Calcio e coronavirus: tutte le notizie di giornata

Calcio e coronavirus: tutte le notizie di giornata

Le notizie di giornata sul mondo del calcio correlate al coronavirus

di Redazione VN
calcio-coronavirus

A seguire vi riportiamo un estratto con tutte le notizie più importanti uscite oggi relative a Coronavirus e calcio

Serie A, ipotesi doppia ripartenza. Domani l’assemblea

Serie ARipartire davvero con tutte le 20 squadre nelle stesse condizioni. È questo l’orientamento che sembra prevalere attualmente nella Lega Serie A, alla vigilia di un’assemblea che dovrà formalizzare la proposta di cui discutere giovedì nell’atteso e decisivo incontro col ministro dello Sport Vincenzo Spadafora. L’idea è quella di utilizzare la data del 13 giugno per i 4 recuperi della 25esima giornata. Poi il 20 giugno il campionato ripartirebbe in blocco per il 27° turno. LEGGI LA NEWS.

——————————————–

Il virologo Pregliasco: “Una piccola parte di tifosi negli stadi da metà luglio? Possibile”

“Da metà luglio possibile una piccola fetta di spettatori negli stadi? È possibile. Per ridurre quanto più possibile la circolazione del virus, è giusto agire con cautela”. Lo ha detto il virologo Fabrizio Pregliasco, docente di Igiene e medicina preventiva all’Università Statale di Milano, direttore sanitario dell’Istituto Galeazzi, ai microfoni di Radio Punto Nuovo.

————————————————————

Giallo in Bundesliga: giocatore del Lipsia aveva il Coronavirus ed è stato nascosto

Lipsia-Bundesliga
Leipzig (Photo by Martin Rose/Bongarts/Getty Images)

In Germania si continua a giocare, la 27° giornata di Bundesliga ha dato spettacolo raccogliendo ben 32 gol (CLICCA QUA PER TUTTI I RISULTATI DELLA GIORNATA). La partita del Lipsia ha suscitato però più di un dibattito visto che è stata l’occasione per il ritorno al gol dell’esterno d’attacco Marcel Sabitzer che sarebbe stato affetto da Coronavirus. LEGGI TUTTO

——————————————————

24 maggio

La Figc prova ad accorciare i tempi: protocollo inviato a Spadafora

Con un giorno d’anticipo rispetto a quanto previsto, la Figc ha inviato oggi pomeriggio al Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, il protocollo definitivo relativo alle norme da applicare per far sì che Serie A, B e C possano ripartire con la loro regolare attività. Adesso la palla passa al Governo, in attesa del 28 maggio quando si terrà il fondamentale e decisivo incontro tra i vertici di calcio e politica. Lo racconta gianlucadimarzio.com.
———————————————————-

Ripartenza: ecco il calendario dell’avvento del calcio post-virus

Spadafora-Serie A
(Photo by Claudio Villa/Getty Images)

La Gazzetta dello Sport traccia una linea che congiunge tutte le tappe fondamentali da qui a metà giugno, quando il calcio di massima serie italiana, in teoria, potrà ripartire: da domani, quando sarà inviato il nuovo protocollo, fino all’incontro di giovedì tra il Ministro Spadafora e i rappresentanti del mondo del pallone, passando per il Consiglio di Lega di martedì. LEGGI LA NOTIZIA COMPLETA

————————————————-

La Uefa avverte: Coppe vietate a chi non paga i calciatori

Se non pagheranno tutti gli stipendi ai giocatori, le società non potranno iscriversi alla prossima edizione delle coppe europee, per violazione del Financial Fair Play. E’ quanto rivela l’edizione odierna di Repubblica, che sottolinea come le società rischino l’esclusione a meno che non siano gli stessi calciatori, in nome di accordi sui compensi, a firmare una liberatoria. LEGGI TUTTO

———————————————

23 maggio

Spagna, la Liga ripartirà l’8 Giugno

Come annunciato dal primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, la Liga tornerà in campo la settimana dell’8 giugno. In merito non sono tardate ad arrivare le dichiarazioni di Javier Tebas, presidente della Federazione iberica: “Siamo contenti della decisione adottata dal governo”. Leggi tutte le parole di Tabas CLICCANDO QUI

 


Playoff e playout, i club sono contrari. I motivi del rifiuto

Per quali ragioni le società di A non gradiscono l’ipotesi playoff e playout, tanto cara alla FIGC di Gravina? La Gazzetta dello Sport risponde che è questione di investimenti e calendario: il mercato invernale è stato finanziato per un certo tipo di seconda parte di stagione, e il calendario ha messo davanti impegni diversi per ogni squadra da gennaio a marzo. LEGGI TUTTO


Linea dura tra Lega Serie A e Sky: scattano le diffide?

Serie AProsegue la “guerra” tra Lega Serie A e Sky. Come scrive il Corriere dello Sport, la prossima potrebbe essere la settimana delle diffide. I club continuano a pretendere dalla tv il saldo dell’ultima rata. Diversi, invece, i termini con Dazn e Img che, a differenza di Sky, avevano chiesto una dilazione e non tagli. Da loro la Serie A è disposta ad accettare un piano di rientro che dovrebbe essere recapitato a breve. LA NOTIZIA COMPLETA

—————————-

22 maggio

Spadafora: “Protocollo per gli allenamenti di gruppo, lunedì quello per riprendere la Serie A”

Vincenzo SpadaforaCosì il Ministro Vincenzo Spadafora ospite su Rai 1, questo il suo messaggio sulla Serie A. “Parto con due novità. Pochi minuti fa abbiamo pubblicato il protocollo che consente alla FIGC di riprendere gli allenamenti di squadra (LEGGILO). È arrivato l’ok definitivo dal Comitato Tecnico Scientifico. L’altra novità è che ho appena appreso che lunedì 25 riceveremo dalla FIGC il protocollo per la ripresa del campionato”. LEGGI L’INTERA NOTIZIA

——————————————————–

Malagò: “Ripresa? Presidenti di Serie A egoisti. Ho chiesto alla Figc un piano B”

Malagò“C’è egoismo da parte di tutti i presidenti dei Serie A sul fatto di voler giocare o no? Si, tutti hanno in qualche modo un condizionamento da una posizione di classifica, non mi sento di dire che ci sono buoni e cattivi. Questo forse è nella natura umana che ci possono essere delle spinte, in virtù anche del fatto che nel momento in cui si è fermato tutto uno era ad un punto dalla retrocessione o dallo scudetto”. Lo ha dichiarato il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a Radio Incontro Olympia. LEGGI TUTTO QUI

————————————–

Serie A, ipotesi play-off/play-out: la Fiorentina potrebbe giocarsi l’EL

All’interno delle pagine de La Repubblica (edizione nazionale) troviamo la spiegazione del piano B che la Figc potrebbe applicare in caso di nuovo stop alla Serie A. Tutte le possibili soluzioni per le squadre di Serie A CLICCANDO QUI

—————————————————————

Gravina ai calciatori: “Assurda la loro protesta mentre il paese riparte”

La versione di Gabriele Gravina è il tentativo di conciliare un movimento che si sfalda proprio adesso che il governo sembra pronto a dare il via libera alla ripartenza del campionato. “La Lega Serie A ha indicato il 13 giugno come data per la ripresa. Aspettiamo l’incontro con il Ministro Spadafora il 28 maggio per capire se e quando potremo fissare una data che in tanti aspettano. LEGGI TUTTO QUI

—————————————————————–

21 maggio

Le curve: “Il virus da debellare siete voi che volete giocare”

La Gazzetta dello Sport si concentra anche sull’opinione di moltissime frange di tifo organizzato in Europa, contrarie alla ripartenza del calcio senza tifosi: sono circa 350 i gruppi che hanno aderito all’iniziativa in tutto il continente, diffondendo un lungo comunicato nel quale si chiede di fermare tutto finché tornare negli stadi non sarà sicuro. LEGGI LA NEWS COMPLETA

———————————————————

Un’estate in apnea: l’obiettivo? Tutto in poco meno di due mesi

David Alaba, Franck Ribery (Photo by Lars Baron/Bongarts/Getty Images)

La linea da seguire, al netto delle polemiche dell’AIC e delle tv, è decisa: tentare di finire la stagione, in ogni modo contemplabile e coniugabile alla sicurezza. Detto della volontà di ottenere una deroga dal Governo per partire il 13 giugno anziché il 20, la Serie A dovrebbe concludersi entro il 2 agosto, per poi lasciare spazio alle Coppe. LEGGI LA NEWS

————————————————–

20 maggio

Serie A, slitta la deadline per finire il campionato

Emergono ulteriori dettagli dal Consiglio della Figc di oggi (che ha deliberato la volontà di concludere i campionati di Serie A, Serie B e anche Serie C). Il termine ultimo della stagione 2019/2020 è stato indicato nel 31 agosto (con l’inizio della prossima stagione fissato l’1 settembre), anche se i tornei dovranno essere conclusi entro il 20 agosto. LEGGI LA NEWS
——————————————–

Consiglio Figc: “Finire tutti i campionati pro, compresa la Serie C”

A mezzogiorno è cominciato il Consiglio federale della Federcalcio che dovrà assumere decisioni importanti sulla ripartenza e conclusione dei campionati. Dopo oltre tre ore di riunione, ancora in corso, arrivano le prime notizie. I campionati di Serie B e C vanno avanti, mentre si fermano i Dilettanti. LEGGI LA NEWS INTERA
———————————————

Pres. Uefa fiducioso: “Presto allo stadio torneranno anche i tifosi”

Aleksander Ceferin in un’intervista al ‘Guardian’ si è così espresso: “Siamo pronti, seguiremo le raccomandazioni delle autorità ma sono assolutamente sicuro che il buon vecchio calcio, con i suoi tifosi, tornerà molto presto. Se scommetterei un milione di dollari sul fatto che gli Europei si potranno giocare nel 2021? Lo farei certamente”

————————————————-

19 maggio

Via libera agli allenamenti di gruppo: i dettagli

Il comitato tecnico scientifico ha validato il protocollo scritto dai consulenti medici di Federcalcio e Lega Serie A per gli sport di squadra e autorizzato gli allenamenti di gruppo. Il testo è stato approvato, seppure con precisazioni, e permetterà alle società di iniziare ad allenarsi in gruppo. LEGGI TUTTA LA NOTIZIA
———————————————

Spadafora: “La Serie A può ripartire il 13/06, ma dipende dalla curva dei contagi”

Vincenzo SpadaforaIl ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha parlato così all’Italpress della possibile ripresa della Serie A: “Quando potrà ripartire in sicurezza il campionato? Speriamo tutti il prima possibile, ma al momento non abbiamo ancora certezze, come ha ben ricordato il presidente Conte. Se, come speriamo, le curve dei contagi continueranno a scendere allora sarà possibile confermare quella data (13/06, ndr)  per la ripresa della Serie A. LEGGI LA NOTIZIA INTEGRALE

————————————————————–

UEFA, Ceferin ammorbidisce la linea: “Scadenza del 3 agosto una raccomandazione”

Il presidente della UEFA, Aleksnder Ceferin, sostiene il presidente del Lione, Jean-Michel Aulas il quale ha inviato una lettera ai parlamentari francesi per ribadire che la deadline del 3 agosto data dalla UEFA era solamente una raccomandazione e non un vincolo ufficiale. LEGGI LA NEWS

———————————————–

Lega-Tv, è muro contro muro. Il rischio è che si vada in tribunale

diritti tv serie ALe parti possono ancora parlare, ma è difficile che si arrivi ad un accordo. Questo, in sintesi, emerge dalle pagine della Gazzetta dello Sport in relazione alla questione dei diritti tv. Dopo la riunione di ieri, tutti restano fermi sulle proprie posizioni: società e Lega esigono il pagamento della sesta rata, i broadcaster acconsentono ma solo se questa verrà ribassata. LEGGI TUTTO

——————————————————-

18 maggio

Premier League: da domani allenamenti a piccoli gruppi

Come riporta Sky Sport, l’Inghilterra ha dato l’ok per far svolgere alle squadre allenamenti a gruppi di massimo cinque giocatori, sempre mantenendo le distanze e quindi senza contatto fisico. I giocatori dovranno firmare per la propria accettazione delle politiche in materia di sanità. LEGGI LA NEWS


La Serie A attende una deroga, altrimenti si riparte il 20/6

La ripresa della Serie A potrebbe slittare al 20 giugno. Questo perché il DPCM del 17 maggio firmato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte vieta fino al 14 giugno ogni competizione sportiva: “Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati” si legge Nel decreto. LEGGI TUTTO QUI


Tutto sul nuovo protocollo

La Gazzetta dello Sport fornisce un approfondito excursus sulle misure previste dal documento inviato dalla Lega al Ministro Spadafora, e da questi al Comitato tecnico-scientifico, che darà un responso a giorni. Le principali linee-guida le potete leggere nella news CLICCANDO QUI


17 maggio

Turchia in controtendenza: “Da luglio tifosi negli stadi”

Il presidente della Federcalcio turca Nihat Ozdemir ha rilasciato importanti dichiarazioni in merito alle disposizioni di sicurezza nel calcio: “Anche se per adesso rimane la decisione di giocare senza spettatori, forse da Luglio potremmo rivedere i tifosi negli stadi”. LEGGI TUTTO CLICCANDO QUI


Quattro nodi per la ripartenza: le richieste dei medici

L’edizione odierna de Il Messaggero ha fatto il punto sul quadro proposto dai medici della Serie A, che il Governo dovrà valutare e, eventualmente, accettare per dare il via libera. Il documento sanitario, che incarna le richieste dei responsabili delle squadre, si articolerà in quattro punti che potete leggere nella NEWS SPECIFICA


Spadafora: “I calciatori mi scrivono preoccupati. Se si riprende, non bisogna fermarsi”

(Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Così il Ministro Spadafora: “Anche nel mondo del calcio ci sono posizioni diverse, anche tra i calciatori ricevo molti messaggi sui social, cercano di contattarmi per dirmi le loro preoccupazioni. Il campionato può ripartire il 13 giugno? Noi stiamo lavorando per fare in modo che dopo che sia ripartito il campionato, poi possa anche concludersi. LEGGI LA NEWS COMPLETA

——————————————————————–

16 maggio

Gravina lavora per la ripresa: confronto col premier Conte. Non tramonta l’ipotesi playoff

Il calcio italiano lavora per la ripresa. Dopo gli incontri di ieri, le parole di Gravina e quelle di Spadafora, è un weekend decisivo. Già oggi, ma più probabilmente domani, scrive il Corriere dello Sport, vi sarà il confronto tra il presidente FIGC e il premier Conte. LEGGI LA NEWS COMPLETA

————————————————————–

Vicepres. AIC: “Ok dei calciatori a due settimane di ritiro, no quarantena di gruppo”

Così Umberto Calcagno, vicepresidente dell’AIC, a Radio Punto Nuovo delle criticità del protocollo proposto dal CTS per la ripartenza della Serie A: “I calciatori sono disposti ad andare in ritiro, per quelle due settimane che erano state concordate. Il problema resta la questione della quarantena”
———————————————————

Con un positivo club responsabili solo in caso di dolo o colpa

Il protocollo Figc dice che “per avere efficacia, le misure di “quarantena volontaria” devono essere “stringentemente” rispettate sotto la responsabilità del Medico Sociale”. Vuol dire che non ci sono limiti alla responsabilità dei medici in caso di positività in squadra? APPROFONDISCI L’ARGOMENTO CLICCANDO QUI
———————————————————-

15 maggio

Gravina: “Lavoriamo per migliorare protocollo. Quarantena obbligatoria? Ci preoccupa”

Gabriele Gravina, presidente FIGC, ha parlato a Rai 2: “Stiamo cercando di trovare degli aggiustamenti e dei punti di incontro per risolvere qualche piccolo ostacolo all’applicazione del protocollo. Stiamo cercando di prendere coscienza di alcune difficoltà: quello che ci preoccupa, e lo abbiamo rappresentato al ministro Spadafora è il tema della quarantena obbligatoria per tutta la squadra. LEGGI LA NEWS


AIC, Tommasi: “Servono data certa e chiarezza sui ritiri

Il presidente dell’Assocalciatori, Damiano Tommasi, è intervenuto a Rainews sull’incontro con i rappresentanti dei club con il protocollo del Comitato Tecnico-Scientifico al centro dell’attenzione: “Sicuramente non avere una data certa per l’inizio della stagione genera incertezza, vorremmo avere più dati e indicazioni. LEGGI LA NEWS
————————————————————

Vertice concluso, la Lega ribadisce alla FIGC le tre richieste

Il vertice tra Lega Serie A, Federcalcio e medici è terminato da poco, da Sky Sport arrivano i primi aggiornamenti. La Lega ha comunicato alla FIGC che il protocollo studiato dalla Federcalcio per la ripresa degli allenamenti dovrà essere rivisto in tre punti. Ovvero, nella modalità della quarantena in caso di calciatore positivo, nella modalità del ritiro e nella responsabilità dei medici. LEGGI LA NEWS
—————————————————–

Tamponi ripetuti, ritiri e limiti agli allenamenti: le regole del protocollo

Quali sono le regole del protocollo scientifico? La Gazzetta dello Sport le riassume in cinque punti che potete leggere per esteso nell’articolo che vi linkiamo qui
——————————————————

14 maggio

Maxi-ritiri, i club senza foresteria si dissociano. La Fiorentina riflette

Fiorentina febbraio 2020
immagine ACF

Alcune delle società che non dispongono di una foresteria per svolgere il ritiro previsto prima della ripartenza del campionato hanno preso in considerazione l’ipotesi di non affittare alberghi, ma di mandare i giocatori a casa alla fine di ogni allenamento. Il problema è di tipo logistico, e la Fiorentina è fra le squadre che stanno ponderando il da farsi. LEGGI LA NEWS

———————————————-

Ripresa campionato, è del Premier Conte la decisione finale

(Photo by Alastair Grant-WPA Pool/Getty Images)

Secondo quanto riportato da Il Messaggero, dopo l’ennesimo rinvio a centrocampo da parte di Spadafora con le parole espresse in Parlamento, e dopo la votazione della Lega Calcio che ha individuato nel prossimo 13 giugno il giorno giusto per riprendere a giocare, toccherà al Premier Giuseppe Conte il 20 maggio sciogliere ogni dubbio, l’ultima parola spetta a lui. LEGGI LA NEWS
————————————————————

Malagò: “Serie A ripartirà il 13 giugno al 99%, ma non so se finirà”

MalagòCosì il Presidente del Coni Malòagò a Rai2 “Al 99% la Serie A ripartirà il 13 giugno. Mi sembra che si stia facendo di tutto per ricominciare e per mettere in condizione il sistema di ripartire. Poi sulla possibilità che finisca bisogna avere la palla di vetro e questa è la mia opinione”. LEGGI LA NEWS
———————————————————–

Ultimatum dei club alle tv per la sesta rata. Vie legali in caso di mancato pagamento

diritti tv serie ADurante l’assemblea di ieri della Lega Serie A si è discusso anche delle televisioni. Come scrive La Gazzetta dello Sport, in 18 (astenuti Bologna e Sassuolo) hanno votato su quale atteggiamento opporre alle tv che rifiutano il pagamento della sesta rata. A Sky, Dazn e Img i club hanno decido di concedere ancora qualche giorno di tempo per procedere al saldo. Ma è un ultimatum, in caso contrario i club passeranno ufficialmente alle vie legali. LEGGI LA NEWS

——————————————————————–

13 maggio

Premier League: le regole della ripresa, vietato effettuare tackle

Secondo quanto riportato dalla BBC, anche la Premier League sta ultimando i preparativi per la ripresa del calcio giocato, ma non senza qualche novità di rilievo. Le regole imposte dai medici saranno molto rigide, obbligatori due test a settimana e divieto assoluto di effettuare tackle. LEGGI LA NEWS
———————————————————

Ufficiale: via agli allenamenti collettivi. E la Serie A propone una data per le partite

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora in un’informativa presentata alla Camera dei Deputati ha dato il via libera per gli allenamenti il 18 di maggio e nello stesso pomeriggio di oggi, nel corso dell’assemblea di Lega, la Serie A ha proposto una data per la ripresa del campionato: è il 13 giugno, votata a larga maggioranza dal club del massimo campionato. LEGGI LA NEWS
———————————————————-

Germania, si riprende sabato. No ad abbracci, strette di mano e… sputi

Vietati gli abbracci come manifestazione di giubilo, nessuna stretta di mano, e andrà “evitata la produzione di saliva (sputi)”. Sono queste alcune delle regole che i calciatori della Bundesliga e della Liga 2 dovranno rispettare, tornando in campo in Germania a porte chiuse sabato 16 maggio,
———————————————————

Spadafora: “Se il calcio ripartirà, lo farà in sicurezza

vincenzo spadaforaIl Ministro Vincenzo Spadafora ha tenuto un’informativa in Senato, parlando anche di calcio e di ripresa del campionato. Ecco alcune delle sue parole: “Le osservazioni sul protocollo saranno prese in considerazione dalla Federcalcio e si procederà alla ripresa degli allenamenti, se tutto andrà per il verso giusto, il 18 maggio. Il campionato deve poi riprendere in sicurezza, non è possibile cedere alla fretta o alle spinte strumentali. L’incertezza ha caratterizzato tutti i paesi” LEGGI LA NEWS
——————————————————————

12 maggio

Sottosegr. Salute, Zampa: “Con un nuovo contagiato stop definitivo alla Serie A”

Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images

Sandra Zampa, Sottosegretaria al Ministero della Salute è intervenuta ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, tra i temi affrontati anche la ripartenza del campionato di Serie A: “L’eventualità di una nuova positività tra i calciatori? Si ferma tutto, senza dubbio! Scatta automatica la quarantena e di conseguenza si ferma anche il campionato”. LEGGI LA NEWS

——————————————————–

Castellacci: “Molti medici sociali si dimetteranno se non tutelati”

(Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Enrico Castellacci, presidente dell’Associazione Medici del calcio italiano ed ex medico della Nazionale, ha commentato al Pentasport di Radio Bruno le decisioni del CTS sulla ripresa degli allenamenti di gruppo che addossano tante responsabilità in caso di nuove positività da Covid-19 ai medici sociali delle società professionistiche: “Come associazione medici del calcio stiamo mettendo tutti in guardia sulle difficoltà. La commissione governativa ha messo in evidenza quanto sia critica la posizione del medico sociale” LEGGI TUTTE LE DICHIARAZIONI
—————————————————————-

Domani l’assemblea di Lega, è scontro tra società e tv

Oltre al tema della ripresa, l’assemblea di Lega di domani – scrive La Gazzetta dello Sport – affronterà la questione diritti tv. Le parti ormai sono ferme sulle rispettive posizioni: le tv (e Sky lo ha confermato in una lettera inviata agli uffici di club e Lega venerdì sera, e ora riletta dai destinatari come una sorta di “ricatto”) non salderanno la sesta rata, l’ultima che devono ai club. Anche la posizione delle società è stata messa nero su bianco, e da lì non tornerà indietro. LEGGI TUTTA LA NEWS
—————————————————————–

11 maggio

Comitato tecnico scientifico: ecco cosa succede con un contagiato in una squadra

Le squadre di calcio devono essere sottoposte a una quarantena generalizzata di 14 giorni, in caso di una positivita’ al Coronavirus durante gli allenamenti collettivi che riprenderanno il 18 di maggio; inoltre le misure previste dal protocollo di sicurezza per la ripresa degli allenamenti di gruppo del calcio sono sotto la diretta responsabilità del medico sociale. LEGGI TUTTO L’ARTICOLO


I ministri: “Allenamenti di squadra dal 18 maggio, ma con prudenza”

Ministro della salute
(Photo by Franco Origlia/Getty Images)

Sì alla ripresa degli allenamenti collettivi, ma – scrive gazzetta.it – con grande prudenza. I ministri Roberto Speranza e Vincenzo Spadafora hanno diffuso una dichiarazione congiunta: “Le indicazioni del Comitato, che sono da considerarsi stringenti e vincolanti, saranno trasmesse alla Federazione per i doverosi adeguamenti del Protocollo in modo da consentire la ripresa in sicurezza degli allenamenti di squadra a partire dal 18 maggio”.
——————————————————–

Rebus calendario: ripartenza fra il 7 e il 14 giugno

Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images

La Gazzetta dello Sport si concentra sulle date dell’eventuale ripresa della stagione. Bisogna ripartire nella settimana fra il 7 e il 14 giugno. Anche perché la Uefa sarebbe disponibile ad allontanare ancora un po’ il traguardo limite, che per ora è fissato al 2 agosto. LEGGI LA NEWS
——————————————————–

Protocollo scientifico: il caso Dresda fa riflettere

Il parere del Comitato Scientifico sugli allenamenti di gruppo dovrebbe arrivare oggi o domani. Era atteso ieri. Come scrive La Gazzetta dello Sport, a un certo punto del pomeriggio, il posticipo della decisione è diventato un giallo. Il rinvio significa una frenata? Per ora la lettura pessimista non trova consensi nei diversi palazzi coinvolti nelle scelte degli scienziati. LEGGI LA NEWS
——————————————————–

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy