Tutti i numeri dell’attacco: Ribery il più utilizzato, Cutrone sempre in campo

Dopo dieci giornate facciamo il punto sulle presenze degli attaccanti della Fiorentina

di Niccolò Ghinassi
Vlahovic-Kouame

I numeri dell’attacco viola

A poche ore dall’impegno contro l’Atalanta, l’attacco della Fiorentina resta sempre sotto esame e si ipotizza con sempre più insistenza un nuovo arrivo a gennaio  ma il mercato è ancora lontano e per fare più chiarezza sul rendimento degli attaccanti in rosa abbiamo approntato una tabella con i minuti giocati da ciascun attaccante. Solo Cutrone e Kouamè sono sempre scesi in campo, ma l’ex milanista vanta il minor minutaggio e non è mai partito come titolare, mentre in cima alle presenze troviamo Ribery con 614 minuti giocati in 8 partite e Vlahovic con 573 minuti in 9 partite (nelle ultime tre è sempre partito titolare). Utilizzo a sprazzi per Callejon fermato dalla mancata preparazione e dal Covid. Il tutto per produrre solo 2 reti complessive segnate da Kouamè e Vlahovic

Il grafico

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gerrone - 1 mese fa

    ribery perde solo palla non salta un uomo da quel di , è inutile spendere 4,5 milioni netti per una giocata a partita e un lusso che non ci si può permettere con 4,5 milioni di paga due stipendi a giocatori forti o si rinnova milenkovic idem borja valero e callejon ….,avevi sottil in casa e lo hai voluto dar via sapendo che chiesa sarebbe andato visto che lo hai dato per 2 milioni cash e pagherò , prade pensava di sostituirlo con callejon e la prova palese della sua incapacità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jackfi1 - 1 mese fa

      Purtroppo è lo stile di Pradè. Il tifoso medio si esalta per il nome e intanto il tuo monte ingaggi schizza alle stelle. Lo aveva già fatto in passato ma all’epoca c’era Macia ad arginare ma gli ingaggi faraonici regalati a Sissoko, Richards, Anderson per vedergli fare si e no 10 partite in totale li ricordiamo purtroppo tutti. Il più grande limite di Pradè è sempre stato quello di non saper gestire gli ingaggi, ritrovandosi a dare aumenti di ingaggio non commisurati finendo nel giro di due anni con un monte ingaggi raddoppiato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy