Commisso nero, Barone fa la voce grossa: il confronto di ieri con Iachini e la squadra

Iachini richiamato all’ordine dal d.g., ma parole dure sono state riservate anche alla squadra, sempre più vittima dell’insofferenza

di Redazione VN
Barone

Su La Nazione si ricostruisce il confronto tra dirigenza da una parte e squadra, staff e allenatore dall’altra, andato in scena ieri al centro sportivo. L’umore di Commisso è nero, ma il patron viola si trova in America. Così è toccato a Barone il compito di fare la voce grossa, richiamando tutti all’ordine. A Iachini, in particolar modo, è stato fatto notare come le parole del post partita (“Abbiamo ancora dei margini di miglioramento”) non siano probabilmente la giustificazione migliore da usare per un periodo critico lungo ormai quattro giornate, dove alcune delle sue scelte sul piano tattico non sono state comprese fino in fondo. La dirigenza, in tal senso, si sarebbe aspettata una maggiore assunzione di responsabilità, un “mea culpa” più esplicito da ammettere tanto a parole quanto nei fatti.

Ma parole dure sono state riservate anche alla squadra, che da qualche settimana non si allena più col sorriso del finale della scorsa stagione ma sembra essere sempre più vittima dell’insofferenza. Anche e soprattutto alle reprimende: la sconfitta di Roma è stata senza appello e, soprattutto, senza idee. Un concetto ribadito a più riprese dal dg, che ha chiamato in ballo la professionalità dei calciatori, che ormai da tempo fanno parte – oltre che di un club prestigioso come la Fiorentina – anche delle rispettive Nazionali: un traguardo che li inchioda al proprio senso del dovere. Lo spogliatoio ha incassato promettendo una pronta risposta a partire dalla gara di sabato al Tardini ma la sensazione è che l’aria resti pesante, specie attorno al tecnico.

Commisso
Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images
14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Claudio50 - 4 settimane fa

    Mi ricordo Sinisa quando venne alla Fiorentina e disse: se non corrono li prendo a calci in culo e il buon Delio disse : per questa situazione conosco solo un modo lavoro lavoro e ancora lavoro. Il finale lo sappiamo. Non si puo’ cambiare il vento…..ma solo proteggersi. FORZA VIOLA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Claudio50 - 4 settimane fa

    I famosi sono quelli conosciuti da tutti mauno che si chiama iG……detto questo fare la voce grossa e non andare a fondo sul malessere della squadra vuol dire non aver fatto niente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. iG - 4 settimane fa

    COMISSO-BARONE date retta al famoso IG:

    Licenzia Antognoni, Iachini e Prade’, via tutto dalal gestione DV. Doveva esser fatto subito, ma non e’ troppo tardi

    PRENDETE SUBITO i seguenti 3:

    *PAOLO SOUSA allenatore
    *Franco Baldini D.S
    *R. BAGGIO coordinatore tecnico

    date loro carta bianca e gia’ a giugno 2021 saremmo in Champion League

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. 29agosto1926 - 4 settimane fa

    Rocco è una brava persona, ha messo tutto se stesso per voler far grande la Fiorentina e riportarla in alto. Io ci credo, penso che sia un “genuino” ma, purtroppo si porta dietro quel senso di “rivincita sul mondo” che attanaglia sempre tutte quelle persone che per farsi da sole (grandissimo pregio) hanno sofferto e si sono fidate del proprio intuito che, in alcuni campi può aver dato grandissimi risultati mentre in altri non ne danno assolutamente.
    Rocco ha pensato che se era riuscito a creare dal niente un impero economico con l’aiuto del solo se stesso, far girare una squadra di calcio sarebbe stata una barzelletta. Poi, però, si è scontrato con la dura realtà del calcio italiano, nonché della politica italiana.Ha pensato che le cose funzionassero come in USA (quante volte abbiamo sentito dire “In America sarebbe stato……In America avrebbero fatto…… In America avrebbero detto…….) ed è andato avanti con le sue convinzioni. Ha pensato che un allenatore di calcio fosse come un suo manager che avendolo responsabilizzato e protetto avrebbe prodotto il risultato desiderato. Ha pensato che esistesse riconoscenza come gli hanno dimostrato quei dipendenti che, nonostante il covid19, non ha licenziato ma incentivato.
    Questo è stato l’errore di Rocco, solo questo.
    Adesso deve cospargersi il capo di ceneri e fare il Mea Culpa e ricominciare tutto di nuovo.
    Adesso siamo tutti arrabbiati ma non per questo dobbiamo buttare tutto a mare, critichiamolo (anche se lui le critiche non le accetta, altro sintomo di debolezza mentale) e incentiviamolo a prendere quelle decisioni che non ha il coraggio (o l’umiltà?) di prendere.
    Devono fargli capire che occorre ricominciare tutto, con altre persone che sappiano gestire questo mondo e non dilettanti e ribolliti portati dentro una situazione in cui non sanno che pesci pigliare.
    Forza CAPA TOSTA che se vuoi ce la fai!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni - 4 settimane fa

      Esatta disamina delle situazione critica in cui ci ha cacciato Rocco , il nostalgico. Ci sono ruoli nel calcio che son in evoluzione. DS e Allenatore DE ZERBI E CARNEVALE ( ambedue Sassuolo) sono due esempi, devono agire in concordia e no ognuno per sé a pararsi il c++o . Iachini e Prade’ sono due anacronisti del calcio. Andavano bene 15 anni fa . Quindi come se ne verrà fuori , sicuramente cambiando tutto lo staff. Antognoni puo3 rimanere solo come uomo immagine , ma non di più.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Violapersempre - 4 settimane fa

    I giocatori vanno allenati bene.. vedi juric gasp e de Zerbi.. non ci sono scuse.. il morale lo fai creando gioco e forma fisica ottima, basi solide e autostima vengono di conseguenza. La qualità quest’anno c’è.. va solo sfruttata.. ovviamente ci vuole il personale capace di attuare tutto.. e quelli che ci sono stanno toppando allegramente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Barsineee - 4 settimane fa

    brrrr sai come si sono spaventati. Soprattutto Milenkovic, Vlahovic, Ribery e Castrovilli. Tutti veramente impauriti. Gli unici preoccupati sono Lirola che sta cercando ancora il liquido del gioco scomparso e soprattutto Amrabat che sta ancora aspettando l’arrivo di Juric come gli era stato promesso a Gennaio! Tutti gli altri giocanoooveloceeeee

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Kewell - 4 settimane fa

    te lo immagini ai giocatori quanto gliene frega di vedere Barone incavolato…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. massilotti - 4 settimane fa

    Iachini aveva chiesto un regista ed un centravanti. Cosa gli hanno comprato? Una serie di figurine di vecchie glorie dall’altissimo ingaggio. Più si porta dietro pulsar e lirola dallo scorso campionato e per non farsi mancare niente gli hanno preso un mezzo difensore di un metro e 50 buono per l’Ascoli.
    Intanto il DG va a fare i comizi sui trattori…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ilRegistrato - 4 settimane fa

      Infatti Prade’ viene subito dopo nella lista di teste che dovranno saltare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. fa_774 - 4 settimane fa

      Non scherzare…. Iachini in carriera non aveva mai neanche sognato di avere a disposizione giocatori come AMRABAT e CALLEJON !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. ForzaViolaSempre - 4 settimane fa

      hai ragione ma pulsar ha una potenza impressionante, è frutto di un’esplosione di supernova II e ruota a 70.000 km al secondo, cioè 1/5 della velocità della luce…….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Aliseo - 4 settimane fa

      Pradé in una conferenza stampa ha negato che l’allenatore ha chiesto un regista

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. apan - 4 settimane fa

    L’errore è stata la riconferma di Iachini ma non potendo tornare indietro, l’unica alternativa è l’esonero perché ormai la squadra non lo segue e non gli crede, come del resto tutti gli altri.
    Qualsiasi ma non più Iachini!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy