Veretout, l’agente rivela: “Era alla Fiorentina, Giuntoli lo voleva ma Ancelotti disse no”

Il retroscena dell’agente di Veretout parla di quando era alla Fiorentina e lo voleva il Napoli

di Redazione VN
Veretout

Mario Giuffredi, procuratore del centrocampista della Roma ed ex viola Jordan Veretout, ha parlato del suo assistito a Radio Marte:

Napoli? Il direttore Cristiano Giuntoli vuole prenderlo da due anni. Gattuso? Ho un ottimo rapporto, per lui il giocatore ideale per il 4-2-3-1 era proprio Jordan. Era la priorità per Gattuso e Giuntoli, ma economicamente è successo quel che è successo con la pandemia. Pazienza: il Napoli più di questo non poteva fare. Giuntoli lo voleva anche quando era alla Fiorentina, ma Carlo Ancelotti non l’ha voluto.

PER GIUGNO PIACE RICCI… MA NON E’ QUELLO DELL’EMPOLI

ROME, ITALY – FEBRUARY 14: Jordan Veretout of Roma celebrates with teammates after scoring their team’s second goal during the Serie A match between AS Roma and Udinese Calcio at Stadio Olimpico on February 14, 2021 in Rome, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)
3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. VIKINGO - 3 settimane fa

    altra perla di Corvino…. un vero peccato non aver avuto una squadra competitiva per l Europa per provare a tenerlo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aldo - 3 settimane fa

      Ah, corvino lo ha portato per due lire e è stato firmato la cessione da pradè. E corvino ha sbagliato. Continuo a essere perplesso..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ammazzalavecchiacolgas - 3 settimane fa

    Mi pare fosse stata la Fiorentina ad avviare trattative con Milan e Roma per non darlo al Napoli, che si era accordato con il giocatore a loro insaputa e per questo offriva cifre improponibili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy