Commisso a Firenze: agenda fitta di impegni, dai rinnovi allo stadio Franchi

Rocco Commisso è nuovamente sbarcato in riva all’Arno, in tempo per assistere alla sconfitta-beffa della sua Fiorentina, nei supplementari

di Redazione VN
Rocco Commisso è tornato a Firenze. Il patron viola ha raggiunto la squadra in tempo per assistere dal vivo alla sfida di Coppa Italia, al “Franchi”. Prima della partita ha conosciuto Cesare Prandelli e tra i due sembra essersi confermato il buon feeling, nato per via telefonica.
Ad attendere il presidente ci sono giorni intensi in riva all’Arno, con tanti dossier da chiudere o portare avanti. Il presidente, nel prepartita, ha voluto fugare ogni dubbio circa le sue priorità: «Mi mancavano i ragazzi. Voglio stare più vicino alla squadra».
L’agenda fiorentina di Commisso, come detto, prevede molti appuntamenti. Sulle pagine di Repubblica, nell’edizione di Firenze, ne troviamo un sunto. Tre gli argomenti sul tavolo: stadio, centro sportivo e mercato. Questione di giorni la risposta del Mibact in merito agli interventi sul Franchi. Da Palazzo Vecchio si apprende che già questa potrebbe essere la settimana giusta. C’è tempo fino a metà febbraio per una risposta che è tecnica, non politica. Non subirebbe pertanto ripercussioni da un’eventuale caduta del governo.
Poi c’è il “Viola Park”. Commisso potrebbe incontrare il sindaco Francesco Casini, già tra oggi e domani. Il primo cittadino di Bagno a Ripoli ha fatto sapere che il cronoprogramma prosegue nei tempi pattuiti per la posa della prima pietra.
Dulcis in fundo il mercato: l’aspetto che interessa maggiormente i tifosi nel breve periodo. Pradè e Barone illustreranno al patron le operazioni per rinforzare la rosa. Oltre ad alcuni rinnovi, primo tra tutti quello di Dusan Vlahovic. Tante matasse da sbrogliare per Commisso che dovrebbe rimanere a Firenze fino alla metà di febbraio.
GERMOGLI PH 13 GENNAIO 2021 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI COPPA ITALIA OTTAVI DI FINALE FIORENTINA VS INTER NELLA FOTO BARONE E COMMISSO
4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tiz973 - 1 settimana fa

    Invertirei le priorità, qualche rinnovo di contratto sarebbe fondamentale sarebbe fondamentale per dare un segnale all’ambiente, poi un paio di acquisti importanti e magari a inizio febbraio l’annuncio del nuovo DS.
    Fatto questo poi si può dedicare a stadio e centro sportivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dallapadella - 1 settimana fa

    Dottore innanzitutto si rilassi e si goda la luce in fondo al tunnel, spogliatoio, classifica e gioco sono tornati al livello di decenza e permettono di pensare a un futuro di… programmazione.
    Metta accanto a Pradè/Angeloni qualcuno di veramente capace oppure li saluti con tanto di medaglina e deleghi al nuovo arrivato senza giocare lei a fare il DS.
    Si goda il Viola park e per le altre questioni si armi di pazienza e furbizia, è stato molto bravo a stanare certe manovre (Mercafir) ma ci aiuti a capire cosa veramente vuole e si renda conto che la burocrazia è più forte di John Wayne (ASL Napoli docet…).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Colosseo viola - 1 settimana fa

    Spero che in cima all’agenda ci sia l’esonero del catastrofico ds attuale e l’ingaggio di Sartori o D’amico o un qualsiasi ds capace, in modo da poter finalmente programmare il futuro e non acquistare alla cieca a tanto, per poi rivendere prima possibile a poco, galleggiando sempre nelle parti basse della classifica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. vb - 1 settimana fa

    Mi raccomando, il mercato “dulcis in fundo”….un ci s’avesse a salvare troppo presto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy