Franchi inagibile? Il Comune: “Capienza limitata dalle misure anti-Covid”

Il comunicato di Palazzo Vecchio, in merito alla querelle sulle mancate condizioni necessarie per l’agibilità del Franchi di Firenze

di Redazione VN

Stamattina vi abbiamo raccontato le parole di Dario Nardella, a margine del sopralluogo allo stadio “Artemio Franchi”. Il sindaco, accompagnato dai tecnici del comune di Firenze, si è espresso anche sulla presunta inagibilità dell’impianto. La nota di Palazzo Vecchio in merito:

Come risulta dagli atti ufficiali del Comune che stanno circolando, l‘agibilità dello stadio Franchi è attualmente limitata a 1000 spettatori perché è questa la quota che era stata prevista dalle norme nazionali per le misure anti-Covid. Non è superiore a mille perché non c’era motivo di richiedere alla Commissione di Vigilanza un numero maggiore di spettatori. Quanto alla questione del rinnovo decennale del certificato statico dello Stadio A. Franchi, esso è stato limitato alla tribuna coperta, dove era previsto l’afflusso del pubblico. Non appena sarà superata l’emergenza sanitaria della pandemia e le norme nazionali consentiranno la riapertura degli stadi, il certificato statico sarà esteso all’intera struttura e sarà richiesta l’agibilità sulla base della documentazione disponibile al momento, rafforzata peraltro dai lavori straordinari che proprio oggi sono stati avviati e che vengono effettuati anche approfittando della chiusura al pubblico dell’impianto.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bianco - 2 settimane fa

    A me Nardella da l’impressione che gli stia sfuggendo il terreno sotto i piedi si sta appigliando a tutto ha portato tutti i suoi collaboratori allo stadio ha chiamato due muratori che passavano di lì un secchio di calce due paioline un po’ di foto e crede di aver convinto i Fiorentini ha già detto che i lavori veri inizieranno nel 2024 dato che lui in quell’anno non sarà più sindaco di Firenze che pagliacciata

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy