Commisso su Pessina: “Con altre intromissioni saltano Centro sportivo e stadio, vi spiego”

Commisso su Pessina: “Con altre intromissioni saltano Centro sportivo e stadio, vi spiego”

Le parole del patron gigliato

di Redazione VN

Rocco Commisso grande protagonista durante il Pentasport di Radio Bruno Toscana, queste le sue dichiarazioni in merito alle ultime dichiarazioni del soprintendente di Firenze, Andrea Pessina:

Non ci volevano le sue parole, sono dispiaciuto. Non deve dire che i proprietari delle squadre di calcio o di un’impresa guadagnano troppo. Lui ha esperienza nel suo campo, ma come si permette di parlare dei miei ricavi. Dico una cosa sul centro sportivo, prima del quale avevamo parlato dello stadio su cui ci è stato messo il veto. Prima di comprare i terreni per il centro sportivo, siamo andati da Pessina che ci disse di proseguire. Abbiamo accontentato la Soprintendenza con tutti i lavori del caso, ma poi hanno voluto di più. I tempi si sono allungati per colpa del Covid-19. A luglio mi hanno detto che avremmo posticipato l’incontro. Dopo di che mi hanno detto che i lavoratori potevano iniziare a settembre, ma se Pessina non sarà di parola non realizzerò il centro sportivo. Se sono disposto a rinunciare? Non accetto che qualcuno mi dica che dobbiamo cambiare altre cose. Abbiamo speso molti più soldi del previsto. Tengo al progetto del centro sportivo. Voglio mantenere questa promessa. No al nuovo stadio se rinuncio al centro sportivo? Sì, i tifosi devono capire che questa è una cosa seria. In Italia c’è una specie dittatura di poteri, non è possibile. I funzionari come Pessina devono rispettare la politica. Perché ha dette certe frasi sugli emendamenti?.

Commisso: “Fair Play non ci consente di andare in Champions League. Contento di Pradè, Iachini ha meritato la conferma”

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. stefano.panicacc_11517610 - 2 mesi fa

    Pessina dovrebbe chiedersi una cosa: “Il suo bello stadio Franchi, lo avrebbe fatto costruire lui, se fosse stato soprintendente a quei tempi?”
    I monumenti oggi ci sono perché ai tempi in cui li hanno costruiti, non c’erano i sovrintendenti !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Cri - 2 mesi fa

    Per arrivare ai commenti c’è da girare un quarto d’ora la ruota della fortuna…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Powerfons - 2 mesi fa

    Ma a questo Pessina… non gli fischieranno un po’ le orecchie? Deve veramente sperare che gli accidenti non funzionino eh!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. magicdolc_8322107 - 2 mesi fa

    Incredibile!!Stiamo avendo l’ennesima riprova di come politica,politici,parolai ed altre persone del genere,oltre a cavilli su cavilli,riescono a far passare la voglia ad investitori esteri in Italia….Roba da matti..Poi gli stessi saranno quelli che diranno che non c’è sviluppo in Italia per mancanza di investitori…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. CippoViola - 2 mesi fa

    Certo che per fare uscite del genere il soggetto ne deve avere di santi in paradiso. Mai visto un burocrate fare commenti del genere su questioni parlamentari e poi criticare gratuitamente una classe imprenditoriale (quella del calcio), tra l’altro facendo osservazioni pure piuttosto stupide.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Powerfons - 2 mesi fa

      Non ci voleva Rocco Commisso qui, ci voleva don Vito Corleone. “Ho sentito che in certi uffici adorano il cemento armato… Potrei anche accontentarli, chissà”. Sarebbe una scena cult!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. D612V - 2 mesi fa

    pessina ti merita stare zitto perchè mi sa che tu stai andando a “sbattere i muso” forte forte forte!…ma parecchio forte che si sentirà lo stonfo fino a roma!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vecchio briga - 2 mesi fa

      Purtroppo non funziona così, Pessina se non cambiano le leggi ha il potere di bloccare i lavori e il muso lo sbatte Commisso che perde i soldi spesi per i terreni e soprattutto lo sbattiamo noi tifosi che vediamo sbriciolarsi forse l’ultima possibilità di crescita della nostra Fiorentina. Mi dispiace dirtelo, perché fosse per me lo manderei a quel paese il Pessina, ma allo stato attuale questo ragionamento non vale nulla. Commisso deve confrontarsi con le leggi italiane e soprattutto coi poteri. Questo non è il paese del fast fast, questo è il paese dove per fare qualsiasi cosa servono passaggi lunghissimi, snervanti e spesso costosissimi. Sono un piccolo, direi anzi piccolissimo imprenditore, ti assicuro che è un delirio inimmaginabile per chi non si è mai confrontato con certe situazioni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mario - 2 mesi fa

      Non sbatte nessun muso perché in questa regione, provincia o comune che sia c’è una rete di clientelismo coltivato da 50 anni e se tutti non mangiano la loro parte non si muove foglia… che c’azzecca un americano che vuol fare business?… è la forza della democrazia e del voto “libero”. Prima di criticare i politici e la politica farsi un bella riflessione, sono lì perché il popolo ce li ha messi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. batigol222 - 2 mesi fa

        Bravo. E siccome il popolo siamo noi, facciamoci sentire. Minacciamo di disertare le elezioni (e facciamolo in caso) se non si danno una mossa e iniziano ad operare per il nostro bene e lo sviluppo. Ce li abbiamo messi noi lì, hai detto benissimo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Daniele72 - 2 mesi fa

        Sante parole Mario .

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy