Viola News
I migliori video scelti dal nostro canale

GAZZETTA

Caso plusvalenze, nel mirino anche Osimhen. “Dichiarati 81 mln anzichè 36”

NAPLES, ITALY - SEPTEMBER 26: Visctor Osimhen of SSC Napoli during the Serie A match between SSC Napoli and Cagliari Calcio at Stadio Diego Armando Maradona on September 26, 2021 in Naples, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

La Juventus è sotto inchiesta anche a livello penale, ma altri club rischiano di essere coinvolti almeno a livello sportivo

Redazione VN

Potrebbe allargarsi a macchia d'olio la questione sulle plusvalenze gonfiate che ha già coinvolto in prima battuta la Juventus. Occhio ad esempio all'operazione che ha portato Victor Osimhen dal Lille al Napoli nell'estate 2020 e di cui parla la Gazzetta dello Sport. Ad insospettirsi sono stati in primis i nuovi proprietari del club francese che hanno girato in primavera alla procura locale i documenti sul transfer. Ad oggi però non è stata comunicato l’avvio di alcuna indagine. Per l’Equipe"il vero prezzo di Osimhen" è di 36 milioni, ben lontano dagli 81 milioni dichiarati a suo tempo.

Vanno tolti infatti 20 milioni fatturati per quattro giocatori entrati nella transazione. In primis il portiere Karnezis, valutato 5 milioni, e poi ci sono Ciro Palmieri, Luigi Liguori e Claudio Manzi ai quali sono stati addirittura rescissi i contratti. I tre militano nelle serie inferiori italiane, e per l’Equipe sono stati "sopravvalutati", considerati gli stipendi da massimo 10mila euro lordi al mese. Vanno poi sottratti 3 milioni di indennità di formazione, e 8,3 milioni di percentuale sulla plusvalenza alla rivendita, rispetto al prezzo di acquisto dal Charleroi da 12 milioni. E infine vanno tagliati 4 milioni di transazione tramite Banca Ifis. Si arriva così a 36 milioni, al netto di 6 milioni di commissioni degli agenti, congelate dal club che ha girato i documenti in procura.