Viola News
I migliori video scelti dal nostro canale

news viola

Comunicato congiunto di Italia Nostra e altre associazioni sul Viola Park

Bagno a Ripoli (FI), presentazione e piantumazione del primo ulivo al Viola Park ACF Fiorentina 2021-02-05 © Massimo Sestini

"A Bagno a Ripoli, la partecipazione, una questione di democrazia"

Redazione VN

Con una nota congiunta le associazioni sottoelencate parlano del Viola Park e annunciano la nascita di un Coordinamento. Questo il comunicato dal titolo "A Bagno a Ripoli, la partecipazione, una questione di democrazia", che vi proponiamo in versione integrale:

Desideriamo informarvi che da alcune settimane si è costituito un Coordinamento fra le associazioni Italia Nostra, Legambiente e Rete dei Comitati per la Difesa del Territorio di Firenze, Firenzeintralice APS e Comitati Cittadini di Bagno a Ripoli.

- Scopo del Coordinamento è quello di invitare l'Amministrazione comunale, e il Consiglio nel suo insieme, ad un cambio di passo, favorendo e realizzando, nella stesura degli strumenti urbanistici che trasformeranno il territorio – Bene Comune – la partecipazione dei cittadini.

- Notiamo, infatti, con grande rammarico, che proprio l’assoluta mancanza di partecipazione, relativamente alle decisioni sul Centro Sportivo della Fiorentina, è stata la causa che ha ingenerato un contenzioso giudiziario.

- Non è certo quello che ci si attendeva da un'Amministrazione che è stata presa ad esempio per la stesura del Piano Strutturale del 2015, secondo la Legge Regionale n. 46/2013 sulla partecipazione.

- Per decenni la democrazia nel nostro Paese è stata esercitata non soltanto nel momento e mediante le elezioni, ma soprattutto attraverso la partecipazione dei cittadini e siamo convinti che ciò contribuisca a mantenere vivo il loro interesse per la cosa pubblica.

- Se le scelte fossero state davvero condivise, si sarebbero potuti evitare contenziosi giudiziari e velocizzato l’esecuzione dei progetti.

- Non avremmo assistito all’indecoroso scatenarsi di reazioni di disprezzo, odio e minacce scomposte da parte della tifoseria calcistica, né alle censurabili dichiarazioni dello stesso Sindaco, sia riguardo al ricorso che all’associazione Italia Nostra che, a nostro avviso, meriterebbero di essere perseguiti nelle sedi che il nostro ordinamento giudiziale prevede, indegne delle tradizioni democratiche di Bagno a Ripoli.

- Ci aspettiamo e ci auguriamo che episodi del genere non abbiano a ripetersi allorquando il TAR avrà emesso la pronuncia sul ricorso, qualunque sia il suo esito.

- Il nostro Coordinamento lavorerà, a supporto della popolazione, per assumere un ruolo attivo e propositivo nelle scelte urbanistiche di Bagno a Ripoli, affinché siano effettuate in modo trasparente e pubblico.

- Siamo tutti consapevoli, infatti che le scelte che riguardano una comunità ed il territorio in cui essa vive, assumono OGGI un valore ancora più importante e determinante del passato perché sarà l’insieme delle nostre azioni a condizionare, nel bene e nel male, le risorse irriproducibili ed essenziali per la vita del pianeta e la sopravvivenza delle future generazioni.

tutte le notizie di