Dopo Fiorentina-Inter, un’altra notte nera per Abisso. Male anche in Milan-Fiorentina

Arbitraggio disastroso di Rosario Abisso ieri sera in Roma-Torino: La Gazzetta dello Sport ricorda gli altri errori eclatanti dell’arbitro palermitano

di Redazione VN
Rosario-abisso

La Gazzetta dello Sport commenta l’arbitraggio disastroso di Rosario Abisso ieri sera in Roma-Torino ricordando gli altri episodi eclatanti che hanno visto suo malgrado protagonista il fischietto di Palermo. In due occasioni, c’è di mezzo la Fiorentina:

Fu una notte lunghissima, in campo (102 minuti con i recuperi) e fuori. Era il 24 febbraio 2019 – seconda stagione di implementazione del Var in Italia – e all’Artemio Franchi si affrontavano la Fiorentina di Pioli e l’Inter di Spalletti. nei minuti di recupero, sul 3-2 per i nerazzurri, Rosario Abisso concesse un calcio di rigore ai viola per un presunto tocco di mani di D’Ambrosio sul cross di Chiesa. Il Var Michael Fabbri, ravvisando un chiaro errore del direttore di gara, lo richiamò al monitor per visionare meglio l’episodio. La palla, infatti, non sembrava toccare il braccio del difensore interista, ma il petto. Abisso, però, non cambiò la sua opinione nemmeno di fronte allo schermo e confermò la decisione di assegnare il penalty, che poterò poi al pareggio, mandando su tutte le furie Spalletti. Per lui, dopo quella gara, un lungo stop di quasi un mese.

In questo 2020-21, invece, Abisso ha segnato la direzione di Milan-Fiorentina 2-0, concedendo due calci di rigore ai rossoneri. Corretto il primo, meno il secondo: Caceres e Hernandez si strattonano a vicenda, ma il direttore di gara punisce solo il giocatore viola, lasciando più di qualche dubbio

rosario-abisso

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy