Da DDR a Biglia al Borja 2.0. Per il centrocampo del futuro si cerca (anche) l’esperienza

Da DDR a Biglia al Borja 2.0. Per il centrocampo del futuro si cerca (anche) l’esperienza

I nomi più gettonati per il centrocampo che verrà condividono lo stesso profilo: sono esperti, conoscono Montella e potrebbero contribuire alla costruzione del nuovo spogliatoio

di Simone Torricini, @TorriciniSimone

Il mercato della Fiorentina non è ancora entrato nel vivo, ma i tavoli più urgenti sono già stati imbastiti e le indiscrezioni delle ultime settimane rendono bene l’idea di quale siano le priorità del club. A centrocampo, forse il reparto più critico della rosa della scorsa stagione, il rompete le righe di fine stagione ha dimezzato i ranghi: se ne sono andati Nørgaard, Gerson e Fernandes, e come è noto si trova sul piede di partenza – in attesa di capire quale sarà la sua destinazione – pure Jordan Veretout. Al momento, escludendo l’atteso Zurkowski e i primavera che Montella vorrà portare con sé in ritiro, gli unici superstiti in mediana sono Dabo e Benassi. E manca, come è mancato l’anno scorso, un giocatore di esperienza, un centrocampista come fu Massimo Ambrosini a metà del primo triennio di Montella.

Non è un caso che proprio il centrocampo sia il reparto verso cui la nuova dirigenza sta rivolgendo in particolare la sua attenzione. E non è un caso neppure che i nomi più gettonati siano quelli di giocatori esperti, in là con gli anni, e proprio per questo potenziali cardini di uno spogliatoio che due anni dopo l’ultima grande diaspora – estate duemiladiciassette – si rinnoverà in molte delle sue facce. Profili ad esempio con le caratteristiche di Borja Valero, che di anni ne ha 34 e nelle ultime due stagioni all’Inter ha messo insieme 75 presenze. Sul suo conto è intervenuto ieri l’agente Alejandro Camano per smentire le voci che lo volevano lasciare Milano per fare ritorno nella sua ‘vera’ casa in Italia, e anche il Corriere della Sera lo ha ribadito sul giornale di oggi.

Oppure De Rossi, 36 anni fra poco meno di un mese. Montella e Pradè lo conoscono bene e, come raccontavamo su queste pagine pochi giorni fa, avrebbero tutti gli argomenti per convincerlo a transitare per almeno un anno da Firenze e dare il suo contributo nel nuovo spogliatoio. Infine Lucas Biglia: meno datato degli altri due (33 anni compiuti lo scorso gennaio), l’argentino da un biennio al Milan senza infamia e senza lode in cui ha avuto l’occasione di incrociare proprio Vincenzo Montella – che avrebbe proposto recentemente di fare un tentativo per portarlo a Firenze. Il filo conduttore è immediato: tra Borja Valero, De Rossi e Biglia c’è anzitutto il tecnico viola. Che deve ricostruire da zero, o quasi, il centrocampo che verrà, e vorrebbe irrobustirlo con un elemento d’esperienza che possa dargli una mano.

Commisso: “Parlerò con Chiesa, voglio tenerlo”. Il sogno scudetto, Bati ed i retroscena sull’acquisto della Fiorentina

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. lapis - 5 mesi fa

    Anche??? la ribollita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Larry_Smith - 5 mesi fa

    Ci vorrebbe uno alla Claudio Merlo… sapete se si allena ancora?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. VV - 5 mesi fa

    Ddr voto 1
    Borja voto 2
    Biglia voto 2

    Se li prendevano i dv un si finiva piu’ li potrebbe prendere commisso sono dei grandi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-2073653 - 5 mesi fa

      Condoglianze. Quanto durerà ancora il lutto?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bati - 5 mesi fa

    Cosa mai ci farebbe un non centrocampista dai piedi non buoni come Benassi in un centrocampo dai piedi buoni?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy