Dopo l’allenatore, l’altra priorità: sciogliere finalmente il nodo-centravanti

Dopo l’allenatore, l’altra priorità: sciogliere finalmente il nodo-centravanti

La Fiorentina quest’estate non può permettersi di sbagliare nuovamente la scelta per quanto riguarda uno dei ruoli più delicati

di Alessandro Bracali, @alebracali9
Fiorentina-Cutrone-Vlahovic

Sbagliare è umano, per carità, ma perseverare è diabolico. Ecco perché la Fiorentina presto, prestissimo, sarà chiamata ad una scelta importantissima che non potrà toppare: a chi affidare la maglia viola numero 9 [CLICCA]  della prossima stagione. Perché è dai gol che passano gran parte delle fortune di una squadra di calcio. E a Firenze abbiamo visto nelle ultime due stagioni quanto sia mancata una figura di riferimento là davanti, nel cuore dell’area di rigore avversaria. Le quattordici reti messe a segno da Giovanni Simeone – senza rigori – nell’annata 2017/2018 rappresentano l’ultimo risultato decente a livello di segnature individuali per quanto riguarda gli attaccanti viola più recenti (l’anno scorso il capocannoniere fu addirittura Marco Benassi…). Grazie alla tripletta messa a segno contro il Bologna, Federico Chiesa ha toccato la doppia cifra – 10 gol – e domenica a Ferrara può anche aumentare il proprio bottino, ma non basta. Quest’anno c’è stata troppa confusione nel reparto avanzato ed è mancata una linea logica che legasse le varie scelte fatte in sede di mercato, da Pedro a Boateng nella prima parte, per arrivare poi a Cutrone e Kouamé (che centravanti, comunque, non è), i quali rappresentano comunque due ottimi investimenti. Ma per il presente serve maggiore affidabilità. Non si chiede di spendere chissà quali cifre, ma di trovare il profilo giusto, basti pensare che uno come Ciccio Caputo, ad esempio, di gol col Sassuolo ne ha segnati 21 in questo campionato. Discorso a parte merita Dusan Vlahovic: considerato da tutti un potenziale crack, dotato di mezzi fisici e tecnici impressionanti, è scivolato nelle gerarchie di Beppe Iachini nelle ultime settimane, diventando, in pratica, la terza scelta, alle spalle dei già citati Cutrone e Kouamé. Merita sicuramente una valutazione approfondita di dirigenza e staff tecnico: forse andare a giocare un anno in prestito con continuità, se a Firenze non può farlo, potrebbe essere la scelta migliore.

LA CONFERMA DI IACHINI: COME CAMBIA ADESSO IL MERCATO VIOLA

-> Lo strano record della Juventus: negli ultimi 23 anni 24 titoli in Italia e nessuno in Europa (primato negativo)

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Daniele72 - 2 settimane fa

    Io non lo darei mai via nemmeno in prestito , ma se fanno questa mossa , mai come sento dire alla Roma , se succede vado a fare il flash mob sotto casa di Pradè.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. batigol222 - 2 settimane fa

    Il grosso problema è che in un anno non abbiamo capito se vlahovic può essere l’attaccante per la prossima stagione. A me sembra acerbo e come dicono quasi tutti andrebbe mandato a giocare, vero però che non ha praticamente mai avuto una squadra che giochi all’attacco, rimasto bloccato in una stagione troppo complicata per rischiare.
    Adesso non si sa che fare perché gli andrebbe rinnovato il contratto, ma forse non lo vorrà rinnovare perché non ne ha motivo. Andrebbe mandato in prestito, col rischio che cresca definitivamente in un modulo più offensivo (non è detto che Iachini continui con il 5-3-2).
    Alla fine propendo comunque per mandarlo in prestito, sperando di non perderlo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy