Casini: “Ora sono io a dire fast fast fast a Commisso. Grazie alla Soprintendenza: 10 mesi tempistica impensabile”

Le parole di Francesco Casini

di Federico Targetti, @fedetarge

Francesco Casini, primo cittadino di Bagno a Ripoli, è fra i conferenzieri presenti nel giorno in cui viene svelato il progetto definitivo per il nuovo centro sportivo viola.

In questa giornata molto importante presentiamo il progetto definitivo del Centro Sportivo. Il 28 novembre dello scorso anno abbiamo visto il progetto preliminare, e con tutto quello che c’è stato con la pandemia di Covid, è un risultato straordinario. Nonostante la sospensione dettata da ordinanze e DPCM, in 10 mesi approveremo la variante urbanistica che un anno fa sembrava un sogno e un progetto appena avviato. Non è solo un grande progetto sportivo e un progetto per Bagno a Ripoli, Firenze e la Toscana, ma può rappresentare l’esempio di come le Pubbliche Amministrazione possano collaborare insieme per arrivare a traguardi importanti e al rilancio di questo paese in una fase delicata. Le cose si possono fare: in Italia, in Toscana, oggi è una grande giornata perché un’idea sta diventando realtà. Questo risultato ha dei protagonisti, tutto nasce dall’impegno di tanti qui presenti come il presidente Rocco Commisso. Lo voglio ringraziare per la fiducia data a Bagno a Ripoli, a me e al mio staff, investirà 75 milioni qua come nessuno prima ha fatto. Voglio dire grazie a sua moglie Catherine, a suo figlio Joseph, a Joe Barone, all’assessore Vincenzo Ceccarelli e tutto l’assessorato della Regione Toscana, alla Soprintendenza. Sì, perché abbiamo aperto dei tavoli di lavoro che hanno portato ad un’elaborazione del progetto e ad un miglioramento: le cose si possono fare, con attenzione al paesaggio, e la Soprintendenza ha dato un contributo fondamentale. Non è solo un progetto ad alta sostenibilità, ma si parla anche di architettura e attenzione ai dettagli. E poi devo ringraziare l’architetto Casamonti e lo studio Archea, ha fatto un progetto che resterà come un esempio da seguire. Commisso ha sempre detto che bisogna lavorare fast fast fast: abbiamo fatto il nostro lavoro, adesso tocca a lui e ad ACF Fiorentina, anche perché il mio mandato durerà altri 3 anni e mezzo. Stavolta tocca a me dire ai viola di fare fast fast fast.

Poi il sindaco ha risposto anche alle domande dei giornalisti presenti:

Italia popolo dei no, le acque si sono calmate? Qualcuno ancora è fautore di un ritorno ad un’agricoltura che non c’è più. La Fiorentina recupererà anche un’area dismessa, piena di rifiuti e abbandonata. Ringrazio il Consiglio Comunale perché ha accelerato i tempi, poi avremo velocemente il permesso a costruire: è evidente a tutti che il progetto è di una qualità tale che porterà maggior consenso, oggettivamente vedo entusiasmo e orgoglio di portare la Fiorentina a Bagno a Ripoli.

CLICCA per leggere le parole di Rocco Commisso

Dopo Casini ha parlato anche l’assessore uscente all’Urbanistica, Vincenzo Ceccarelli:

Il 26 settembre dello scorso anno la conferenza di copianificazione ha dato l’ok all’utilizzo di questi 22 ettari, che sono gravati da un vincolo paesaggistico il quale ha richiesto particolare attenzione per una corretta trasformazione. Nessuno vuole musealizzare, ma servono corretti comportamenti e regole attraverso un confronto di tavoli tecnici che hanno coinvolto Comune, l’architetto, la regione e la Soprintendenza. Tavoli che hanno portato a una soluzione progettuale, che a mio avviso non solo rispettano il vincolo ma valorizzano anche l’area. Così non solo soddisfiamo gli obiettivi della Fiorentina ma anche del nuovo paesaggio. Auguro ogni successo sportivo alla Fiorentina e che potremo tutti apprezzare questo progetto che rispetta obiettivi e tutele espressi.

CLICCA per leggere l’illustrazione dell’architetto Casamonti

Francesco Casini
GERMOGLI PH
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy