2 gennaio 1955: Fiorentina-Bologna finisce in rissa (con invasione finale) e Magnini portato in… trionfo

66 anni fa al Comunale di Campo di Marte uno degli epiloghi più tumultuosi della storia gigliata

di Roberto Vinciguerra, @RobWinwar

Quel 2 gennaio 1955 nello stadio Comunale di Firenze, fra campo e spalti, successe tutto ciò che a Firenze raramente si era visto in passato. Sul terreno di gioco si sfidavano, nella gara valida per la 14° giornata del campionato di Serie A, Fiorentina e Bologna, due squadre che veleggiavano nelle parti alte della classifica, dominata dal Milan, che vantava cinque punti in più delle due compagini che si sarebbero sfidate a Campo di Marte.
Considerata anche la classifica, si preannunciava, quindi, uno dei derby dell’Appennino più caldi della storia e, per l’occasione, venne designato uno dei migliori arbitri emergenti del periodo, cioè Giulio Campanati di Milano. Per la promettente “giacchetta nera”, però, fu un pomeriggio da dimenticare. In occasione del vantaggio viola all’11° minuto di gioco Campanati non vide un tocco col braccio di Virgili nell’azione del gol. Subito dopo non ravvisò un netto fuorigioco del felsineo Rondon che, comunque, non riuscì ad inquadrare la porta nonostante la favorevole posizione ravvicinata. Anche in occasione dell’azione del pareggio dei rossoblù, giunto al 31° minuto ad opera di Pivatelli, i giocatori della Fiorentina protestarono per un presunto fuorigioco.
All’inizio del secondo tempo Campanati annullò un gol regolare di Virgili a causa di un fuorigioco inesistente in quanto un difensore del Bologna era addirittura accanto al portiere sulla linea di porta. Il pubblico viola iniziò a spazientirsi ed il nervosismo serpeggiò sia sugli spalti che sul terreno di gioco, dove i ragazzi di Fulvio Bernardini persero anche la concentrazione, consentendo al Bologna di manovrare senza opporre la giusta resistenza, tanto che pochi minuti dopo i petroniani andarono in vantaggio ancora con Pivatelli, dopo una sgroppata di alcune decine di metri fatte con la palla al piede. Al 37° minuto, dopo altre decisioni dubbie prese dal direttore di gara, il Bologna segnò per la terza volta con Valentinuzzi su assist di Pivatelli. Due minuti dopo arrivò il “fattaccio”: Cervellati, al limite dell’area gigliata, intervenne fallosamente su Magnini, il quale stava tentando di fare ripartire l’azione dei viola. Lo stesso Magnini batté subito la punizione, ma l’arbitro fermò il gioco perché, a suo parere, la palla non era completamente ferma al momento del calcio del difensore gigliato, il quale, stizzito per questo atteggiamento del direttore di gara, allargò platealmente le braccia, imprecando nella direzione di Campanati, il quale, a sua volta, non gradendo, lo invitò energicamente a lasciare il campo.
Quando il pubblico si accorse dell’espulsione scoppiò il pandemonio. Moltissimi supporter gigliati, in segno di protesta, si attivarono nel tradizionale lancio sul terreno di gioco del cuscino, mentre un nutrito gruppo di sostenitori viola scavalcò le reti di recinzione ed invase il campo. Molti di loro si diressero verso il malcapitato arbitro Campanati che, grazie ad una fuga improvvisata, riuscì a rimediare, fortuna sua, solo una parte dei pugni e schiaffoni che volarono nella sua direzione, mentre una minoranza dei tifosi viola si diresse verso gli sbigottiti giocatori gigliati ed, in particolare, verso Ardico Magnini che venne portato, addirittura, in trionfo.

Pubblicità Numericalcio

LEGGI ANCHE:
Numeri e curiosità sulla Serie A
– Tutte le classifiche del RANKING UEFA e RANKING FIFA
– Da Baresi a Pellissier, l’elenco completo dei numeri ritirati in Italia

– TUTTITALENTI.COM – Le schede dei giovani talenti

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ottone - 2 settimane fa

    Momenti irripetibili. Quando il pubblico “pesava” e non era popolato da tanti ragionieri, statistici e “tuttologi”…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ghibellino viola - 2 settimane fa

    Grande come sempre Roberto. Grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy