Vlahovic come Chiesa, scenario da evitare. Commisso pronto ad agire in prima persona

La proposta, per ora, non soddisfa il serbo

di Redazione VN

Se proiettiamo i numeri attuali di Dusan Vlahovic da qui a fine campionato, si nota che il serbo, a questo ritmo, sfiorerà le 18 reti. Un ruolino di marcia che lo posiziona dietro solo ad Haaland e Kean fra i giovanissimi, e che fuga ogni dubbio sulla bontà del suo percorso. Perderlo ora, scrive il Corriere Fiorentino, sarebbe un colpo da K.O. per la Fiorentina, che deve mettere sul tavolo la proposta giusta anche in termini di ambizioni. Il contratto scade nel 2023 e il giocatore continua a spendere parole importanti per Firenze e per la sua squadra, ma già in estate Roma, Hoffenheim e Wolfsburg hanno bussato con insistenza alla porta della società gigliata. E allora possibile che, come ha detto Vlahovic, non sia ancora stato proposto il rinnovo? No, secondo il quotidiano. Semmai, non è stato proposto un rinnovo in grado di soddisfare l’entourage del giocatore. Per adesso l’offerta è ferma a 1,5 milioni a stagione, ingaggio quasi raddoppiato, per adesso nessun progresso. La cosa sta facendo innervosire Prandelli, che ha chiesto, indirettamente, rispetto. La ferita inferta da Chiesa brucia ancora al presidente Rocco Commisso, che ora non vuole perdere nello stesso modo il nuovo pupillo ed è pronto a muoversi in prima persona.

GERMOGLI PH 13 GENNAIO 2021 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI COPPA ITALIA OTTAVI DI FINALE FIORENTINA VS INTER NELLA FOTO ROCCO COMMISSO
17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Claudio50 - 1 mese fa

    Quello dei giovani e’ un serio problema per la Fiorentina. Una storia che si ripete da troppo tempo. Bisogna fare maturare i giovani che alla fine siamo riconoscenti oppure adottare una strategia adeguata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. simo911 - 1 mese fa

      è un problema per tutti. Poi c’è chi riesce a monetizzare meglio di altri, ma in serie A chi ha molti giovani del proprio vivaio in prima squadra?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Cosimo de' Medici - 1 mese fa

    Buttiamo giù una lista rapida di tormentoni da quando siamo tornati in A: Toni, Montolivo, Jovetic, Neto, Cuadrado, Joaquín, Marcos Alonso, Kalinic, Bernardeschi, Chiesa, Pezzella, Milenkovic, Vlahovic.
    To be continued…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. simo911 - 1 mese fa

      Vero, però stai mischiando professionisti e non… gente come Toni, Cuadrado, Jovetic, Alonso, Milenkovic volevano lecitamente andarsene, ma davanti al no societario hanno sempre fatto i professionisti in campo. Altro discorso rispetto a Chiesa, Kalinic, Bernarda e Tordolivo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. dallapadella - 1 mese fa

    Proietterei a fine campionato anche le cose meno buone, tipo il gol sbagliato davanti ad Handanovic all’andata e, nella stessa partita, aver permesso a D’Ambrosio di sovrastarlo fisicamente e segnare il 4-3.
    Per non parlare di alcuni fondamentali che deve ancora imparare ma si sa, il procuratore, farà finta di niente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Sblinda - 1 mese fa

    “Dusan non è una priorità, disse Pradé”
    Il fatto è che se ci credi devi rinnovargli il contratto subito, non aspettare due o un anno dalla scadenza.
    Milenkovic rinnova? Bene, se non rinnova non ha senso puntarci e poi svalutarlo comunque perché a fine contratto. Andava ceduto due anni fa, quando, reduce da una stagione buona, avrebbe fruttato il necessario per tutelarsi con un sostituto.
    Abbiamo fatto mezza stagione con Milenkovic, Pezzella, Caceres titolari. Tutti e tre a fine contratto. Che programmazione è?
    Fortuna che Prandelli ha inserito, e bene, Igor e Quarta.
    Non come fece Iachini buttandolo appena arrivato nella mischia.
    Teniamoci stretto Cesare, perché i singoli hanno aumentato il rendimento di molto, manca ancora la squadra, ma ha fatto un lavoro incredibile in 1/5 del tempo a disposizione degli altri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ilRegistrato - 1 mese fa

      Sblinda, la tempistica del rinnovo dei contratti dei calciatori dipende da che rischio vuoi prendere. Se rinnovi prima che abbia dimostrato in campo rischi di avere un calciatore pagato più di quello che vale veramente, caso tipico Babacar. Se aspetti che faccia bene in campo prima di rinnovare rischi o di pagare il rinnovo molto di più o di perdere il calciatore. La sfera di cristallo non ce l’ha nessuno, e te lo dice comunque uno che Pradé lo manderebbe via domani.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. simo911 - 1 mese fa

      Dimenticate entrambi una cosa fondamentale : il rinnovo si fa in due, la sola volontà della società non conta nulla.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Albe_Lucca - 1 mese fa

    Io non credo che Vlahovic chieda di più.. il ragazzo ha 20 anni, 1,5mln a stagione li sogna chiunque alla sua età.. il problema è il procuratore, che vuole di più per guadagnare di più..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ilRegistrato - 1 mese fa

      Sei proprio ingenuo, vorrei sapere chi si accontenta di un milione e mezzo se sa di poterne avere due o di più. Ovvio che la strategia è le trattative le fa il procuratore, ma perché al calciatore va bene uno che gli fa guadagnare il più possibile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. lo scorfano - 1 mese fa

    Il punto di far crescere i giovani è ormai esattamente questo: cosa li fai crescere a fare se, appena diventano meno giovani e molto più fortti, se ne vogliono andare? Noi, Fiorentina, ci dobbiamo sopportare che Vlahovic impari a stoppare il pallone, a far salire la squadra, a smarcarsi in area di rigore, così, quando avrà imparato, se ne andrà a esultare alla Juventus o alla Roma o al Milan? Ecco, far crescere i gioavni, in queste condizioni, è inutile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Niko74 - 1 mese fa

      Se li fai giocare in una squadra competitiva e per obbiettivi importanti, all’ombra di un campione, vedi che stanno muti. In una fiorentina così, è ovvio che ti ricattano e che vogliono spuntare il prezzo. Vedi Chiesa, ha già sfornato assist e ha fatto più goal degli anni precedenti, in sei mesi ha già vinto la Super Coppa ed e ha giocato la finale di Coppa Italia, gioca e ha segnato in Champions (insieme a Ronaldo). Se fosse rimasto alla Fiorentina avrebbe rischiato di retrocedere. Quanto vuole 2 milioni, 3? Se il giocatore vale, io glieli darei subito, con un contratto di 4 anni minimo. Tra 3 o 4 anni, se dovesse andare tutto lisci lo vendi 50-60 milioni, o forse più. Ti sei fatta una plusvalenza di circa 55-60 milioni netti, e tolto lo stipendio te ne rimangono puliti 45! Ma potrebbe valere molto di più. Ma vogliamo essere realisti!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Cosimo de' Medici - 1 mese fa

        Ha addirittura già giocato la finale di Coppa Italia?
        Marty McFly, sei tu?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Niko74 - 1 mese fa

          mi sono sbagliato, volevo dire quarti di finale

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. simo911 - 1 mese fa

        e poi ci domandiamo perchè il monte ingaggi è alle stelle….Vlahovic vuole 3 milioni e glieli diamo, poi li vuole anche Quarta, per non essere da meno li vuole anche Drago e Ribery dice “ma io che so str***o? io ne voglio 7!!”
        Poi ci si inca**a per le cifre percepite da gente come messi…. Sei un giovane e vuoi 4 milioni ? Bene,te li devi guadagnare. Fammi 3 stagioni consecutive di livello,poi ne riparliamo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. simo911 - 1 mese fa

          diversi anni fa giocavo a basket,settore giovanile di una società all’epoca in B1 e spesso mi allenavo in prima squadra. Un giorno il nostro allenatore disse ad un senatore, che stava esagerando nel nonnismo verso un giovane “potrai parlare quando ci farai vincere qualcosa, fino a quel momento muto”. Ecco,vuoi tanti soldi ? inizia ad essere decisivo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. PugliaViola - 1 mese fa

    Di cosa ci meravigliamo?
    Ormai il calcio, all’epoca dei procuratori, è così…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy