Goldoni a VN: “Italdonne, che sorpresa! Alia Guagni, un’amica. La chiamo 300k, ecco perché”

Goldoni a VN: “Italdonne, che sorpresa! Alia Guagni, un’amica. La chiamo 300k, ecco perché”

Eleonora Goldoni, stella del calcio femminile, esprime in esclusiva a Violanews.com il suo pensiero sulla Nazionale impegnata nei Mondiali in Francia e ci racconta qualche aneddoto sulla nostra Alia Guagni

di Filippo Angelo Porta, @FilippoPorta

Eleonora Goldoni, per gli amici Leo, è uno dei prospetti più interessanti del calcio femminile. Classe ’96, attaccante, con una lunga esperienza in America (la patria del calcio femminile per intenderci) in qualità di giocatrice delle Lady Bucaneers alla East Tennesee State University. Dove peraltro si è appena laureata (con lode) in Scienze dell’alimentazione. Con lei abbiamo commentato le prestazioni della Nazionale impegnata nei Mondiali in Francia[CLICCA] e ci siamo fatti raccontare anche qualche aneddoto sulla nostra Alia Guagni, capitano della Fiorentina Women’s. Ecco le sue dichiarazioni in esclusiva a Violanews.com:

Sulla Nazionale impegnata ai Mondiali: “L’Italia è stata sicuramente la sorpresa del torneo. E’ andata ben oltre i timori iniziali, giocando un buon calcio. La nostra ct, Milena Bertolini, ha dato alla squadra una buona impostazione: tatticamente siamo molto ordinate. Sono convinta che continueremo a sorprendere e a fare bene anche nel prosieguo del torneo”.

Sul prossimo avversario delle Azzurre agli ottavi: “Per me troveremo la Cina, perché per affrontare la Nigeria dovremmo sperare in tutta una serie di combinazioni molto complicate da realizzarsi. La Cina, già finalista nel ’99, è una buona squadra, con giocatrici veloci, rapide e tecniche. Però, come dicevo, sono molto fiduciosa: le nostre ragazze continueranno a stupirci. Abbiamo grande carattere”.

Sui tanti italiani che seguono la Nazionale femminile ai Mondiali: “7,3 milioni di telespettatori durante l’ultima partita con il Brasile è una cifra pazzesca. Si è creata una bella alchimia tra i tifosi e la squadra. Siamo una grande famiglia. Per questo sono molto fiduciosa: le ragazze percepiscono questo affetto”.

L’aneddoto sulla nostra Alia Guagni: “Alia è stata la prima ragazza con cui ho legato nelle mie prime esperienze con la Nazionale maggiore. E’ una calciatrice fortissima, una delle più forti di sempre per me, ma al contempo è molto umile. Ti racconto un simpatico aneddoto su di lei: le prime volte lei ironizzava sul fatto che io fossi molto attiva sui social. Scherzavamo su questo aspetto, allora ho cominciato a chiamarla 300k. 300k non erano però i follower su Instagram, ma i chilometri che macinava ad ogni allenamento. Io davvero non so come faccia a correre così tanto: glielo invidio davvero”.

Sull’amore della Guagni per la sua Fiorentina: “Vuole diventare una bandiera della Fiorentina femminile. Ed è indicativo questo aspetto: mentre nel calcio maschile le bandiere stanno ormai scomparendo, guarda il recente caso di Totti con la Roma, in quello femminile, invece, è all’opposto. Ci sono sempre più calciatrici che si vogliono legare alle proprie squadre. Alia è una di queste. E’ bellissimo”.

Sul suo futuro: “Se vado a giocare nell’Inter femminile? Sono state scritte tante cose in questi giorni, ma ancora nulla è deciso. Abbiamo varie ipotesi, nelle prossime settimane lo dirò. Però tornerò in Italia, questo è sicuro”.

Mondiale femminile – La griglia degli ottavi è completa. L’Italia affronterà la Cina

 

https://www.violanews.com/altre-news/obiettivi-viola-occhio-alla-concorrenza-per-lazzari/

https://www.violanews.com/news-viola/lex-viola-mi-aspetto-qualche-botto-di-mercato-veretout-fara-panchina-ovunque-andra/

https://www.violanews.com/esclusive/toni-a-vn-simeone-non-e-una-prima-punta-ecco-cosa-serve-chiesa-va-rispettata-la-sua-volonta-su-muriel-e-commisso/

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy