Quei bravi Ragazzi, la nuova Fiorentina ha carattere

Quei bravi Ragazzi, la nuova Fiorentina ha carattere

I viola Boateng e Dragowsky e le suggestioni Balotelli e Nainggolan, tutti accomunati dalla loro esuberanza dentro e fuori dal campo

di Alessandro Lilloni, @AleLilloni

Come promesso da Pradè e Commisso sta nascendo una nuova Fiorentina, rinnovata nella dirigenza e nell’organico. Terminata l’era dell’autofinanziamento e delle plusvalenze obbligatorie, la città è tornata a respirare calcio. Il boom abbonamenti, che si sta protraendo oltre ogni più rosea aspettativa, lo conferma. Con i primi colpi messi a segno e l’arrivo in città del jolly Boateng e dell’esterno iberico Lirola, si delineano le rinnovate prospettive. Rispetto al passato colpisce l’esuberanza e la personalità dei profili ricercati, soprattutto se comparati alla viola dei “bravi ragazzi”, costruita proprio dal direttore romano nel lontano 2012.

Kevin Prince è sempre stato sotto i riflettori, nota la lite con il fratello Jerome del 2010 in cui dichiarò «Siamo fratelli di sangue, invece mi attacca. Da oggi le nostre strade si dividono». Maggiormente rilevante a livello di cronaca è l’episodio avvenuto durante un’amichevole contro la Pro Patria, in cui scagliò un pallone in tribuna dopo aver subito ululati razzisti. Un gesto per il quale sarà premiato alle Nazioni Unite nel corso della giornata mondiale contro il razzismo. Parallelamente alla carriera sportiva ha rilasciato video e tracce rap e non di rado è finito sulle cover dei magazine a causa della love story con la bellissima showgirl Melissa Satta. Anche l’estremo difensore Bartłomiej Drągowski, seppur in tono minore, non le manda certo a dire. Durante la sua permanenza ad Empoli era diventato uno dei punti di riferimento dello spogliatoio per simpatia ed eccentricità. Presto si farà conoscere in positivo anche dai fiorentini. In ottica mercato alcuni nomi accostati dai media alla Fiorentina, come Balotelli e Nainggolan non farebbero altro che accrescere la quota di genio e sregolatezza in rosa. Una miscela chimica dal destino incerto pronta ad esplodere in ogni momento ma, in caso di successo, con potenzialità tecniche elevatissime.

Ritiro Montecatini: cambia il programma

Carriera e caratteristiche tecniche di Radja Nainggolan

 

 

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. iacopoa_14043400 - 3 mesi fa

    Speriamo sia bravo quanto è tamarro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Lipilini (Sarzana) - 3 mesi fa

    In riferimento all’articolo in generale e non sui nomi accostati alla VIOLA io da sempre penso che il calcio non è uno sport per bravi ragazzi, ogn’uno dei giocatori ha dentro quella stronzaggine che gli ha permesso di emergere fra i milioni di atleti, ovviamente quando si arriva a certi livelli come in tutti i campi della vita si trovano persona più tignose e con le palle fumanti e a quel punto devi lottare o ti sotterrano! Quindi il fioretto è bello ma ci vuole anche tanta garra ,da no confondere alla maleducazione estrema e l’imbecillità dimostrata da soggetti che poi si sono persi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. viola58 - 3 mesi fa

      …appunto, uno che picchia la fidanzata non ha diritto di cittadinanza a Firenze e di ruolo nella Fiorentina. Alla larga….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Etrusco - 3 mesi fa

    Ma basta con queste suggestioni di fantamercato! Naingolann costa quanto un paese intero e poi c’è il suo lauto stipendi, Balo da lasciare dove è per salvaguardare lo spogliatoio e poi dopo 10 anni della sua carriera ancora non mi è chiaro se è capace come punta centrale o laterale…forse nessuno dei due.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy