Barone: “Non abbiamo paura. Franchi? Se non ce lo faranno rifare, dovrà farlo il Comune”

Le parole del direttore generale viola: “Lavoriamo sul mercato, ma testa solo al Genoa. Stadio? Serve la sicurezza dei tifosi. Forse pagheremo solo l’affitto”

di Redazione VN

Joe Barone, direttore generale della Fiorentina, è intervenuto ai microfoni della TGR Rai Toscana. A seguire vi proponiamo le sue dichiarazioni: “Peccato non avere i tifosi allo stadio, la nostra curva è molto particolare e ci manca. I risultati non ci sono ed il momento è molto difficile, ma non abbiamo paura. Inutile parlare singoli, come gruppo ci siamo entrati e come gruppo ne usciremo. L’ordine da parte mia allo staff è di non parlare del mercato di gennaio, stiamo valutando tutte le possibilità con l’area scouting ma ora la cosa importante è solo la partita contro il Genoa. Stadio? Chi parla del Franchi probabilmente non ci è mai stato, la cosa importante per noi è la sicurezza dei tifosi. Siamo disposti a fare lo stadio se nuovo, altrimenti, se il Comune vorrà intervenire sul suo impianto, continueremo a pagare l’affitto”.

Joe Barone

18 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. viola viola - 1 mese fa

    In tutti i casi il Franchi va restaurato e messo in sicurezza con servizi a norma e copertura: domanda se non lo fa la Fiorentina chi interviene sul Franchi? Come e possibile che tutti questi architetti si interessano solamente adesso dello stato del Franchi? Dove erano quando i Della Valle presentarono il primo plastico? . . .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. andrea333 - 1 mese fa

    Nessun giornalista che domanda se l’opzione Campi è sempre valida .Ieri il sindaco di Campi disse di si, ma I dirigenti della Fiorentina è tanto che non ne parlano e sembrano concentrati solo sul Franchi. Sarebbe molto importante saperlo perché dal nuovo stadio passa il futuro della Fiorentina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vecchio briga - 1 mese fa

      Non volete capire che Campi significa anni solo per tutta una serie di pratiche che concernono regione, area metropolitana e due comuni. Fosse stato come Bagno a Ripoli per il centro sportivo probabilmente c’erano già le ruspe. Commisso ha 70 anni e non vuole attendere troppo, è comprensibile. Purtroppo siamo un paese che non vuole crescere. Poi magari si concretizza l’opzione meno chiacchierata, che è quella di fare lo stadio al posto del Ridolfi, il comune rimette la pista al Franchi e va avanti col progetto che pare utopistico di una cittadella dello sport a Campo di Marte per candidare Firenze alle Olimpiadi..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paolo - 1 mese fa

    Ormai questa è diventata una vera e propria guerra nei confronti di Commisso da parte del comune di Firenze, della Soprintendenza, dell’Ordine degli architetti, del Ministero dei Beni Culturali e di altri soggetti e poteri vari.

    Dalle parole di Barone, anche a me sembrerebbe trapelare un abbandono dell’ipotesi Campi Bisenzio per il nuovo stadio, però non so se davvero sarà così oppure quelle stesse parole siano soltanto una risposta per le rime ai vari soggetti che ho elencato qui sopra.

    Comunque, a questo punto (siccome il tema “stadio” è troppo importante per il futuro della Fiorentina e dei suoi tifosi), concordo pienamente in chi (nei commenti a questo articolo) auspica che sarebbe l’ora di sotterrare l’ascia di guerra da parte di entrambe le fazioni, sedersi quanto prima ad un tavolo, soprattutto fra Commisso e Nardella, e cercare di risolvere una volta per tutte questo annoso problema che finora ha soltanto fatto danni alla Fiorentina, ai tifosi viola e alla città di Firenze e che se, questa volta non si dovesse riuscire a risolvere, farebbe danni ancora più gravi per il futuro della Fiorentina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. chenco - 1 mese fa

      Forse non ci arrivo per limiti intellettivi, ma a me non sembra una questione tra Commisso e Nardella…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Eziogòl - 1 mese fa

    MAI UNA PAROLA SULLA SQUADRA. MAI. MAI PARLARE DI CALCIO. A LORO INTERESSA SOLTANTO FOTTERVI I SOLDI. Ma lo sapete che uno stadio di proprietà di commisso, potrebbe diventare una delle tante “case” che ospitano la Juventus (squadra con più seguito ovunque,in Italia, tranne Napoli) in un ampio progetto di portarla in giro per la penisola? Un pò come se fosse la Nazionale? Lo sapete,questo? Ci avete mai pensato? Lo stadio è di chi ci mette i soldi? (Giustissimo.. se però…) Bene, allora se è di chi ci mette i soldi il proprietario potrà benissimo nominarlo con un nome che ricorda la Juventus e farci giocare/allenare, la Juventus. E farne anche una sede di vendita di materiale, gadgets, prodotti del club bianconero. Riflettete!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mediacom Corporation - 1 mese fa

      Pessimo trollaggio, si può fare di meglio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ilRegistrato - 1 mese fa

        Peggio del pessimo trollagio c’e’ il perderci tempo, io i commenti di Eziogoal li salto a pie’ pari.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Eziogolgobbo - 1 mese fa

          No ti prego, altrimenti la mia esistenza non ha senso!!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Tato - 1 mese fa

          Se Eziogol fosse un politico, dai i non mi piace presi, avrebbe già fatto la fine di Luigi XVI

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. MASSIMO DUBAI - 1 mese fa

      MA NON HAI MEGLIO DA FARE CHE SCRIVERE I TUOI INSULSI COMMENTI SU VIOLANEWS? MA VAI A SCRIVERE SU RUBENTUS GOBBI.COM

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. violaebasta - 1 mese fa

      Più che troll mi sembra SBRONZ, ahahaha!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Tato - 1 mese fa

      Va benissimo lasciarlo com’è. Tanto in una giornata come quella di oggi, si può stare a bagnarsi nel 2020 , come se nulla fosse. Che schifo quegli stadio coperti dove vedi la partita all’asciutto o dove non ti picchia il sole addosso. Meglio avere i gradoni pieni di neve e non far affluire spettatori per paura del ghiaccio presente nelle curve. Lo spettatore a Firenze per salvare il monumento, può patire tutto questo. Ci sarebbe da salvaguardare anche l’ambiente e ridurre drasticamente l’inquinamento, ma non credo che siano molti a tenere i termosifoni spenti, quando fa freddo, per ridurre le emissioni di CO2

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Superviola - 1 mese fa

    Ora per favore non parlate più di Campi.
    Da questa risposta di Barone lo capisce anche un bambino che oggi la scelta è tra il rifacimento del Franchi o nulla.
    Penso anche che i rapporti tra Commisso e Nardella siano di minimi termini, e questo è un peccato perché il Comune e Commisso potrebbero cofinanziare entrambi il restyling del Franchi, come è successo a Bologna.
    Commisso spenderebbe molto meno e forse potrebbe accettare delle soluzioni meno drastiche ma che comunque permettessero di fare un nuovo stadio moderno e confortevole.
    A volte basta sedersi intorno ad un tavolo e seppellire l’ascia di guerra…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Violaviola - 1 mese fa

    Ma basta!!!!!!!!!!! Pensare alla squadra vi sembra brutto, no perché caro il mio barone, se si retrocede il tuo stadio nuovo sai dove vai a costruirlo vero?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BVLGARO - 1 mese fa

      è quello che ha detto lui, pensare solo alla partita col Genoa al mercato di Gennaio ci pensa lo scouting. Purtroppo il Covid ha messo in ginocchio tutta la serie A e la Fiorentina paga gli stipendi puntualmente. In ogni caso già a Gennaio ci sarà una mezza rivoluzione, secondo me Commisso è incaxxato nero

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. fabio1926 - 1 mese fa

      Ma facci capire.
      Tu se inizi a pensare di comprare l’auto nuova, poi non riesci più a lavorare, non sai più farti la barba ecc…
      Insomma, se pensi a una cosa non sei più capace di farne un’altra?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ben hur - 1 mese fa

        Caz..ha detto?Te t’ha picchiato la testa cadendo dal seggiolone!

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy