La mossa tattica: Pioli e la difesa a 3 e mezzo di sousiana memoria (FOTO)

La mossa tattica: Pioli e la difesa a 3 e mezzo di sousiana memoria (FOTO)

Con Milenkovic al posto di Laurini è cambiato qualcosa (in meglio) nella difesa della Fiorentina

di Simone Bargellini, @SimBarg

Reminiscenze della Fiorentina di Paulo Sousa riaffiorano nell’attuale squadra di Stefano Pioli. L’esperienza del tecnico portoghese a Firenze ha vissuto di alti e bassi, anzi di altissimi e bassissimi, ma tra le cose passate alla storia come intuizioni positive – insieme ad esempio al lancio di Federico Chiesa – c’è l’introduzione della cosiddetta “difesa a 3 e mezzo”. Definizione by Luciano Spalletti che ammise, nei primi tempi della sua avventura bis alla Roma, di aver copiato l’idea all’allora mister viola.

Qualcosa di simile, anche se molti non se ne sono accorti, lo ha riproposto anche Pioli nelle ultime uscite (e i risultati sono stati positivi). Milenkovic e Biraghi sono i due laterali difensivi ma con caratteristiche e compiti ben diversi: il giovane serbo si accentra spesso e volentieri vicino ai due centrali, mentre l’ex Pescara ha maggiore facoltà di spinta in avanti. Quando difende la Fiorentina si schiera a 4, ma quando attacca Biraghi sale sulla linea di centrocampo. Un modulo un po’ asimmetrico perchè sulla fascia destra, mentre Milenkovic rimane bloccato dietro, si allargano all’occorrenza Benassi o Federico Chiesa, ma solo in proiezione offensiva. I due grafici che vi mostriamo qui sotto con le posizioni medie del primo tempo col Benevento e del secondo col Torino, elaborazioni ufficiali della Lega Serie A, rendono ancora più chiaro il concetto.

campetto

 

vnconsiglia1-e1510555251366

La miglior difesa è… la difesa! Quei 15 milioni (+9) investiti benissimo

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gaetano - 2 anni fa

    L’ho scritto in tempi non sospetti che Mile poteva essere il nostro Ufo. Biraghi invece mi lasciava perplesso, essendo di molto inferiore a Pasqual, Gobbi, Alonso. Biraghi sembra che stia crescendo, non bastano certo Benevento e Torino a bilanciare le tante partite mediocri, il giudizio va sospeso fino alla fine. Stiamo sempre lì, peccato per Astori uomo e giocatore, era una difesa che prima o poi si doveva assestare guardando il valore dei protagonisti, la mancanza si farà sentire. Ma la vita e lo spettacolo devono andare avanti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. c.ghilarducc_492 - 2 anni fa

    Come Prandelli che schierava sulla fascia Uijfalusi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Bargellini - 2 anni fa

      Vero, però quella Fiorentina aveva due esterni di centrocampo puri come Fiore e Jorgensen. La particolarità di questa è che è “asimmetrica” un po’ come era quella di Sousa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. c.ghilarducc_492 - 2 anni fa

    È ricollegabile alla formazione di Prandelli che schierava terzino destro Uijfalusi praticamente bloccato sulla linea dei difensori senza fluidificare sulla fascia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tifoso Viola da Bari - 2 anni fa

    Pian piano stanno uscendo a galla i meriti di Sousa, il tempo è sempre galantuomo…..Sempre forza Viola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Paolo - 2 anni fa

    Per inciso io e molti altri e’ da inizio stagione, che invocavamo la difesa a 3, finalmentePioli l’ha messa in campo. L’altra novità nelle ultime partite e’ d’aver tolto un esterno alto e aver messo Saponara centrocampista avanzato. Giusta l’analisi di Bargellini e bisogna riconoscere che Biraghi, sta facendo sulla fascia, una gran mole di lavoro. Almeno su lui, aveva visto bene Corvino, visto che glie ne ho dette di tutti i colori, giusto riconoscerne anche i meriti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy