Perinetti a VN: “Iachini merita un’opportunità. Belotti un Gattuso centravanti, Cairo e Commisso…”

Perinetti a VN: “Iachini merita un’opportunità. Belotti un Gattuso centravanti, Cairo e Commisso…”

La nostra intervista al direttore: “Chi conosce il calcio come Iachini, lo conosce a tutti i livelli. Kouamé? Se lo immagino al fianco di Belotti…”

di Redazione VN

Iachini, Pradè e, più in generale, il futuro della Fiorentina. Sono solo alcuni dei temi toccati nel corso della nostra chiacchierata in compagnia del direttore Giorgio Perinetti, ex uomo mercato di Palermo e Genoa che in passato ha avuto non solo modo di lavorare con mister e d.s. viola, ma anche di “lanciare” Belotti e Kouamé. Queste le sue parole:

Come vede la Fiorentina del futuro alla luce delle ambizioni della proprietà e del recente rinnovo di Pradè?
“Alla Fiorentina è arrivata una proprietà solida e entusiasta, con i Della Valle si erano perso stimoli. Commisso dimostra sempre la volontà di costruire qualcosa d’importante e Barone dà modo alla proprietà di essere sempre presente. Sono presupposti importanti. Pradè conosceva già Firenze, con un bel gesto hanno gli hanno rinnovato il contratto in un momento di difficoltà ma così danno anche continuità al progetto. C’è la volontà di migliorare questa squadra mantenendo i giovani già in rosa e cercandone altri”.

In città il dibattito è aperto: giusto continuare con Iachini in panchina? Commisso sembra avere pochi dubbi a riguardo, ma due giorni fa Pradè ha precisato che una decisione definitiva sul futuro del tecnico verrà presa a fine stagione.
“Iachini conosce bene l’ambiente e conosce bene le dinamiche fiorentine, non è poco. Ha vinto campionati di Serie B, di cui uno con me a Palermo. E’ una persona seria e pragmatica. Il calcio non gli ha dato la possibilità di esprimersi a livello medio-alti ma chi conosce il calcio ne conosce tutti gli aspetti. Ci tiene ed è professionale, giusto dargli un’opportunità”.

Passiamo al mercato, le faccio un nome accostato alla Fiorentina nelle ultime ore e che lei conosce molto bene: Andrea Belotti. Come lo vedrebbe in viola?
“Belotti è un pezzo di cuore per me. Mi sono rimasti impressi il suo spirito di sacrificio, la qualità e il carattere. Ha tante qualità tecniche, lo vorrei sempre nella mia squadra. Sa trovare la porta in ogni modo ed è dotato di una generosità straordinaria. E’ un Gattuso che gioca centravanti, chi lo prende fa un grande affare”.

E’ un affare alla portata della Fiorentina secondo lei?
“E’ molto difficile esprimere un giudizio sul mercato visto quello che sta succedendo, i comportamenti delle società saranno diversi dopo questa pandemia. Certo è che Cairo è un grandissimo presidente e sa come muoversi, ma Commisso ha tanta voglia”.

Tanta voglia l’avrà sicuramente anche Christian Kouamè, altro giocatore che lei conosce molto bene…
“Al Genoa era pronto per il salto, parliamo di un giocatore già affinato. Non a caso era già stato ceduto in Premier prima dell’infortunio. Ha grande generosità e capacità di movimento, è una manna dal cielo per il compagno di reparto ma non è solo una spalla. E’ tra i giocatori che vince più duelli aerei ed ha margini di miglioramento. Se dovessi pensare a Kouamé e Belotti… beato chi li ha”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy