pongono OBIETTIVI SPORTIVI ad una qualsiasi compagine di ATLETI il risultato è sempre estremamente negativo. Anche la squadra della Giamaica di bob a Calgary aveva un obiettivo sportivo. La Fiorentina di oggi non ha obiettivi sportivi se non quello di “salvarsi” e di portare a termine l’annata. In questa logica cosa si può pretendere da un giocatore di calcio? Sono distratti da mille voci, sono preoccupati più del futuro che del presente, gli unici che si sbattono sono quelli che sanno che hanno una opportunità per mostrarsi, vedi Quarta. Un domani anche Martinez Quarta quando capirà che non c’è Samuel in tribuna e può fare la sua onesta partita, farà la sua onesta partita alla meno. Questo è il risultato di sopravvivere. Alla fine chi cerca di sopravvivere … MUORE SEMPRE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. violaspento - 1 mese fa

    Violaspento. Questo continuo paternalismo di Prandelli, che forse nasconde incapacità di attuare, sta diventando disgustoso come una minestra riscaldata troppe volte. Inoltre la sua accettazione del mercato di gennaio e la continua riproposizione di alcuni giocatori dimostra che veramente ha perso il tocco di una volta. Che dire di Prade che come DS è di una incapacità mostruosa e ora forse si sta accorgendo che oltre che inadatti alla serie A questi suoi “giocatori” non meritano nemmeno di essere difesi. Si parla ora di allenatore, ma chi seriamente può scegliere la viola con queste condizioni. Non c’è programmazione, ora non ci sono nemmeno i soldi, con questi dirigenti, bravissime persone certamente, ma che non sanno niente di calcio e come costruire una squadra per vincere qualcosa. Solo un allenatore giovane o inesperto può accettare questo rischio. E noi tifosi non possiamo continuare a tifare una squadra che gioca con questa indolenza e menefreghismo perché sarebbe masochismo. Purtroppo, credo, che il prossimo saremo a parlare delle stesse cose perché non si cambiera’ molto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. bati - 1 mese fa

    Quelli che se la prendono con l’allenatore sono spettacolari. Sono sempre gli stessi che se la prendevano con Montella e poi con Iachini. Se ci fosse Mourinho se la prenderebbero con lui. Nessun dubbio che questo gruppo sia una massa di incapaci composta da doppioni, triploni e usurpatori di ruolo. Una dirigenza inguardabile che opera da due anni in un modo scandaloso, denotando una incompetenza disarmante, certificata da campagne acquisti dispendiose e inutili e smentite in quella successiva. Se Prandelli ( così come Montella e Iachini) non ha un regista vero ma gli propinano Pulgar o Amrabat cosa può inventarsi. Se si ritrova Biraghi a sobbarcarsi la costruzione del 70% delle azioni offensive e questo vanifica il 90% delle azioni stesse che colpa ne ha Prandelli. Se a questa squadra manca da due anni un attaccante vero ed esperto, un attaccante che viva di luce propria, inventandosi giocate anche autonomamente, trascinando compagni e squadra con gioco e goal, che colpa ne ha Prandelli. Ma si può mettere sulle spalle di un ragazzo di vent’anni che deve dimostrare ancora tanto , che ha buone potenzialità ma che come appare evidente per ora denota tutta una serie di limiti tecnici, le sorti offensive di una squadra? Pradè sarebbe da radiare per il bene delle società che rischiano di assumerlo. Costruire dopo due anni una squadra assurda così, dopo aver speso centinaia di milioni e avere ruoli cruciali scoperti così è calcisticamente criminale. La Fiorentina rischia molto seriamente la B.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. I'Generale - 1 mese fa

      Guarda, con tutto il rispetto per Prandelli al quale sono affezionato come ogni altro vero tifoso viola, ieri purtroppo non mi è piaciuto per niente…
      Tralasciando le valutazioni puramente personali sulla rosa (ognuno ha le sue idee ed è giusto che sia così) ti dico che non ho capito la formazione iniziale, non ho capito i cambi tardivi, non ho capito nemmeno come si possa pensare di vincere una partita del genere muovendo poco o niente solamente al 68° quando la squadra ha generato poco o niente fino ad allora…
      La società avrà anche le sue colpe ma non può essere un alibi permanente per chi ogni domenica mette in campo la formazione nè tantomeno per queste mezze seghe che ogni domenica vanno in campo e pensavo alle farfalle piuttosto che a comportarsi dignitosamente….
      Abbiamo perso perchè la squadra ha fatto poco o niente (qui ci colpa allenatore e giocatori) e soprattutto per le cappelle che facciamo in continuazione (e qui ci colpa poco sia il mister che la società)…
      Perchè uno che si ritiene troppo per questa fiorentina nel primo tempo aveva fatto una cappella clamorosa mandando in porta l’avversario, ed un altro che è più giovane e la pensa allo stesso modo è alla seconda cappella fotonica in 4 gare e ci è costato minimo 3 punti…………

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Violapersempre - 1 mese fa

    Ma fatela finita con il difendere Prandelli ormai è un ex allenatore ci si salva con le vittorie non con i pareggi se non fai punti con squadre come L Udinese con chi li vai a fare la prossima con la Roma ??? Se ci troviamo in queste condizioni ancora con 7 punti di vandagio e stato demerito degli altri se sarebbe stato per Prandelli saremmo già retrocessi qui ancora credono che sia venuto per amore della maglia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RobertoIlToscano - 1 mese fa

      Daccordo con te su tutto tranne che sul “se sarebbe stato per Prandelli”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Matt - 1 mese fa

    Dare la colpa all’allenatore è una pratica vecchia. Preparazione non sua. Squadra che fa errori grossolani a livello di singolo giocatore.
    Il problema è che il presidente ha girato mezza toscana per fare lo stadio, quando dovevano pensare molto di più a costruire una squadra da almeno mezza classifica.
    Anche quest’anno si arriva all’ultimo a salvarsi. E siamo a tre di fila. Mai così da un sacco di tempo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. PiGreco - 1 mese fa

    Prandelli ha capito che occorre salvarsi e basta, e non c’è nell’attuale Fiorentina ne spazio ne tempo per organizzare una identità di gioco ecco il perchè di tante scelte.
    Ovvio poi che se prendi gol al 85 su una topica del tuo difensore più pregiato (o almeno il più ricercato dal mercato calcistico..) allora tutto frana.
    Ma anche lui, come un suo successore-precedessore, fa con le uova che ha!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fff055 - 1 mese fa

      ci voleva prandelli per capire che bisogna salvarsi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Leonard_21 - 1 mese fa

      Mi spiace ma non sono d’accordo. In serie A serve identità di gioco perchè alla lunga solo quello porta risultati. Giocare alla meno come fa prandelli espone a risultati come quello di udine contro una squadra che aveva ben 9 assenze. Bisogna salvarsi, ma ci si salva col gioco, con l’identità, non tirando a campare come fa l’ormai ex allenatore. Non abbiamo una grande rosa e per i soldi spesi la colpa è senza dubbio del Ds, ma la rosa è ben superiore a bologna, benevento, udinese spezia.. squadre che ci stanno davanti e qui la colpa non può che essere del tecnico. Abbiamo preso prandelli non per salvarci (per quello bastva tenere iachini) ma per dare un senso a questa squadra e impostare le basi per il prossimo anno. Il prandelli sta fallendo su tutti i fronti eccetto vlahovic.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. alexbat - 1 mese fa

        Ma la classifica parla chiaro , parliamo come se avessimo il team imbottito di campioni . Ma allora aprite gli occhi sono tutti mezze
        calzette o quasi, incluso allenatore e dirigenti. Un non gioco totale.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. bati - 1 mese fa

      pienamente d’accordo. Prandelli sa benissimo che con questa armata brancaleone costruita da totali incapaci, l’unica identità che puoi dare è quello di mandarli in comune a fare la carta. Un punto ieri dopo l’ennesima vomitevole partita sarebbe stato oro colato. Era praticamente fatta perchè non è possibile immaginare che quel lungagnone da più di due metri in elevazione manchi il pallone facendo cadere dietro di se sulla testa di un nanerottolo di 170 cm. Questo gruppo di incapaci è più o meno lo stesso che fu messo in mano prima a Montella e poi a Iachini. Guardiola con questi andrebbe alla neuro in pochi giorni. Non c’è neanche un attaccante, come ne abbiamo avuti tanti in passato, che salvi da solo questa squadra. Un bel disastro di cui Pradè è il primo responsabile ( o irresponsabile).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. franco55 - 1 mese fa

      Ma che stai dicendo se non te la giochi con l’Udinese a mezzo servizio e poi la perdi pure con chi speri di vincerle
      Guarda il calendario hai tutte le squadre di media bassa classifica in trasferta mentre il resto in casa con le prime della classe a cominciare con il Milan

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. perorin - 1 mese fa

      Se volevi prendere un allenatore per la salvezza allora ti tenevi Iachini oppure vai a prenderti Cosmi.. allenatore pane e salame.
      La realtà è che Prandelli dopo Firenze e nazionale ha fatto male dappertutto, va detto.
      A mio modesto parere poteva anche perderle tutte ma si prende un allenatore per dare una svolta tecnico-tattica e Prandelli non ha svoltato nemmeno il modulo… che che nn ha mai fatto la difesa a 3 in carriera si è dovuto adattare… e allora!?!?
      Io dico: già solo affermare che i tuoi gioc nn vogliono la difesa a 4 e’ una buscherata xche sono tutti nazionali che fanno difesa a 4 e poi siamo in serie A e che che nn sanno fare la difesa a 4 nn di dovrebbe nemmeno dire;
      Persino Ballardini ha portato una scossa al Genoa che nn è certo superiore a noi.
      In ultimo Prade’: invece di fare L ‘incazzatissimo dovrebbe giustificare come ha fatto a fallire tutte le campagne acquisti: prendere 15 gioc e rivenderli 12 dopo 6 mesi/1anno vuol dire averla fatta senza minima cognizione di causa e soprattutto senza la voce dell allenatore sennò nn c’è verso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Valdemaro - 1 mese fa

    Prandelli ha le sue colpe, e la più grande è stata quella di accettare un mercato di gennaio hai limiti della presa per il cxlo. Un uomo vero all annuncio dell’ex galeotto russo doveva dare le dimissioni.
    Ma da qui a scaricare tutta la colpa a Prandelli il passo è lungo e troppo semplicistico.
    Con Barone e Pradè come la mettiamo allora?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Barsineee - 1 mese fa

      e con Roccone bello? Il TaRocco ammericano fast fast che pianifica tutto attentamente da giugno dell’anno scorso. Si vedono i risultati. Che pianificazione lungimirante!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Clyde the glide - 1 mese fa

        Sì, comunque a te ti ho già inquadrato..sei una vedovalle della prima ora, un gufo pronto a fiatare solo quando le cose vanno male, sempre pronto a soffiare per alimentare il rancore e la polemica.. mai una critica costruttiva, mai un messaggio di apprezzamento.. che fatica.. Ma visto che non credo che Rocco venderà la società così velocemente, perchè non ti metti un pò l’anima in pace e ci risparmi il tuo pensiero??

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. perorin - 1 mese fa

        Poraccio come stai messo male.. la vedova dei Dv

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ViolaScuro - 1 mese fa

      Inoltre al 30enne galeotto russo è stato fatto un contratto di 4 anni…e nel frattempo teniamo i ventenni a marcire in panchina…in tutte le scelte fatte da questa società non c’è un briciolo di razionalità e cervello…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Lo scatizzolagobbi - 1 mese fa

    Eh no caro Galli, il pesce puzza dalla testa. In un anno e mezzo sono stati cambiati tre allenatori tutti voluti da Rocco, un comparto tecnico che definire scadente è fargli un complimento. Guerra alla stampa, alla politica e a tutti i nemici immaginari pur di non dover ammettere di avere sbagliato tutte le scelte tecniche a partire dalla campagna acquisti di gennaio dove era VITALE acquistare un attaccante e un regista. Avremo un grande centro sportivo e gliene faccio merito ma se questo vuol dire vivere sempre nella mediocrità tecnica e di risultati francamente ne facevo a meno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. nacchero - 1 mese fa

    Ormai ha dimostrato di non essere più all’altezza, potevo capire le prime partite ma ormai sono mesi che è qui e non c’è uno straccio di gioco, si campa alla giornata, se indovina la formazione un pò alla meglio ci si cava ma su 3 volte 2 o sbaglia formazione o sbaglia i cambi, ormai è andato, d’altronde se non lo chiamava mai nessuno un motivo ci sarà stato no

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy