Ancora Lippi: “Commisso non sta mettendo solo soldi. Io in Viola? Se mi chiamano…”

Le parole dell’ex CT

di Redazione VN

L’ex CT Marcello Lippi ha parlato ai microfoni di Radio Toscana:

La Fiorentina deve lottare, deve essere consapevole della situazione in cui si trova. Succede a volte che squadre che partono con un altro obiettivo e magari con una squadra ben costruita si ritrovano per vari motivi in una posizione di classifica dove è necessario avere il coltello tra i denti per difendere la categoria. Vlahovic? Ha grandi qualità, chiaramente non può essere completo a 20 anniDeve capire che fa parte di un reparto ed è il punto di riferimento di una squadra che si affida soltanto a lui. Deve mettersi a disposizione dei compagni per il fraseggio, per gli scambi. Credo che questo un po’ gli manchi. Commisso? Sta dando entusiasmo alla città, come tutti i presidenti che investono tanto avrebbe piacere di vincere qualche partita in più. Mi piace, è una persona che ci mette tanta passione oltre che tanti soldi. Un futuro da dirigente alla Fiorentina? Ho smesso di allenare, se arrivassero chiamate per un ruolo extra-campo andrei ad ascoltare

Veretout, l’agente rivela: “Era alla Fiorentina, Giuntoli lo voleva ma Ancelotti disse no”

Lippi

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tagliagobbi - 3 settimane fa

    Io come dirigente lo prenderei subito. Uno come lui è quello che ci manca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Raf - 3 settimane fa

    A me Lippi piace,è in gamba.Un post sotto cita Gentile:inspiegabile il suo allontanamento dal mondo del calcio.All Under 21 fece benissimo e poi sparito nel nulla.Io gliela darei eccome un occasione anche a lui.Abbiamo bisogno di cervelli prima di tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. simuan - 3 settimane fa

    …sie ecco, ci mancherebbe solo questo pezzo da museo poi siamo a posto…vaiavaiavai…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Elmauri - 3 settimane fa

    Non lo prenderei. Non perché sia un gobbo, ma soprattutto perché il suo curriculum a livello dirigenziale è inesistente. Ma perché dobbiamo sempre fare da nave scuola a qualcuno? Passi per Vlahovic, ma gli altri… Si vuole davvero fare il salto di qualità? Allora si vadano a prendere dirigenti che abbiano già ottenuto grandi risultati in altre realtà, allenatori che abbiano dimostrato di valere già in altre squadre di livello medio/alto, giocatori di qualità. Basta scommesse e incognite! Come dite? Non vengono? Non scherziamo, basta pagarli…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Lk - 3 settimane fa

      Perché secondo te uno che vince champion, scudetti, mondiale non ha fatto anche da dirigente?
      Dove non ebbe voce in capitolo, Inter, fallì e se ne andò. Ti ricordo che un certo Ferguson lo aveva scelto come manager e suo erede allo United

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Elmauri - 3 settimane fa

        Un conto è allenare, un altro è gestire l’intera area tecnica. Ai gobbi dietro di lui c’era la fantomatica triade, con tutti gli intrallazzi e i metodi poco limpidi emersi qualche tempo dopo, dubito che Lippi da solo avrebbe raggiunto quei risultati. In nazionale gli è andata bene per 5 partite al mondiale, ma ricostruire una società (perché è questo ciò che bisogna fare da noi) è tutta un’altra storia.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Lk - 3 settimane fa

          Guarda che nella juve la maggior parte dei calciatori furono scelti da lui, dalla rifondazione della metà anni 90 compresi quelli della primavera, non a caso il figlio iniziò a fare il procuratore, la triade lì trattava e comprava.
          Non puoi dire che nel mondiale è andata bene per 5 partite, ti ricordi il caos che c era attorno alla Nazionale? Se quella non fu ricostruzione dimmi tu cosa fu allora.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Elmauri - 3 settimane fa

            Molta fortuna, siamo obiettivi. L’Italia diventò campione del mondo vincendo una sola partita seria (contro la Germania). In finale fu pareggio, ai quarti giocò con l’Ucraina e agli ottavi con l’Australia. Non fa testo quel mondiale. Quanto alla Juve, come già detto si tratta di successi macchiati da doping e metodi poco leciti (come dimostrato da calciopoli). Tant’è che Lippi non ha concluso nient’altro dopo…

            Mi piace Non mi piace
  5. alesquart_3563070 - 3 settimane fa

    Concordo in pieno. Però ho paura che rischi di fare un buco nell’acqua, ho l’impressione che ci sia una pericolosa tendenza a prendere solo yes man

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. muschio23 - 3 settimane fa

    Sieee qui ci sono gli over 40 di Firenze (gli stessi che si incavolano come bestie se gli parli di uno stadio per la Fiorentina oltre i confini comunali) che non vorrebbero mai ex gobbi solo “per questione di principio” e si offenderebbero.
    Io invece uno come lui anche solo come dirigente ce lo vedrei benissimo, anche solo per insegnare a certa gente ancora acerba cosa voglia dire avere la grinta e la mentalità vincente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dellone68 - 3 settimane fa

      Concordo. Se venisse qua con l’ambizione di fare qualcosa di buono perchè no? Il passato è il passato, lo si utilizza come bagaglio di esperienze, poi quello che conta è il presente ed il futuro. Di gobbi ce ne sono stati tanti qua e tutti o quasi hanno fatto bene. Ricordo, fra i tanti: Gentile, Torricelli, Di Livio, Trapattoni. Penco che questi possano bastare ed avanzare. Per chi è troppo giovane posso ricordare anche che quando Gentile giocava nella Juventus, era uno dei giocatori che odiavamo di più, lo stesso dicasi di Trapattoni. Poi sono venuti qua e la loro mentalità vincente s’è vista subito ed hanno fatto la differenza. Questo basta ed avanza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy